Iran & lapidazioni: non solo Sakineh Mohammadi. Altre tre donne rischiano la lapidazione

Il caso che riguarda Sakineh Mohammadi, la donna 45enne che rischia la lapidazione in Iran e che sta mobilitando tutta l’opinione pubblica mondiale, rischia di mettere in secondo piano altri tre casi di donne condannate a morte per lapidazione. Lo riferisce Mohammad Mostafai, l’avvocato difensore di Sakineh Mohammadi costretto a rifugiarsi in Norvegia per non rischiare di essere lui stesso arrestato dal regime per aver difeso alcune donne iraniane.

Le tre donne che, oltre a Sakineh Mohammadi, rischiano la lapidazione si chiamano Maryam Ghorbanzadeh, Kobra Babai e Azar Bagheri, anch’esse difese dall’avvocato Mostafai. La più a rischio delle tre è senza dubbio Maryam Ghorbanzadeh. Parlando dalla Norvegia, l’avvocato Mostafai ci riferisce che “mentre l’attenzione mondiale è focalizzata sul caso di Sakineh Mohammadi, Maryam Ghorbanzadeh ha già avuto la notifica di condanna con una piccola variazione. Nella prima notifica si parlava di lapidazione, ma dopo le proteste internazionali la parola “lapidazione” è stata artificiosamente cambiata in “esecuzione” senza che in realtà cambiasse niente. Il regime ha fatto cambiare quella parola solo per evitare altre proteste internazionali ma nella sostanza l’esecuzione avverrà per mezzo di lapidazione”.

I casi giudiziari delle due donne sono molto simili. Il sostituto procuratore di Tabriz, tale Nowbakht, aveva inizialmente inviato la documentazione relativa a Maryam Ghorbanzadeh alla 12esima sezione penale del tribunale provinciale concludendo che la donna era stata condannata a morte per mezzo di lapidazione. Quei documenti sono in mano all’avvocato Mohammad Mostafai. Negli ultimi giorni però da quei documenti è sparita la parola “lapidazione” che, come detto, è stata sostituita da “esecuzione” al solo scopo di fuorviare l’opinione pubblica mondiale. Per la cronaca, Maryam Ghorbanzadeh è accusata di complicità nell’omicidio del marito, un uomo violento e ossessivamente geloso che per molti anni, prima di uscire di casa, drogava la moglie per impedirle di fuggire come avevano fatto le sue due precedenti mogli. Una persona esterna (un uomo), venuta a sapere della tremenda situazione in cui si trovava Maryam Ghorbanzadeh, ha ucciso quell’uomo così violento e paranoico. L’assassino, essendo uomo, oggi è libero su cauzione mentre Maryam Ghorbanzadeh è in attesa dell’esecuzione. La condanna è stata pronunciata in seguito al ritrovamento di un video nel quale Maryam Ghorbanzadeh tratteneva un rapporto sessuale con l’omicida che, dopo la morte del marito,aveva sposato la donna con la formula del “matrimonio temporaneo”, una cosa molto diffusa in Iran. Il giudice, su denuncia dei parenti della vittima, ha ritenuto che quello fosse il pagamento per l’omicidio. Infine, una ultima crudeltà: Maryam Ghorbanzadeh è stata arrestata mentre era incinta. Quando la gravidanza era arrivata al sesto mese l’hanno costretta all’aborto perché una nonna incinta non può essere giustiziata.

La terza donna che rischia la lapidazione è Azar Bagheri e, se possibile, questo è il caso più scandoloso . Arrestata quando aveva solo 14 anni per una denuncia del marito (e qui già ci sarebbe parecchio su cui riflettere), Azar Bagheri è stata condannata a 100 frustate sul corpo nudo e a morte per lapidazione nonostante non vi fossero prove della sua presunta infedeltà. L’accusa si basa sul fatto che il marito di Azar Bagheri ha denunciato un complotto tra la moglie e un suo creditore nel tentativo di liberarsi del debito. L’avvocato Mostafai ha provato inequivocabilmente l’innocenza di Azar Bagheri , ma a nulla è servito.

L’ultima donna di cui si è a conoscenza che aspetta di essere lapidata e Kobra Babai. Suo marito è stato giustiziato a Tabriz con l’accusa di essere omosessuale. Kobra Babai è accusata di essere stata a conoscenza della omosessualità del marito e del fatto che stesse ricattando alcune persone. In effetti è emerso che il marito della donna non era affatto omosessuale ma aveva inventato questa storia proprio per portare avanti i suoi ricatti. La donna è stata comunque accusata di essere complice del marito per cui è stata condannata a morte per lapidazione.

Come si può vedere in Iran non c’è solo il caso di Sakineh Mohammadi ma altri casi, addirittura ancora più gravi come quello di Azar Bagheri, arrestata quando aveva solo 14 anni. Secondo l’avvocato Mohammad Mostafai sono decine le donne in attesa di essere giustiziate per mezzo di lapidazione, ma la comunità internazionale si è concentrata unicamente sul caso di Sakinh Mohammadi focalizzandosi unicamente su questo caso e rischiando così di sorvolare su un problema ben più vasto e che riguarda decine e decine di donne i cui Diritti vengono letteralmente annullati dal regime degli Ayatollah.

Giusto quindi prendere il caso di Sakineh Mohammadi come esempio e sfruttarne l’enorme impatto mediatico, ma solo se questo esempio non sovrasti tutti gli altri casi di cui purtroppo non se ne fa parola. L’appello di Mohammad Mostafai alla comunità internazionale è di non fermarsi al caso di Sakineh Mohammadi ma di mettere in discussione una volta per tutte a livello mondiale le crudeltà inflitte alle donne iraniane da questo regime misogino e sanguinario. Speriamo che qualcuno accolga questo appello e che ci aiuti nella nostra campagna contro questo sanguinario regime.

Parisa Elahi

Recently Published Stories

kurdistan referendum

Kurdistan: forse non è proprio il momento migliore

Non basta essere determinati, forti e senza paura per affrontare una situazione come quella che si prospetta subito dopo il referendum, serve essere supportati pesantemente, serve avere sostegno militare e diplomatico, cosa che il Kurdistan oggi non ha

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

Iran & lapidazioni: non solo Sakine…

by Franco Londei tempo di lettura: 3 min
0