Egitto: e ora si teme la grande fuga dei cristiani

Che alle elezioni egiziane ci sarebbe stata una forte affermazione dei Fratelli Musulmani era purtroppo noto a tutti, ma che a ruota li seguissero i salafiti (ultraestremisti islamici) nessuno davvero se lo aspettava. Invece sembra che sia andata proprio così anche se lo sapremo con certezza solo oggi. Secondo le voci che circolano i Fratelli Musulmani avrebbero preso il 40% dei voti mentre i salafiti avrebbero raggiunto incredibilmente il 30%.

La svolta verso l’islam radicale dell’Egitto è quindi chiarissima visto che se è vero che i Fratelli Musulmani sono certamente integralisti, i salafiti lo sono ancora di più. Non mi divulgherò nello spiegare le conseguenze a livello internazionale di questa radicalizzazione egiziana, lo faremo più approfonditamente nei prossimi giorni. Voglio invece concentrarmi sulle conseguenze che si avranno all’interno dell’Egitto e quali sono i timori della foltissima comunità cristiana (il 18% della popolazione), già duramente colpita nei mesi scorsi dagli estremisti islamici.

Per capire a che livello sia la paura della comunità cristiana egiziana, per lo più copta, basta leggere alcune dichiarazioni rilasciate dai fedeli e dai vertici della comunità stessa. A prevalere è la paura quando non il vero e proprio terrore. Sul sito web di “Copts United”, un giornale online gestito da una quarantina di giornalisti copti, è evidente il timore di un ulteriore inasprimento della repressione verso i cristiani e di una vera radicalizzazione dell’Egitto. E la musica non cambia anche sui molti blog gestiti da ragazzi copti, gli stessi che hanno partecipato in massa alla rivolta di Piazza Tahrir e che hanno visto come la loro “rivoluzione” abbia in effetti aperto le porte all’islam radicale e non alla democrazia. Preoccupa l’idea che a governare siano i Fratelli Musulmani, descritti come tutt’altro che moderati, ma soprattutto preoccupa l’incredibile affermazione dei salafiti, da più parte accusati dei numerosi assalti ai cristiani copti degli ultimi mesi.

E così l’idea che sembra prevalere tra i cristiani egiziani è quella di andare via dall’Egitto, un problema che a breve si potrebbe ripercuotere sull’Europa e sul mondo occidentale. E si, perché se si dovesse verificare questa apocalittica evenienza ci si troverebbe a dover affrontare la fuga di centinaia di migliaia di persone costrette ad abbandonare tutto per poter sopravvivere. Qualcuno dirà che è uno scenario apocalittico e certamente esagerato. Forse, ma a leggere le dichiarazioni di molti ragazzi copti, questo scenario è tutt’altro che remoto. C’è anche chi sostiene di non voler mollare, che “non permetterà agli estremisti islamici di mettere il velo alle loro donne”, ma sono la minoranza. A prevalere è la paura.

Ora, quali sono le cose da fare per evitare che tutto ciò avvenga? Innanzi tutto ci vuole un impegno preciso da parte dell’Europa a vigilare su quello che avverrà nelle prossime settimane in Egitto. L’Unione Europea deve fare forte pressione sul regime militare affinché impedisca con ogni mezzo qualsiasi forma di violenza contro i cristiani. Ma tutta la comunità internazionale, a partire dagli USA, deve essere vigile. Nel caso, non auspicabile ma possibile (visti i precedenti), che in Egitto inizi una campagna contro i cristiani, l’Europa deve essere pronta ad accogliere chi fugge dall’Egitto e a dargli sostegno. Così deve fare il resto della comunità internazionale. In questo momento non sarebbe affatto sbagliato che anche l’Onu dia il via ad una operazione di monitoraggio approfondito sulla condizione dei cristiani in Egitto e che, se fosse il caso, intervenga in maniera adeguata.

Lungi da me e da questa associazione lanciare allarmi basati sul nulla, ma dopo i risultati delle elezioni in Egitto la preoccupazione per il destino della comunità cristiana egiziana è molto forte. Per questo riteniamo che la comunità internazionale debba esprimersi adesso e non quando sarà troppo tardi. Finito il tempo delle congratulazioni di rito, si passi a ricordare ai governanti egiziani i loro doveri verso il mondo.

Marta Baldelli

Recently Published Stories

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

accoglienza

Accoglienza: come un atto di civiltà si trasforma in un autogoal per la stessa civiltà

Accogliere senza essere in grado di farlo non solo non è un atto di civiltà ma diventa un vero boomerang nel momento in cui le buone intenzioni non sono sufficienti a mantenere la pace sociale

Egitto: e ora si teme la grande fuga dei…

by Franco Londei tempo di lettura: 3 min
2