Iran: flop della repressione. Politici italiani presenziano al disgustoso spettacolo del regime

Il regime non è riuscito a fermare le proteste dell’Onda Verde nonostante da diversi giorni lavori alla prevenzione con arresti arbitrari e intimidazioni.

La giornata è iniziata da subito con diverse manifestazioni contro il regime, puntualmente trasmesse dagli oppositori via Twitter e, straordinariamente, attraverso una radio pirata che in mattinata è riuscita a trasmettere via internet per pochi minuti le voci degli oppositori.

Il regime aveva organizzato tutto con molta cura. Come detto nei giorni scorsi aveva provveduto a degli arresti preventivi e aveva interdetto i giornalisti stranieri a trasmettere informazioni provenienti da fonti fuori da quelle ufficiali. I giornalisti che dovevano riferire sulla manifestazione commemorativa dei 31 anni della rivoluzione islamica erano stati portati direttamente sul posto senza avere la possibilità di vedere e trasmettere altro. Centinaia di pulman avevano portato la gente da ogni parte del paese, coscritti poverissimi che in cambio hanno un pasto caldo (qui il video). IRIB, il sito della radio-televisione iraniana ha trasmesso l’allucinante discorso di Ahmadinejad, dove tra le altre cose ha di nuovo minacciato di distruggere Israele, con un sottofondo fatto in studio dove si sentivano solo elogi al regime e urla di “morte all’America” e “morte a Israele”.

Mentre accadeva tutto questo in decine di piazze a Teheran e nel resto del paese milioni di iraniani scendevano in piazza al grido di “morte al dittatore” e “morte alla Russia” accusata di sostenere il regime. Migliaia di basiji sono stati messi in campo per fermare le proteste e, come sempre, hanno usato l’unica arma che conoscono, quella della violenza. Tre morti accertati, decine di feriti e centinaia di arresti sono il risultato della repressione del regime sui manifestanti pacifici. Nonostante questo, mentre scriviamo, decine di migliaia di iraniani sono ancora in piazza a protestare e un numero cospicuo di oppositori al regime sono davanti alla prigione di Evin a chiedere la liberazione dei prigionieri politici.

Non è servito bloccare internet, non è servito sparare sulla folla, non è servito nemmeno attaccare i due leader dell’opposizione, Karroubi e Moussavi, la folla non si è fermata e non si fermerà. Vuole libertà.

Fa impressione piuttosto sapere che due politici italiani, tali Fernando Rossi e di Monia Benini, abbiano partecipato alla delirante manifestazione governativa concedendo anche alcune interviste (qui quella concessa a IRIB). Una vergogna inaudita sostenere un killer come Ahmadinejad che massacra il proprio popolo solo per ragioni antisemite e politiche. Noi non sappiamo chi siano questi due vergognosi personaggi né sappiamo a che titolo si trovavano a Teheran nel palco delle personalità politiche, di certo non rappresentavano l’Italia e di certo non fanno parte né della maggioranza né dell’opposizione. Ci farebbe piacere sapere per conto di chi erano li e che partiti rappresentavano.

Un fatto è certo, la massiccia repressione ha fatto flop e il Movimento Verde è più vivo che mai e intenzionato a non sottostare ancora a questa dittatura di assassini e corrotti. Coloro che speravano che Ahmadinejad potesse soffocare nel sangue la rivolta (come probabilmente quei due “politici” italiani) si mettano il cuore in pace. La battaglia è appena iniziata.

Secondo Protocollo

I fatti di oggi in Iran ora per ora

Recently Published Stories

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

accoglienza

Accoglienza: come un atto di civiltà si trasforma in un autogoal per la stessa civiltà

Accogliere senza essere in grado di farlo non solo non è un atto di civiltà ma diventa un vero boomerang nel momento in cui le buone intenzioni non sono sufficienti a mantenere la pace sociale

Iran: flop della repressione. Politici i…

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
8