Gaza: pacifinti incontentabili. Ma quanto sono str….zi questi ebrei….

Si definiscono pacifisti, confondono i terroristi con gli attivisti, supportano fattivamente Hamas e non gliene frega niente dei palestinesi. L’unica cosa che gli interessa è distruggere Israele. Punto. Questi sono gli incontentabili,quelli che se Israele annuncia un allentamento del blocco su Gaza non aspettano nemmeno di vedere la lista dei prodotti permessi per protestare. Il loro NO è senza se e senza ma, nella migliore tradizione bolscevica.

Ieri il Governo israeliano ha annunciato un allentamento del blocco su Gaza, senza però rendere noti (per ora) i materiali che da oggi sarà permesso introdurre nella Striscia di Gaza. Nemmeno l’Unione Europea lo sa. Ma a quanto pare i pacifinti lo sanno e sostengono che materiali tipo maionese, marmellata e schiuma da barba saranno permessi e che quindi trattasi solo di una “operazione cosmetica”. A parte che queste affermazioni assomigliano tremendamente e sinistramente a quelle rilasciate due giorni fa da Hamas (sarà un caso?), ma poi questi materiali erano già permessi. Chiedetelo ai boss di Hamas con cosa condiscono le tartine dei loro party se non con la maionese e, naturalmente, il miglior caviale del Mar Baltico. Sfido io che non vogliono più la maionese, ormai sono satolli. La schiuma da barba poi è permessa da una vita, solo che loro, sempre quelli di Hamas, non la usano. Che razza di veri uomini islamici sarebbero se si tagliassero la barba? E la marmellata? Avanti, la marmellata non manca mai in una buona colazione di una qualsiasi delle famiglie dei boss di Hamas, l’importante è che sia biologica e di buona qualità (magari prodotta in qualche kibbutz israeliano). Non sia mai che i loro figli si confondano con gli altri bambini palestinesi che la colazione la fanno con la marmellata cinese.

No, il problema è un altro. I generi alimentari non mancano a Gaza, lo dice persino uno dei ministri di Hamas all’ANSA, quello che manca sono le armi e il cemento armato per costruire i bunker sotto gli ospedali. Va detto però, a scanso di equivoci, che sia i missili che il cemento armato per i bunker sono da considerarsi “beni umanitari di prima necessità”. Mica vorremo privare i giovanotti barbuti (naturalmente) di Hamas del piacere di inviare ogni tanto un bel missile umanitario su Sderot, Kissufim o su Ashqelon. Mica vorremo che poi non abbiano un bel bunker nuovo di zecca sotto qualche ospedale dove potersi rintanare? Questa si che è una ingiustizia.

Ed ecco che allora i pacifinti si incazzano, gridano alla “operazione cosmetica”, dicono che Israele non permette agli attivisti (loro i terroristi li chiamano così quando non li chiamano resistenti) di esprimere al meglio le loro “qualità umanitarie”. Che cavolo, questa cosa è inammissibile. L’Europa, l’ONU, la NATO, il Patto di Varsavia, il Terzo (o era il quarto?) Reich, la Lega Araba, il Giappone, lo Zimbabwe e persino le Isole Tonga devono intervenire immediatamente. Israele va punita per questa sua incomprensibile ostinazione a non voler accettare le azioni umanitarie di Hamas. Questi ebrei sono proprio degli str….zi, pretendono di vivere nella propria terra. Ma come si permettono? Chi sono loro per rifiutare la grande umanità dei figli del Profeta?

Israele si è difesa dicendo che però il cemento e l’acciaio possono entrare a Gaza a patto però che siano per la ricostruzione di edifici civili da farsi esclusivamente su progetti sponsorizzati dalle Nazioni Unite, cioè che questi materiali siano effettivamente destinati alla costruzione di case per la popolazione e non per costruire bunker o ville faraoniche per i boss di Hamas (ma forse per quelle il cemento non è mai mancato). Str…zi due volte questi ebrei. Vogliono privare i ragazzotti di Hamas del piacere di vivere al sicuro, magari giocando a calcio balilla, sotto un bell’ospedale strapieno di bambini. Ma come si permettono di togliere la possibilità a questi innocenti di immolarsi alla causa del profeta e quindi di diventare martiri della causa di Hamas? Vogliono togliere ai barbuti pure la gioia di sfruttare quelle morti innocenti. Perfidi ebrei.

E così le prossime settimane dovremo assistere all’arrivo di nuove flotille stracariche di terroristi, pardon, di attivisti, pardon di nuovo, di pacifisti, pronti a immolarsi alla causa di Hamas per portare alla povera gente di Gaza tute rotte, scarpe finite e puzzolenti, carrozzine inutilizzabili, medicinali scaduti e, perché no, un po’ di buona marmellata cinese. Si sa, la colazione è il pasto più importante della giornata. Non sia mai che quei bambini si immolino alla causa di Hamas con lo stomaco vuoto.

Sharon Levi

Recently Published Stories

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

accoglienza

Accoglienza: come un atto di civiltà si trasforma in un autogoal per la stessa civiltà

Accogliere senza essere in grado di farlo non solo non è un atto di civiltà ma diventa un vero boomerang nel momento in cui le buone intenzioni non sono sufficienti a mantenere la pace sociale

Gaza: pacifinti incontentabili. Ma quant…

by Franco Londei tempo di lettura: 3 min
6