Secondo Protocollo

Il silenzio non è una opzione: campagna di protesta contro la presenza di Ahmadinejad a New York

“Il silenzio non è una opzione”. Questo è il titolo dato da diversi gruppi per la difesa dei Diritti Umani e dalla dissidenza iraniana all’estero (escluso il PMOI) alla campagna globale di sensibilizzazione per protestare contro la presenza dell’assassino e aspirante genocida, Mahmud Ahmadinejad, a New York per l’annuale assemblea delle Nazioni Unite.

Le modalità della protesta sono del tutto pacifiche e si avvarranno sia delle risorse fornite dalla rete che di vere e proprie manifestazioni di protesta che si svolgeranno a New York. Su Twitter potrete trovare notizie e aggiornamenti in tempo reale digitando nella casella di ricerca “#4newiran” (senza virgolette) mentre su Facebook i gruppi attivi sono centinaia.

Per quanto riguarda le iniziative di protesta segnaliamo la manifestazione organizzata per il giorno 26 settembre alle ore 10 A.M. in Dag Hammarskjold Plaza, a New York (trovate la sua collocazione geografica a questo indirizzo). Altre manifestazioni sono previste nei giorni successivi. Il motto della manifestazione sarà “il silenzio non è una opzione”e verranno ricordate le centinaia di persone morte durante la “rivoluzione verde”, le migliaia di ragazzi e ragazze tutt’ora imprigionate per quelle manifestazioni, le centinaia di ragazzi incarcerati per reati di opinione e come in Iran i Diritti Umani siano un eufemismo.

Notizie aggiornate sulle manifestazioni contro Ahmadinejad le potrete trovare sul nostro furum oppure su Rights Reporter.