Come cambierà l’informazione di Secondo Protocollo nelle prossime settimane

Da sempre, uno dei maggiori obbiettivi che si è posta l’Associazione Secondo Protocollo, è quello di utilizzare il potentissimo mezzo fornito dalla rete internet per la difesa dei Diritti Umani. Per questo motivo è stato creato un network di siti internet che abbracciano sia diverse tematiche che diverse problematiche. Per sfruttare al meglio questo network e quindi le potenzialità di internet, abbiamo deciso di fare alcune modifiche alla nostra linea di difesa dei Diritti Umani implementata attraverso la rete.

Il sito internet di Secondo Protocollo rimarrà il punto centrale della lotta per la difesa dei Diritti Umani attraverso internet, ma subirà gradualmente un consistente cambio della linea editoriale prediligendo la pubblicazione di rapporti e inchieste a scapito delle notizie pure e semplici. Questo potrebbe consistere in una diminuzione delle pubblicazioni ma anche in una focalizzazione su alcuni temi specifici che spesso vengono superati all’evolversi degli eventi e quindi dalle notizie ad essi collegati. Insomma, il sito internet di Secondo Protocollo si focalizzerà esclusivamente su una informazione mirata e professionale destinata a incidere più pesantemente nella lotta per la difesa dei Diritti Umani.

Per quanto riguarda invece l’informazione pura e semplice dedicata agli eventi quotidiani che incidono nella lotta dei Diritti Umani e alle news dall’Italia e dal mondo ad essi collegati, saranno trattati dal sito internet Free Italian Press, di proprietà dell’Associazione Secondo Protocollo e nato come un vero e proprio progetto per la difesa del Diritto all’Informazione. Free Italia Press si trasformerà in breve tempo in un vero e proprio magazine al quale collaborano e collaboreranno solo ed esclusivamente volontari che aggiorneranno le news e le opinioni su fatti di attualità con frequenza maggiore (compatibile con la loro disponibilità) rispetto a quanto avviene a tutt’oggi. L’obbiettivo è quello di fornire una informazione quanto più possibile tempestiva sui fatti rilevanti che avvengono in Italia e nel mondo. Oltre a questo il sito ospiterà opinioni dei collaboratori sempre inerenti a fatti di attualità e alla politica italiana e internazionale.

Lo stesso scopo di Free Italian Press ma con target diversi ce l’ha il sito internet Rights Monitoring, anche questo di proprietà della Associazione Secondo Protocollo e nato come progetto specifico dedicato però all’utenza straniera. Il sito internet è in inglese ed è allo stato attuale in versione “beta”. Fatti salvi pochi articoli, la maggioranza delle news proviene da altre fonti di informazione internazionale ed è dedicata agli operatori del settore e ai media specializzati. Dalle prossime settimane saranno sempre più frequenti  gli articoli prodotti da nostri volontari o da quelle associazioni che hanno aderito al progetto. In sostanza Rights Monitoring è un contenitore di news, rapporti e analisi di varie organizzazioni e giornalisti impegnati nella difesa dei Diritti Umani in tutto il mondo.

Resta invece sostanzialmente invariato lo scopo e gli obbiettivi del Forum anche se nelle prossime settimane verrà dedicata molta più attenzione a questo che nelle nostre intenzione dovrebbe diventare un vero e proprio punto di incontro e dibattitto della community.

Questi sostanziosi cambiamenti di quella che, forse impropriamente, possiamo chiamare la “linea editoriale” ma che sarebbe più corretto chiamare la strategia di lotta in difesa dei Diritti Umani della nostra Associazione, saranno logicamente graduali e partiranno da un completo restyle di Free Italian Press che solo in futuro riguarderà anche Rights Monitoring e Secondo Protocollo. Lo scopo sarà quello di rendere immediatamente fruibili le informazioni anche a coloro che capitano per la prima volta sui vari siti e di facilitare la ricerca di argomenti specifici.

Speriamo con questi cambiamenti di contribuire ancora maggiormente alla difesa dei Diritti Umani attraverso l’uso della rete internet. Al vaglio ci sono anche altri progetti di cui alcuni già in corso (Ubuntu Africa Open Connectionlotta al Cyber Stalkinglotta alle violazioni dei Diritti Umani sui social network, ecc. ecc.) ai quali si unirà uno speciale server dedicato ai dissidenti politici che vivono in Paesi dove l’accesso a internet è vietato o controllato dai regimi che consentirà loro di aggirare i controlli in totale sicurezza, un progetto che è già attivo da diversi mesi per l’Iran ma che presto toccherà altre realtà non democratiche.

Da direzione di Secondo Protocollo

Recently Published Stories

kurdistan referendum

Kurdistan: forse non è proprio il momento migliore

Non basta essere determinati, forti e senza paura per affrontare una situazione come quella che si prospetta subito dopo il referendum, serve essere supportati pesantemente, serve avere sostegno militare e diplomatico, cosa che il Kurdistan oggi non ha

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

Come cambierà l’informazione di Secon…

by Franco Londei tempo di lettura: 3 min
0