Iran: un corpo speciale per proteggere gli scienziati nucleari

Un corpo speciale per proteggere gli scienziati nucleari. E’ questo che chiedono diversi parlamentari iraniani dopo la morte di Mostafa Ahmadi-Roshan, 32 anni, scienziato nucleare legato al programma nucleare iraniano. Roshan è l’ultimo di una lunga serie di scienziati legati al programma nucleare iraniano uccisi negli ultimi mesi.

Dopo gli omicidi precedenti, dei quali l’Iran accusa senza alcuna prova CIA e MOSSAD, era stato stabilito di fornire agli ingegneri nucleari che partecipano al programma nucleare iraniano una piccola scorta. Ora molti parlamentari e i vertici degli Ayatollah chiedono che venga istituito un apposito corpo per proteggere gli scienziati rimasti. Il corpo dovrebbe essere formato da elementi scelti delle Guardie della Rivoluzione Iraniana.

Mostafa Ahmadi-Roshan è stato ucciso da un ordigno magnetico attaccato in corsa alla fiancata della sua auto da due attentatori poi fuggiti in motocicletta. Secondo le autorità iraniane l’attentato è stato ordito dal MOSSAD. Tuttavia a Teheran non forniscono alcuna prova di quanto affermato.

L’ambasciatore iraniano all’ONU, Mohammad Khazaee, ha addirittura chiesto al Consiglio di Sicurezza di condannare con fermezza Israele per l’attentato, ma anche in questo caso nessuno ha fornito prove credibili che dietro a questo omicidio ci sia lo zampino dei servizi israeliani.

Fatto sta che questo ultimo incidente che ha visto coinvolto un ingegnere nucleare legato al programma nucleare iraniano, è un brutto colpo per Teheran. Mostafa Ahmadi-Roshan lavorava nell’impianto di Natanz dove era ufficialmente vice responsabile del dipartimento commerciale. In effetti, a quanto si dice, lavorava attivamente al processo di arricchimento dell’uranio allo scopo di raggiungere un livello di arricchimento tale da poter essere usato nella costruzione di ordigni nucleari. Quindi, una grossa perdita per gli Ayatollah.

Sarah F.

Recently Published Stories

kurdistan referendum

Kurdistan: forse non è proprio il momento migliore

Non basta essere determinati, forti e senza paura per affrontare una situazione come quella che si prospetta subito dopo il referendum, serve essere supportati pesantemente, serve avere sostegno militare e diplomatico, cosa che il Kurdistan oggi non ha

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

Iran: un corpo speciale per proteggere g…

by Franco Londei tempo di lettura: 1 min
0