Guerra a Gaza e informazione: quanta ignoranza nella gente comune

L’uomo della strada ha una percezione completamente distorta della guerra a Gaza. Me ne sono reso conto ieri durante un incontro per discutere di cooperazione e sviluppo organizzato da una Ong italiana che opera in diversi paesi africani che cercava si racimolare i soldi per costruire una piccola centrale idroelettrica lungo il corso del Nilo (un progetto innovativo che non deturpa minimamente né l’ambiente né il paesaggio, ma ne parlerò in altre occasioni).

Ebbene, nel volgere di pochissimo tempo e grazie a quattro veri scatenati pro-pal, il discorso è passato dalla necessità di implementare un serio programma di cooperazione allo sviluppo in Africa, tra le altre cose per prevenire l’emigrazione di massa, alla situazione dei “poveri palestinesi”. Con il senno di poi mi viene da pensare che quei quattro provocatori che anno dato il via alla discussione lo abbiano fatto apposta, ma se devo essere sincero al momento non ci avevo pensato anche perché troppo impegnato a spiegare come i “poveri palestinesi” non siano poveri perché l’occidente non li aiuta, ma perché i soldi a loro destinati finiscono in tasca ai leader corrotti o nell’acquisto di armi.

Nella accesa discussione che ne è seguita, dove non sono mancati gli insulti, mi sono reso conto che la percezione che ha la gente comune del conflitto israelo-palestinese e in particolare della attuale guerra a Gaza, è del tutto fuorviata da una pressante e martellante propaganda pro-palestinese dalla quale scaturisce la convinzione che i palestinesi sono poveri e sfruttati dagli israeliani ricchi. I palestinesi non tirano razzi ma missiletti artigianali poco più pericolosi di un petardo mentre i cattivi israeliani rispondono con armi tecnologicamente avanzatissime. La prova? I morti palestinesi contrapposti a quelli israeliani. Nessuno dei presenti aveva mai sentito parlare di Iron Dome che fino ad oggi ha salvato la vita di migliaia di israeliani. Nessuno sapeva che da molti mesi sul sud di Israele piovono missili come fossero noccioline. Tutti convinti che la Guerra a Gaza fosse una aggressione israeliana. Da notare che tra la tanta gente presente non c’erano solo “uomini della strada” ma anche professionisti, dottori, imprenditori e un paio di politici. Eppure l’ignoranza regna sovrana.

La discussione è degenerata quando ho elencato (a mente) gli aiuti elargiti alla Palestina dalla comunità internazionale, aiuti letteralmente spariti nel nulla tanto che persino la Corte dei Conti Europea ne ha chiesto conto. E dato che si parlava di Africa ho specificato che la Palestina da sola riceve più aiuti umanitari in termini di aiuti procapite di tutta l’Africa messa insieme. Questa cosa, verissima, ha fatto infuriare i quattro “attivisti” pro-pal che non sapendo come giustificare tutto questo se ne sono andati insultando e minacciando.

Rimane il fatto però che tutta quella gente non ne sapeva nulla di tutto questo, non sapeva perché in questo momento i carri armati israeliani sono a Gaza, non sapeva perché i morti palestinesi sono più di quelli israeliani (e non si è parlato dell’uso che ne fa Hamas dei civili), non sapevano perché i “poveri palestinesi” sono così poveri.

Questa cosa mi ha fatto parecchio riflettere perché è immaginabile che di persone disinformate come quelle di ieri, magari in perfetta buona fede, ce ne siano parecchie, persone che pensano male di Israele semplicemente perché non si informano o lo fanno male. E qui dobbiamo ammetterlo, la propaganda palestinese funziona benissimo e a pieno regime, mentre la risposta israeliana è sempre un po’ zoppicante.

Ho sempre sostenuto che la guerra in Medio Oriente non si combatte solo sul campo ma anche con l’informazione. Per adesso la guerra dell’informazione la stanno vincendo loro. Sarà meglio quindi darsi una bella svegliata.

Recently Published Stories

fake news facebook

Fobia da Fake News

Fobia da Fake News, come non chiamare così il cervellotico comportamento di alcuni social network,

erdogan isis

La megalomania di Erdogan: la Turchia aprirà ambasciata a Gerusalemme Est

Il sultano turco, Recep Tayyip Erdogan, non molla l’osso della questione palestinese e rilancia con

nazareth natale

Nazareth, l’emblema della resa della chiesa cattolica all’Islam

C’è di che rimanere esterrefatti di fronte al silenzio della chiesa cattolica alla notizia secondo

La decisione di Trump vista una settimana dopo

Come ho detto più volte sono assolutamente convinto che il Presidente Trump abbia sbagliato i

Non possono farmi diventare simpatico anche Donald Trump

Ho detestato con tutto me stesso Obama, l’ho fatto per otto lunghissimi anni e quando

Non intifada ma jihad, la guerra santa che tutti volevano meno gli ebrei

Quello a cui stiamo assistendo in queste ore in Israele non è una intifada, che