Gaza: raid di Hamas. Assaltate e chiuse decine di Ong “non compiacenti”

Striscia di Gaza – Tra lunedì e martedì scorso Hamas ha assaltato decine di uffici di Ong presenti nella Striscia di Gaza provvedendo al sequestro dei documenti, delle attrezzature e procedendo alla loro chiusura di fatto.

Secondo quanto si apprende da fonti delle stesse Ong, agenti armati della polizia del gruppo terrorista hanno fatto irruzione nelle sedi di quelle organizzazioni umanitarie che fino ad oggi si erano rifiutate di sottostare alle regole imposte da Hamas sugli aiuti umanitari. Gli agenti hanno sequestrato tutti i documenti (alcuni confidenziali), i computer, i fax e tutte le attrezzature elettroniche compresi i telefonini che hanno trovato all’interno degli uffici intimando poi ai cooperanti presenti di chiudere gli uffici.

La Ong palestinese Al-Mezan Center for Human Rights riferisce che gli agenti di Hamas hanno usato particolare durezza contro quelle Ong che difendono i Diritti delle donne e dei bambini tra le quali Sharik Youth Institution, Bonat Al-Mustaqbal (Future Builders) Society, the South Society for Women’s Health e la Women and Children Society.

Al-Mezan riferisce anche che ad una richiesta di spiegazioni, i poliziotti di Hamas avrebbero risposto che stavano cercando documenti comprovanti presunte “attività illegali” implementate dalle Ong e tracce di un “presunto tradimento” di alcune di loro.

Ricordiamo che Hamas proibisce qualsiasi progetto di sviluppo specialmente se rivolto verso le donne e i bambini. Oltre a questo controlla la quasi totalità degli aiuti umanitari che entrano nella Striscia di Gaza. Proprio nei giorni scorsi un commando di agenti del gruppo terrorista aveva devastato un campo estivo per bambini gestito dalle Nazioni Unite suscitando diverse (ma molto flebili) proteste.

L’azione dei giorni scorsi sembra volta a espellere dalla Striscia di Gaza quelle Ong che non sottostano alle imposizioni del gruppo terrorista e che per questo sono diventate testimoni scomodi della gestione degli aiuti umanitari che, come ampiamente dimostrato, vengono completamente gestiti da Hamas anche grazie alla connivenza di alcune Ong compiacenti.

Secondo Protocollo

[dm]10[/dm]

[dm]11[/dm]

Recently Published Stories

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

accoglienza

Accoglienza: come un atto di civiltà si trasforma in un autogoal per la stessa civiltà

Accogliere senza essere in grado di farlo non solo non è un atto di civiltà ma diventa un vero boomerang nel momento in cui le buone intenzioni non sono sufficienti a mantenere la pace sociale

Gaza: raid di Hamas. Assaltate e chiuse …

by Franco Londei tempo di lettura: 1 min
7