E’ guerra vera in Somalia

Secondo i pochi rapporti che si riescono ad avere dalla Somalia, le truppe etiopi entrate nel Paese per dare manforte alla forza di pace dell’Unione Africana e alle truppe keniote contro i terroristi islamici di Al-Sahaabab, avrebbero conquistato diverse città importanti della Somalia centrale.

In particolare i rapporti che giungono in occidente parlano della conquista della fondamentale città di Beledweyne, conquista avvenuta dopo una furiosa battaglia tra terroristi ed esercito etiope che ha portato questi ultimi a prenderne il controllo. L’offensiva etiope continua e sta spingendo i terroristi islamici legati ad Al Qaeda sempre più verso il sud del Paese.

Sull’alto fronte si segnalano intensi scontri tra esercito keniota e terroristi islamici nell’area che comprende le giungle paludose lungo il confine tra Kenya e Somalia. I morti da ambo le parti sarebbero decine e anche in questo caso i terroristi di Al-Sahaabab sarebbero in fuga.

Nella capitale, Mogadiscio, le truppe dell’Unione Africana sono finalmente riuscite a prendere i controllo della città e la prima conseguenza è stata la distribuzione di aiuti umanitari alla popolazione, fatto questo che gli Al-Sahaabab impedivano con la scusa che le ONG erano un covo di spie. Ora l’obbiettivo è raggiungere al più presto i campi di sfollati del sud dove la situazione sta velocemente degenerando e portare loro gli aiuti umanitari necessari alla sopravvivenza.

Ora però è necessario che Unione Africana e Nazioni Unite non facciano gli stessi errori fatti in passato, cioè che diano per scontato che la situazione in Somalia si normalizzi da sola. Una volta raggiunto l’obbiettivo primario che è la distruzione degli Al-Sahaabab sarà necessario che le truppe di liberazione rimangano nel Paese per diverso tempo, quello necessario a garantire una certa sicurezza, la distribuzione di aiuti umanitari e l’organizzazione di un vero esercito somalo che possa garantire la sicurezza anche dopo il ritiro delle truppe straniere. Da troppi anni la Somalia è ostaggio di vari gruppi e forze terroristiche che ne minano seriamente la stabilità. Ora per la Somalia è il tempo della pace.

Secondo Protocollo

Recently Published Stories

Medio Oriente: gli errori di Obama, la follia di Trump

Quello che sta avvenendo in Medio Oriente nelle ultime settimane è qualcosa di molto serio, complesso e pericoloso, qualcosa che non avrebbe bisogno dell’afasia di Trump che sta consegnando la regione nelle mani di Putin

Tal Flicker

Vietare le manifestazioni sportive nei paesi arabi

Quanto successo all’atleta israeliano negli Emirati Arabi Uniti è qualcosa di gravissimo, come gravissimo è il silenzio delle “democrazie” occidentali di fronte a questo affronto allo sport oltre che a una intera nazione

Trump, l’uomo che ci sta “twittando” verso l’ignoto

Bisogna uscire dalla logica che “siccome Obama è stato un pessimo presidente quello che fa Trump va tutto bene” perché non è affatto così. Trump rischia di essere peggio di Obama

corruzione in italia

Ma siamo sicuri che il problema è l’immigrazione e non mafia, corruzione e ingiustizia sociale?

Per stare dietro al pur serio problema rappresentato dalla immigrazione clandestina di massa rischiamo di perdere di vista i veri problemi del Paese, cioè mafia, corruzione e ingiustizia sociale

mogherini

Il Diritto secondo la Mogherini

Mogherini docet: «il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha molti poteri, ma non quello

kurdistan trump

Trump tradisce vergognosamente il Kurdistan. Tutto chiacchiere e distintivo

Se il tradimento di Trump nei confronti dei curdi lo avesse fatto Obama a quest’ora sarebbe stato seppellito dalle critiche. Invece con Trump tutti vergognosamente zitti

E’ guerra vera in Somalia

by Franco Londei tempo di lettura: 1 min
1