Fotilla per Gaza? Solo una provocazione contro Israele

<<Alla luce delle cifre la cosiddetta “flottilla per Gaza” che sostiene di trasportare tonnellate di aiuti umanitari per Gaza, è solo una provocazione contro Israele>>. Ha sostenerlo in una conferenza stampa tenutasi oggi pomeriggio a Tel Aviv è il colonnello Moshe Levi, comandante del distretto di Gaza e responsabile per l’ufficio di coordinamento per gli affari umanitari.

Il Colonnello Levi ha poi snocciolato le cifre a cui faceva riferimento. Oggi come oggi a Gaza entrano oltre 100 camion di aiuti umanitari al giorno. Negli ultimi mesi questi camion hanno consegnato tra le altre cose, oltre 1.200 tonnellate di medicinali e attrezzature mediche, 155 tonnellate di cibo, 2.900 tonnellate di calzature e abbigliamento, 17milioni di litri (3,85 milioni di galloni) di combustibile diesel.

<<A Gaza entra di tutto e tutto quello di cui c’è bisogno, tranne i materiali che possono essere usati dai terroristi di Hamas per compere attentati contro Israele e per favorire azioni ostili>> ha poi continuato il colonnello Levi. << Grazie agli aiuti provenienti da Israele oggi a Gaza il tasso di disoccupazione è sceso al 38% contro il 48% di pochi anni fa e questo nonostante la forte opposizione di Hamas a qualsiasi processo di sviluppo>>. Secondo dati Onu negli ultimi mesi Israele ha permesso a oltre 6.000 palestinesi di lasciare Gaza per avere cure in Israele o in Giordania.

<<Alla luce di questi dati inoppugnabili confermati anche dalle Nazioni Unite, la missione denominata “flottilla per Gaza” è solo una provocazione e il tentativo di introdurre all’interno della Striscia di Gaza materiale proibito e persone amiche di Hamas che è cosa differente dall’essere amiche del popolo palestinese>>. Si è conclusa così la breve conferenza stampa dove l’IDF ha confermato la sua totale opposizione a far entrare la cosiddetta “flottilla per Gaza” nelle acque territoriali controllate dalla marina israeliana.

Secondo una fonte vicina ai vertici dell’IDF ascoltata oggi a Tel Aviv “il tentativo di forzare il blocco israeliano è un atto ostile contro Israele e non ha nulla a che vedere con l’assistenza umanitaria che, come ampiamente dimostrato dai fatti, è un modo palese di mascherare l’aiuto ad Hamas e non al popolo palestinese oppresso proprio dal movimento terrorista islamico”.

Sharon Levi

Recently Published Stories

fake news facebook

Fobia da Fake News

Fobia da Fake News, come non chiamare così il cervellotico comportamento di alcuni social network,

erdogan isis

La megalomania di Erdogan: la Turchia aprirà ambasciata a Gerusalemme Est

Il sultano turco, Recep Tayyip Erdogan, non molla l’osso della questione palestinese e rilancia con

nazareth natale

Nazareth, l’emblema della resa della chiesa cattolica all’Islam

C’è di che rimanere esterrefatti di fronte al silenzio della chiesa cattolica alla notizia secondo

La decisione di Trump vista una settimana dopo

Come ho detto più volte sono assolutamente convinto che il Presidente Trump abbia sbagliato i

Non possono farmi diventare simpatico anche Donald Trump

Ho detestato con tutto me stesso Obama, l’ho fatto per otto lunghissimi anni e quando

Non intifada ma jihad, la guerra santa che tutti volevano meno gli ebrei

Quello a cui stiamo assistendo in queste ore in Israele non è una intifada, che