Informazione corrotta: chi c’è dietro la scema del villaggio?

Dunque vediamo: ieri due terroristi palestinesi investono deliberatamente una decine di persone. Ne ammazzano una, ne feriscono diverse anche in maniera grave e non senti un media italiota fiatare su questi fatti gravissimi che sembrano delineare una nuova forma di intifada e di attentato terroristico, quello di mettere sotto le persone. A parti invertite, se cioè un israeliano avesse messo sotto una decine di palestinesi come minimo partiva una flotilla, una denuncia all’Onu, Kerry si sarebbe catapultato in Israele e la Mogherini avrebbe sparato a zero contro i “coloni israeliani”, Abu Mazen sarebbe stato accolto al consiglio di sicurezza dell’Onu e i media di tutto il mondo avrebbe titolato a caratteri cubitali sulla “prepotenza degli israeliani”.

martireMa i morti sono israeliani e i terroristi palestinesi, “martiri” come gli definisce la scema del villaggio amica e complice di Hamas, quella delle tre dita davanti al forno che non erano dita e chissà invece cos’erano.

Va bene, fin qui tutto regolare, nulla di nuovo. I media italioti e occidentali fanno questo di lavoro, diffondono notizie fasulle ma che tirano e occultano la verità salvo poi stravolgerla quando gli israeliani reagiscono (la guerra di Gaza ne è un esempio lampante). Quello che a me fa rabbia non è l’ovvietà della malafede della stampa italiota e occidentale, quello che a me fa rabbia è che gente come la scema del villaggio non solo abbia un certo seguito di imbecilli, ma che le venga permesso di rimanere dov’è.

Questa mattina l’organizzazione che presiedo ha iniziato una campagna in Italia e in Israele per impedire che persone come la scema del villaggio continuino nella loro opera di istigazione a delinquere e di collusione con i terroristi. Ci siamo fatti una bella copia della sua pagina su Facebook e del suo blog, abbiamo iniziato a verificare punto per punto tutto quello che scrive per verificarlo con le autorità israeliane e della Autorità Palestinese. Quando avremo finito questo lavoro presenteremo una bella denuncia per istigazione a delinquere e al terrorismo sia in Italia che in Israele, qualcosa che finalmente faccia luce sulle sue collusioni e sui suoi finanziatori, su chi ci sia realmente dietro alla scema del villaggio, che noi riteniamo essere tutt’altro che scema. E’ solo un inizio ma che avrà un proseguo con altri scemi (poco scemi) del villaggio e che punta a demolire punto per punto la mala-informazione (la cattiva informazione è un’altra cosa).

Recently Published Stories

Quando i “giornalisti” vogliono fare Oriana Fallaci

Oriana Fallaci era una professionista, non diffondeva odio generalizzato a differenza di quello che stanno facendo alcuni giornalisti che si definiscono “suoi eredi”

Medio Oriente: gli errori di Obama, la follia di Trump

Quello che sta avvenendo in Medio Oriente nelle ultime settimane è qualcosa di molto serio, complesso e pericoloso, qualcosa che non avrebbe bisogno dell’afasia di Trump che sta consegnando la regione nelle mani di Putin

Tal Flicker

Vietare le manifestazioni sportive nei paesi arabi

Quanto successo all’atleta israeliano negli Emirati Arabi Uniti è qualcosa di gravissimo, come gravissimo è il silenzio delle “democrazie” occidentali di fronte a questo affronto allo sport oltre che a una intera nazione

Trump, l’uomo che ci sta “twittando” verso l’ignoto

Bisogna uscire dalla logica che “siccome Obama è stato un pessimo presidente quello che fa Trump va tutto bene” perché non è affatto così. Trump rischia di essere peggio di Obama

corruzione in italia

Ma siamo sicuri che il problema è l’immigrazione e non mafia, corruzione e ingiustizia sociale?

Per stare dietro al pur serio problema rappresentato dalla immigrazione clandestina di massa rischiamo di perdere di vista i veri problemi del Paese, cioè mafia, corruzione e ingiustizia sociale

mogherini

Il Diritto secondo la Mogherini

Mogherini docet: «il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha molti poteri, ma non quello

Informazione corrotta: chi c’è dietro…

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
3