Blog Opinioni

I muri da abbattere sono solo quelli culturali

Nei giorni scorsi è stato l’anniversario della caduta del muro di Berlino (ne ho parlato qui) e non sono mancati i riferimenti (immancabili) al muro difensivo eretto da Israele per fermare gli attacchi terroristici dei terroristi palestinesi. Tutti naturalmente a chiedere che quel muro venisse abbattuto che sarebbe un po’ come dire ai terroristi “prego accomodatevi”. Nessuno che abbia proferito una parola di condanna per i vili attentati terroristici di cui è vittima Israele oppure qualcuno che abbia ricordato quando gli autobus israeliani saltavano in aria come birilli. Nulla di tutto questo.

E allora mi sorge il dubbio che il vero muro da abbattere sia quello culturale e non quello difensivo eretto da Israele. Nel momento in cui si condanna un’opera che ha salvato decine, forse centinaia, di vite umane, che ha letteralmente azzerato gli attacchi terroristici e, al contrario, non si condanna chi quegli attacchi terroristici li ha portati e li sta portando, il problema è di mentalità, di cultura, una cultura pro-stragista e non pacifista come qualcuno vorrebbe far credere.

Posso capire se questo tipo di discorso arriva da un antisemita, l’antisemita è un imbelle di suo. Quello che non capisco e che non posso accettare è che questo tipo di discorsi arrivino da chi si disegna addosso l’aureola di “difensore dei Diritti Umani” oppure quella di “progressista e liberale”. Mi viene in mente qualche rappresentante della UNRWA che chiede l’abbattimento del muro difensivo ma nelle loro scuole insegnano ai bambini palestinesi a uccidere ebrei o che distribuiscono libri di storia palestinese anche se la Palestina non è mai esistita. Gente che ha un concetto tutto suo di “difesa dei Diritti Umani” e di “convivenza pacifica”.

Hanno ragione a dire che i muri andrebbero abbattuti, ma il primo muro che andrebbe abbattuto è quello culturale, quello eretto dalla ignoranza e soprattutto dalla malafede. Sono sicuro che quando questi muri cadranno anche il muro difensivo costruito da Israele cadrà come cartapesta.