I disabili italiani muoiono e noi pensiamo alla accoglienza degli immigrati

Non c’è più trippa per i gatti. Ora basta. Basta con le accuse di razzismo ogni volta che qualcuno fa notare che abbiamo bisogno di pensare a noi prima che agli immigrati. Basta stanziamenti per l’emergenza immigrazione quando da noi di malattia e malasanità si muore come fossimo un paese in via di sviluppo. Non è cattiveria, non è razzismo, è pensare per una volta che noi veniamo prima di tutti gli altri.

disabili-protesta-romaLo so, queste mie parole faranno infuriare i buonisti radical chic con l’Iphone, l’Iphad o il nuovo videofonino di Windows, quelli che sono di sinistra ma non troppo, quelli che i morsi della crisi li vedono in TV e che di problemi di disabilità se ne fregano, che non sanno che un invalido al 100% in Italia prende solo 297 euro al mese e che con quelli ci deve campare, quelli che non sanno che i disabili gravi non hanno assistenza domiciliare e che se la vogliono se la devono pagare di tasca loro.

Per combattere su questo, su pochi miserabili euro per l’assistenza domiciliare è morto Raffaele Pennacchio, un malato di SLA che da giorni stazionava davanti al Ministero dell’Economia per chiedere che i disabili avessero l’assistenza domiciliare, un Diritto non un lusso, un dovere per lo Stato che però fino ad oggi è stato negato (o quasi).

E francamente mi fa parecchio incazzare che mentre i disabili (e mi ci metto pure io) debbano combattere contro i mulini a vento, non per avere  un lusso ma una vita dignitosa, in Italia si parli solo di emergenza immigrazione, di stanziamenti milionari per questa emergenza. E non me ne frega da dove arrivano i soldi, le priorità sono altre. E’ una guerra tra poveri dove noi siamo più poveri di loro. Loro bruciano i centri di accoglienza e vengono ascoltati, cosa dobbiamo fare noi? Metterci a bruciare qualche casa, darci a fuoco? Dobbiamo dichiararci rifugiati e chiedere asilo alla Germania?

Non ho niente contro i disperati che cercano accoglienza nel nostro Paese e vorrei che questo mio sfogo non venisse strumentalizzato per campagne anti-immigrati che non mi appartengono, vorrei però ricordare che non esistono solo gli immigrati e i Diritti degli immigrati, ma che c’è una Paese che è in fortissima sofferenza di cui nessuno si cura. Vorrei che prima di destinare risorse agli immigrati,qualsiasi risorsa, si destinino risorse gli italiani, ai poveri italiani che non muoiono in un barcone nel Canale di Sicilia ma che comunque muoiono anche se la cosa sembra non faccia più nemmeno notizia.

Recently Published Stories

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

accoglienza

Accoglienza: come un atto di civiltà si trasforma in un autogoal per la stessa civiltà

Accogliere senza essere in grado di farlo non solo non è un atto di civiltà ma diventa un vero boomerang nel momento in cui le buone intenzioni non sono sufficienti a mantenere la pace sociale

I disabili italiani muoiono e noi pensia…

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
1