Iran: oggi è il giorno della protesta degli studenti. Seguiamola ora per ora

proteste bannerAnnunciata da diversi giorni, oggi sarà la “giornata dello studente”, una nuova ed ennesima giornata della protesta contro il regime del dittatore Ahmadinejad. Il regime ha vietato qualsiasi assembramento e ha sospeso tutti gli accrediti ai giornalisti occidentali.

Questa decisione fa supporre che il regime reprimerà la manifestazione con estrema durezza e non vuole testimoni occidentali che possano in qualche modo far uscire dall’Iran foto e filmati della repressione. Presumibilmente nelle ore della manifestazione e della conseguente repressione Teheran sarà isolata dal mondo. La rete di telefonia mobile sarà oscurata così come la rete internet per impedire l’invio di immagini e video attraverso Twitter, Facebook o Youtoobe. Confidiamo comunque di poter aggirare in qualche modo le limitazioni imposte dal regime e di riuscire a dare le informazioni pressoché in tempo reale e con una certa frequenza.

Oggi, come ogni anno il 7 dicembre, si commemorano i morti della protesta studentesca del 1953 che vide le forze di sicurezza dello Scià uccidere tre studenti. Pochi mesi prima un colpo di Stato finanziato dagli USA aveva rovesciato il popolare Primo Ministro Mohammad Mossadeq. E così oggi i discendenti degli studenti che nel 1953 protestavano per il colpo di Stato dello Scià, protestano contro il colpo di Stato di Ahmadinejad.

I movimenti di resistenza al dittatore prevedono che milioni di persone prenderanno parte alla manifestazione nonostante il divieto assoluto di assembramento imposto dalla leadership dei Pasdaran.

Aggiornamenti in coda all’articolo o nei commenti

Secondo Protocollo

Ore 08.00 – la polizia in tenuta antisommossa ha circondato l’università di Teheran

Ore 08,47 – almeno venti madri di ragazzi uccisi durante le manifestazioni post-elettorali che volevano scendere in piazza questa mattina sono state preventivamente arrestate dalle forze di sicurezza iraniane

Recently Published Stories

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

accoglienza

Accoglienza: come un atto di civiltà si trasforma in un autogoal per la stessa civiltà

Accogliere senza essere in grado di farlo non solo non è un atto di civiltà ma diventa un vero boomerang nel momento in cui le buone intenzioni non sono sufficienti a mantenere la pace sociale

Iran: oggi è il giorno della protesta d…

by Franco Londei tempo di lettura: 1 min
50