Gravissimo in Sudan: deportati richiedenti asilo eritrei

Un fatto gravissimo è avvenuto lunedì scorso in Sudan quando le autorità di Khartoum hanno deciso di deportare in Eritrea alcuni richiedenti asilo eritrei che erano riusciti a sfuggire al sanguinario regime di Asmara, condannandoli di fatto a morte certa.

Due di loro sono stati addirittura freddati quando in prossimità del confine eritreo hanno cercato di scendere dal camion che li trasportava. I richiedenti asilo avevano cercato invano di fare richiesta di asilo politico al Governo di Khartoum che invece li ha fatti arrestare per “introduzione clandestina in Sudan” e non ha nemmeno preso in considerazione le richieste degli eritrei.

Una reazione durissima a questa grave violazione del Diritto Internazionale è arrivata dall’Alto Commissariato ONU per i Rifugiati (UNHCR) che ha tentato in tutti i modi di fermare la deportazione dei giovani eritrei, senza purtroppo riuscirvi. Si teme che alla base di questa deportazione illegale ci sia un accordo tra Asmara e Khartoum per la “reciproca assistenza” nella lotta ai dissidenti, accordo che prevederebbe la chiusura di alcuni uffici della dissidenza sudanese ad Asmara in cambio dell’arresto e della successiva deportazione di dissidenti eritrei  che per sfuggire al sanguinario regime di Afeworki sono costretti a passare per il Sudan.

Secondo i dati in possesso del UNHCR dallo scorso mese di maggio il Sudan avrebbe deportato circa 30  richiedenti asilo eritrei mentre alcune decine (il numero è imprecisato) sarebbero nelle prigioni sudanesi in attesa della deportazione. La UNHCR nelle scorse settimane aveva esortato il Governo del Sudan a rispettare il Diritto Internazionale e a concedere ai richiedenti asilo eritrei lo status di rifugiato politico. La risposta di Khartoum  è arrivata con la deportazione di lunedì scorso.

Secondo Protocollo

Recently Published Stories

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

accoglienza

Accoglienza: come un atto di civiltà si trasforma in un autogoal per la stessa civiltà

Accogliere senza essere in grado di farlo non solo non è un atto di civiltà ma diventa un vero boomerang nel momento in cui le buone intenzioni non sono sufficienti a mantenere la pace sociale

Gravissimo in Sudan: deportati richieden…

by Franco Londei tempo di lettura: 1 min
0