Elezioni in Sudan: ecco i risultati finali

Sono arrivati ieri in serata i risultati finali e ufficiali delle elezioni in Sudan. Come previsto Omar al-Bashir viene confermato alla presidenza del Sudan anche se non con quella maggioranza che era prevista dagli analisti. Al secondo posto si piazza il candidato del Sudan People’s Liberation Movement, Yasir Arman. In Sud Sudan plebiscito per Salva Kiir alla presidenza del Governo provvisorio del Sudan Meridionale (Goos).

Operazioni di voto in Sud Sudan

Ma vediamo i dati ufficiali diffusi ieri sera da Khartoum:

le schede valide sono state complessivamente 10.114.310 I voti sono stati così suddivisi

  1. OMAR HASSAN AL-BASHIR (National Congress Party) 68.24%
  2. YASIR ARMAN (Sudan People’s Liberation Movement) 21.69%
  3. ABDALLAH DENG NHIAL (Popular Congress Party) 3.92%
  4. HATIM AL-SIR (Democratic Unionist Party) 1.93%
  5. SADEQ AL-MAHDI (Umma Party) 0.96%
  6. KAMAL IDRISS (Indipendente) 0.76%
  7. MAHMOUD JEHA (Indipendente) 0.71%
  8. MUBARAK AL-FADIL (Umma Reform and Renewal Party) 0.49%
  9. MUNIR SHEIKH EL-DIN JALLAB (New National Democratic Party) 0.40%
  10. ABDEL AZIZ KHALED (Sudanese National Alliance) 0.34%
  11. FATMA ABDEL MAHMOUD (Sudanese Socialist Democratic Union) 0.30%
  12. MOHAMED IBRAHIM NUGOD (COMMUNIST PARTY) 0.26%

Contemporaneamente alle elezioni nazionali si è votato anche per eleggere il Presidente del Governo provvisorio del Sudan Meridionale. Come detto è stato un vero e proprio plebiscito a favore di Salva Kiir

le schede valide in Sud Sudan sono state 2.813.830. I voti sono stati così suddivisi:

  1. SALVA KIIR (Sudan People’s Liberation Movement) 92.99%
  2. LAM AKOL (Sudan People’s Liberation Movement for Democratic Change) 7.01%

Ora, a parte i numeri e i brogli segnalati al nord dagli osservatori internazionali, si apre per il Sudan una nuova e delicatissima fase che dovrà portare al referendum per l’autodeterminazione del Sud Sudan che si terrà nel gennaio 2011. In questo periodo di tempo che intercorre tra le elezioni appena concluse e il referendum del gennaio 2011 saranno molte le questioni che Bashir e Kiir dovranno affrontare, a partire dalla definizione dei confini fino alla suddivisione delle risorse. I punti delicati sono sempre gli stessi: i Monti Nuba e la questione di Abyei. La comunità internazionale dovrà vigilare molto attentamente per evitare un conflitto armato che non è per niente remoto.

Intanto questi sono i dati ufficiali che confermano Bashir alla guida del Paese e danno al Presidente sudanese l’opportunità di essere “riconosciuto” a livello internazionale e quindi di contrastare il mandato di cattura emesso dal Tribunale Penale Internazionale contro di lui. Questo era il primo chiaro obbiettivo di Bashir. Quali siano i prossimi obbiettivi non è dato sapere ma temiamo che siano tutti indirizzati ad impedire la secessione del Sud Sudan. Speriamo di no perché il risultato sarebbe un conflitto devastante.

Secondo Protocollo

Recently Published Stories

kurdistan referendum

Kurdistan: forse non è proprio il momento migliore

Non basta essere determinati, forti e senza paura per affrontare una situazione come quella che si prospetta subito dopo il referendum, serve essere supportati pesantemente, serve avere sostegno militare e diplomatico, cosa che il Kurdistan oggi non ha

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

Elezioni in Sudan: ecco i risultati fina…

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
1