Darfur: giorni decisivi per la pace

Sono giorni decisivi per la pace in Darfur. I rappresentanti dei gruppi ribelli sono riuniti a Doha, in Qatar, per trovare una intesa che gli permetta di presentarsi uniti ai colloqui con il governo sudanese che si terranno sempre in Qatar nelle prossime settimane.

A Doha sono presenti i rappresentati dei maggiori gruppi ribelli del Darfur, cioé il Justice and Equality Movement (JEM), il Sudan Liberation Movement Revolutionary Forces (SLM-RF) e il Addis Abab Group, un gruppo che rappresenta otto fazioni. Lo scopo della riunione, come detto, è trovare una formula che permetta ai ribelli del Darfur di presentare una richiesta unitaria al Governo di Khartoum. Il JEM aveva proposto di fondere i tre gruppi in un unico movimento, ma sia il SLM-RF che il Addis Abab hanno rifiutato questa eventualità. Ora l’obbiettivo sembra essere una sorta di cooperazione tra i tre gruppi, cioè un gruppo di coordinamento che studi le proposte da avanzare a Khartoum.

In queste ore sembra farsi avanti una terza possibilità, quella che i tre gruppi concordino una posizione unitaria pur restando fisicamente separati. Gli angoli da smuzzare sono quelli relativi alla distribuzione delle risorse e della formazione di una milizia locale. Il JEM, in quanto gruppo maggioritario, pretende una quota maggiore di risorse rispetto a quelle del SLM-RF e del Addis Abab Group mentre sarebbe disposto a cedere sulla milizia locale. Gli altri due gruppi su questa proposta tentennano molto. Vorrebbero una soluzione del tipo di quella adottata in Sud Sudan, cioè una regione semi-indipendente con un governo locale eletto con libere elezioni. Le risorse e la milizia sarebbero poi gestite dal governo che dovrà rappresentare tutte le realtà locali. La cosa non piace molto al JEM perché, sebbene militarmente sia il più forte dei tre gruppi, a livello di gradimento tra la popolazione si trova di molti punti dietro al SLM-RF.

Tra oggi e domani comunque i tre gruppi ribelli dovranno trovare una soluzione alle loro controversie interne perché il negoziatore che rappresenta ONU e Unione Africana ha fissato per lunedì prossimo, 22 febbraio, un colloquio diretto tra la delegazione dei ribelli e quella di Khartoum. Sul tavolo ci saranno inizialmente cessazione delle ostilità, sicurezza dei civili e cessate il fuoco globale. Solo i prossimi giorni si discuterà di suddivisione delle ricchezze, di spartizione della terra e di milizie locali.

E’ chiaro quindi che queste sono ore veramente decisive per la pace in Darfur. Il peso della responsabilità ora è tutto sulle spalle dei tre gruppi ribelli. La speranza è che JEM, SLM-RF e Addis Abab group mettano da parte gli interessi personali e pensino veramente al bene della popolazione.

Recently Published Stories

Medio Oriente: gli errori di Obama, la follia di Trump

Quello che sta avvenendo in Medio Oriente nelle ultime settimane è qualcosa di molto serio, complesso e pericoloso, qualcosa che non avrebbe bisogno dell’afasia di Trump che sta consegnando la regione nelle mani di Putin

Tal Flicker

Vietare le manifestazioni sportive nei paesi arabi

Quanto successo all’atleta israeliano negli Emirati Arabi Uniti è qualcosa di gravissimo, come gravissimo è il silenzio delle “democrazie” occidentali di fronte a questo affronto allo sport oltre che a una intera nazione

Trump, l’uomo che ci sta “twittando” verso l’ignoto

Bisogna uscire dalla logica che “siccome Obama è stato un pessimo presidente quello che fa Trump va tutto bene” perché non è affatto così. Trump rischia di essere peggio di Obama

corruzione in italia

Ma siamo sicuri che il problema è l’immigrazione e non mafia, corruzione e ingiustizia sociale?

Per stare dietro al pur serio problema rappresentato dalla immigrazione clandestina di massa rischiamo di perdere di vista i veri problemi del Paese, cioè mafia, corruzione e ingiustizia sociale

mogherini

Il Diritto secondo la Mogherini

Mogherini docet: «il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha molti poteri, ma non quello

kurdistan trump

Trump tradisce vergognosamente il Kurdistan. Tutto chiacchiere e distintivo

Se il tradimento di Trump nei confronti dei curdi lo avesse fatto Obama a quest’ora sarebbe stato seppellito dalle critiche. Invece con Trump tutti vergognosamente zitti

Darfur: giorni decisivi per la pace

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
0