Chi sono i mercenari che combattono per Gheddafi

Dall’esplosione delle violenze in Libia si è subito parlato di “soldati mercenari africani” al soldo del dittatore libico responsabili di stragi e di immani violenze. Ma chi sono veramente questi mercenari tra i quali, secondo un sito web dell’opposizione libica ma non è confermato, ci sarebbero anche elementi italiani?

Ci sembra di poter smentire con quasi certezza che vi siano mercenari italiani mentre si parla con insistenza di mercenari bianchi che, secondo diversi testimoni, parlano francese e afrikaans il che farebbe supporre anche la presenza di mercenari sudafricani.  Di sicuro la maggioranza delle truppe mercenarie al soldo del dittatore libico sono nere africane, per lo più provenienti dal Kenya, dal Mali, dal Niger e dal Ciad.

La presenza di mercenari kenioti è una novità. A parlarne per primo è stato l’ex capo del protocollo del col. Gheddafi, Nouri Al Misrahi, in una intervista ad alcuni media arabi. Al Misrahi ha raccontato che negli ultimi giorni sono arrivati dal Kenya migliaia di ex militari rimasti disoccupati in patria e che avrebbero costituito questo esercito al soldo di qualsiasi dittatore li possa pagare. Secondo quanto afferma Nouri Al Misrahi, supportato da altre testimonianze, i mercenari kenioti sarebbero molto ben addestrati e inquadrati in gruppi che fanno capo ad ufficiali altamente professionali. La truppa keniota sarebbe l’ultima linea di difesa del Col. Gheddafi e non sarebbe implicata nelle violenze contro i civili. Discorso diverso per i mercenari provenienti da Ciad, Niger e Mali. Questi sarebbero disorganizzati, senza una vera e propria linea di comando, una sorta di cani sciolti che commettono ogni tipo di abuso, entrano nelle case e violentano le donne per poi, molto spesso, ucciderle. Sono quelli che sparano in maniera indiscriminata sui civili che vedono radunati o addirittura semplicemente in coppia. In Libia sono stati soprannominati “Dogs of war”. Alcuni di questi gruppi sono comandati e coordinati da mercenari bianchi che, secondo diversi testimoni, parlerebbero francese o afrikaans  i quali le poche volte nelle quali ci sarebbe un coordinamento, individuano gli obbiettivi da colpire lasciando però completa mano libera ai mercenari.

Viene invece smentito che tra i mercenari vi siano anche militari dello Zimbabwe. E’ stato il Ministro della Difesa dello stato africano, Emmerson Mnangagwa, a smentirlo categoricamente parlando di “vile speculazione” ai danni dello Zimbabwe.

In ogni caso tutte le fonti sono concordi con l’affermare che questi gruppi di mercenari sono molto bene armati con fucili di ultima generazione, lanciarazzi, lanciarazzi anticarro, esplosivi di ogni tipo, bombe a mano, mine di ogni tipo e, in alcuni casi, mezzi blindati dotati di armi pesanti e antiaeree. Proprio le armi antiaeree sarebbero nella disponibilità di un gruppo sudafricano che ha la propria base a Tripoli e sarebbe costato al Colonnello Gheddafi diversi milioni di dollari. Lo stesso gruppo gestirebbe le batterie di armi antinave dispiegate lungo la costa e alcune batterie di missili Scud a media e lunga gittata. La decisione di lasciare ai mercenari la gestione delle armi più potenti sarebbe stata presa dal Colonnello Gheddafi alla vigilia dello scoppio delle rivolte quando era chiaro che non poteva fare affidamento sul proprio esercito. Ne parla sempre Nouri Al Misrahi il quale riferisce di aver visto arrivare i mercenari sudafricani il 14 febbraio.

E chiaro che un quadro come quello appena descritto restituisce una situazione tutt’altro che rosea per gli insorti. Sembra infatti evidente che la maggior parte dell’arsenale militare sia ancora nelle mani del Colonnello Gheddafi soprattutto se si parla di armi pesanti. Se a questo aggiungiamo il mix formato dalla spietatezza dei mercenari africani e dalla preparazione dei “professionisti della guerra”, si capisce che prima di cadere (se mai dovesse cadere) Gheddafi scatenerà contro gli insorti tutta la sua forza con migliaia e migliaia di perdite in termini di vite umane. Su come evitare tutto questo è aperto un dibattito tra le cancellerie dei maggiori Paesi occidentali. Si pensa anche a un intervento armato “umanitario” del tipo di quello fatto in Jugoslavia, ma Gheddafi potrebbe non aspettare che questa idea si concretizzi. I suoi “Dogs of war” sono già all’opera.

Noemi Cabitza

Recently Published Stories

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

accoglienza

Accoglienza: come un atto di civiltà si trasforma in un autogoal per la stessa civiltà

Accogliere senza essere in grado di farlo non solo non è un atto di civiltà ma diventa un vero boomerang nel momento in cui le buone intenzioni non sono sufficienti a mantenere la pace sociale

Chi sono i mercenari che combattono per …

by Franco Londei tempo di lettura: 3 min
4