Abu Mazen, la radice del male

Cosa vuole esattamente Abu Mazen? Vuole veramente uno Stato palestinese oppure intende rimanere in queste condizioni da “né carne, né pesce” ancora per un tempo indeterminato? La sensazione, quasi un certezza, è che Abu Mazen non voglia affatto uno Stato palestinese.

Già in passato spiegai i motivi per cui ad Abu Mazen non conviene creare uno Stato Palestinese, quello che però non mi spiego o non capisco è quali siano gli obbiettivi alternativi del Presidente palestinese. La mattina parla di pace con Israele e la sera fomenta il terrorismo palestinese con bugie talmente evidenti e palesi da apparire persino grottesche. E, mi chiedo, come mai nessuno si azzarda a “riprendere” Abu Mazen non solo sul suo incitamento alla violenza e sulle sue pacchiane bugie, ma soprattutto sui conti della cosiddetta “Palestina”. Possibile che negli ultimi venti anni nessuno in Europa si sia chiesto che fine abbiano fatto i miliardi di dollari profusi a larghe mani alla ANP e spariti nel nulla senza nemmeno un accenno all’impiego per programmi di sviluppo? Mi viene quasi da pensare che qualcuno a Bruxelles ci guadagni fior di soldoni perché l’alternativa sarebbe peggiore, sarebbe cioè l’essere vittime di una specie di ricatto terrorista sulla falsariga di quello di cui fu vittima (o complice) l’Italia di Aldo Moro.

Possibile che nessuno ( e dico nessuno) in Europa si chiede perché mai, nonostante avesse avuto ogni tipo di possibilità, Abu Mazen non abbia mai fatto nulla di reale per creare uno Stato Palestinese? Ma chi abbiamo a Bruxelles? Mica saranno tutti come la Mogherini sulla quale almeno possiamo parlare di “ideologia anti-israeliana” che la spinge a fare cose davvero oltre la vergogna? Ci sarà pure un burocrate onesto che chieda conto ad Abu Mazen delle proprie azioni.

Sento sempre parlare di “favorire il dialogo tra israeliani e palestinesi” per risolvere definitivamente la questione, ma come si può favorire il dialogo quando sul tavolo non si mettono tutte le verità? Anzi, mi chiedo come si possa favorire il dialogo quando sul tavolo vengono considerate solo ed esclusivamente le menzogne di Abu Mazen, quando queste menzogne vengono prese per buone e divulgate come “la verità”. Va bene la cecità ideologica ma qui andiamo molto oltre alla connivenza dettata dalla ideologia, qui siamo alla complicità in azioni terroristiche volte a capovolgere l’ordine democratico di una Stato, Israele, che è l’unica democrazia in Medio Oriente.

Abu Mazen, l’angelo della pace, non è altro che la radice del male, una radice infestante e subdola che riesce incredibilmente a spacciarsi per “la soluzione”, per uomo di pace. Aprire gli occhi su Abu Mazen, cominciare a chiedersi il perché di certi suoi atteggiamenti dovrebbe essere doveroso per l’Europa e per chi sostiene la formula dei due stati. Cominciare a chiedersi quele sia l’obbiettivo reale di Abu Mazen dovrebbe essere un imperativo per chi parla di “dialogo” e di “soluzione pacifica” della questione israelo-palestinese. Ma se questo non verrà fatto, se le domande continueranno a non essere poste, se si continuerà con la linea accondiscendente nei confronti dei palestinesi, allora non ci sarà alcuna possibilità di una soluzione pacifica. Per farlo bisogna estirpare la radice del male che ha un nome e un cognome, Mahmous Abbas, nome di battaglia Abu Mazen.

Recently Published Stories

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

accoglienza

Accoglienza: come un atto di civiltà si trasforma in un autogoal per la stessa civiltà

Accogliere senza essere in grado di farlo non solo non è un atto di civiltà ma diventa un vero boomerang nel momento in cui le buone intenzioni non sono sufficienti a mantenere la pace sociale

Abu Mazen, la radice del male

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
10