Israele: un milione di cittadini sotto il tiro dei terroristi

Gerusalemme, 11 marzo 2012 – Sono un milione i cittadini israeliani abitanti il sud di Israele a cui è stato ordinato di stare nei rifugi a prova di razzo. Un milione di potenziali vittime dei terroristi palestinesi che continuano a lanciare ininterrottamente missili su Israele da venerdì scorso.

I bambini non possono andare a scuola, gli adulti non possono andare al lavoro, chi abbisogna di assistenza non la può ricevere per l’altissimo rischio portato dai missili palestinesi. Solo questa mattina sono stati sei  i razzi sparati da Gaza verso il sud di Israele, e questo dopo che ieri sera Hamas aveva chiesto un cessate il fuoco.

Nonostante tutto questo, nonostante l’ormai insopportabile esasperazione  a cui sono sottoposto un milione di cittadini israeliani, questa mattina i vertici dell’IDF hanno escluso un attacco di terra per fermare il lancio di missili, un attacco chiesto da più parti i cui piani sono pronti da mesi.

La stampa internazionale – Scandaloso (per non dire criminale) il comportamento di una buona parte della stampa internazionale nel riportare i fatti di ieri. In molti casi si parla di attacco israeliano a Gaza e si omette deliberatamente che quella israeliana è stata una reazione al lancio di oltre 40 missili da Gaza verso Israele. Senza dubbio criminale il comportamento di alcuni organi italiani che deliberatamente hanno distorto la verità o hanno relegato i motivi della reazione israeliana solo dopo aver titolato a caratteri cubitali “attacco a Gaza” omettendo persino di dire che le vittime palestinesi erano terroristi e non semplici cittadini, il tutto allo scopo di denigrare Israele.

Questa mattina il Ministro degli Esteri, Avigdor Lieberman, ha ricordato alla coalizione di Governo che uno degli obbiettivi che l’attuale coalizione si era posta al momento di prendere le redini del Paese era l’eliminazione definitiva di Hamas. Ha quindi chiesto ai vertici dell’IDF se non sia il caso di rivedere lal decisione di escludere un attacco di terra. «Un milione di cittadini israeliani sono ostaggio dei terroristi, non possiamo più permetterlo» ha detto Lieberman alla radio dell’esercito. E noi aggiungiamo che il tempo per eliminare definitivamente Hamas è ormai giunto. Tanto, alla fine, qualsiasi cosa faccia Israele verrà comunque sommersa dalle critiche. Tanto vale agire subito e senza esitazioni.

Sarah F.

Recently Published Stories

fake news facebook

Fobia da Fake News

Fobia da Fake News, come non chiamare così il cervellotico comportamento di alcuni social network,

erdogan isis

La megalomania di Erdogan: la Turchia aprirà ambasciata a Gerusalemme Est

Il sultano turco, Recep Tayyip Erdogan, non molla l’osso della questione palestinese e rilancia con

nazareth natale

Nazareth, l’emblema della resa della chiesa cattolica all’Islam

C’è di che rimanere esterrefatti di fronte al silenzio della chiesa cattolica alla notizia secondo

La decisione di Trump vista una settimana dopo

Come ho detto più volte sono assolutamente convinto che il Presidente Trump abbia sbagliato i

Non possono farmi diventare simpatico anche Donald Trump

Ho detestato con tutto me stesso Obama, l’ho fatto per otto lunghissimi anni e quando

Non intifada ma jihad, la guerra santa che tutti volevano meno gli ebrei

Quello a cui stiamo assistendo in queste ore in Israele non è una intifada, che