Gli Stati Uniti e non Putin rimangono i migliori alleati di Israele

Chi mi conosce sa che non ho in simpatia Barack Obama, lo ritengo il maggior responsabile dell’attuale macello che c’è in Medio Oriente e in Nord Africa. Ha concluso un accordo sul nucleare iraniano che grida vendetta e che probabilmente ha consegnato all’Iran la potenzialità nucleare, anche se forse non subito. Tuttavia è indubbio che gli Stati Uniti rimangono i migliori alleati di Israele, nonostante Obama e la sua guerra personale con Netanyahu.

Rabbrividisco quando vedo alcuni commentatori filo-israeliani paventare e augurarsi un qualche accordo tra Israele e la Russia di Putin. Capisco e condivido l’antipatia per Obama, capisco di meno la simpatia per Putin, uno che è il maggior alleato regionale dell’Iran e del dittatore siriano Bashar al-Assad, uno che solo pochi mesi fa ha venduto a Teheran il modernissimo sistema S-300 e chissà quante altre armi vende agli Ayatollah.

Obama, in compenso e nonostante i tanti madornali errori commessi in politica internazionale, ha appena concluso con Israele un accordo di aiuti militari miliardario, un accordo criticato da alcune parti e certamente migliorabile, ma che garantisce a Israele un ombrello protettivo che non viene garantito a nessun altro Paese al mondo. Putin lo avrebbe fatto? Avrebbe rinunciato alla strategica alleanza con Teheran per fornire aiuti militari a Israele? Non credo proprio e spiace che ci siano persone che “sognano” il contrario. Quello di Putin salvatore dell’occidente e strenuo combattente dell’estremismo islamico è un false flag che francamente non capisco da dove nasca visto che è il principale alleato di uno dei regimi islamici più radicali e violenti. L’unica cosa che fa Putin è combattere l’estremismo islamico concorrente di quello iraniano e curare gli interessi russi nella regione, né più né meno.

Poi con la testa e una buona immaginazione possiamo fare voli pindarici in ogni direzione e anche immaginare che Putin possa prendere il posto degli Stati Uniti nella difesa di Israele, possiamo immaginare un Putin difensore dell’occidente dagli estremisti islamici, possiamo immaginarlo come amico, ma poi a un certo punto si deve ancora tornare con i piedi a terra e la realtà sarà sempre quella, cioè che gli Stati Uniti sono e rimarranno i migliori alleati di Israele e dell’occidente, sempre sperando che Obama prima di andarsene non ne combini una delle sue.

Recently Published Stories

kurdistan referendum

Kurdistan: forse non è proprio il momento migliore

Non basta essere determinati, forti e senza paura per affrontare una situazione come quella che si prospetta subito dopo il referendum, serve essere supportati pesantemente, serve avere sostegno militare e diplomatico, cosa che il Kurdistan oggi non ha

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

Gli Stati Uniti e non Putin rimangono i …

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
2