Italiani in difficoltà all’estero: continua a Dubai il sequestro di Gaetano Sparti

Del caso di Gaetano Sparti, trattenuto da due anni contro la sua volontà negli Emirati Arabi Uniti, ne avevamo parlato lo scorso 21 dicembre 2009 riassumendo molto brevemente la storia di quello che noi consideriamo a tutti gli effetti un vero e proprio sequestro di persona.

Durante questi ultimi mesi abbiamo seguito quotidianamente le vicende legate a questo incredibile caso che non ha nessun precedente nella storia del Diritto Internazionale e abbiamo cercato in tutti i modi di spingere le Istituzioni italiane a fare il loro dovere nella tutela dei Diritti di un cittadino italiano. Abbiamo cercato aiuto nell’Unione Europea facendo un esposto al Parlamento Europeo, esposto rigettato per “l’impossibilità del Parlamento Europeo di agire sulla questione specifica”. Abbiamo cercato, come in altre occasioni, di coinvolgere i media, i parlamentari e altre autorità. In ogni occasione sia i media che uomini politici di vario grado e titolo si sono trovati di fronte a un muro invalicabile su qualsiasi notizia riguardasse questo caso. Sono stati “sconsigliati” di interessarsi alla vicenda in quanto “molto complessa e ricca di retroscena inquietanti”. E per rendere la cosa ancora più esplicita, sono stati tirati in ballo persino i servizi segreti di vari Paesi. Qualche mese fa abbiamo scritto al Comitato per i Diritti Umani della Camera dei Deputati senza però alcun risultato. Infine, pochi giorni fa abbiamo scritto al Presidente della Commissione Speciale per i Diritti Umani del Senato della Repubblica ritenendo che il caso di Gaetano Sparti fosse di pertinenza della Commissione.

Ma cosa c’è di così “inquietante” nella vicenda che vede il nostro connazionale, Gaetano Sparti, accusato di cose mai commesse e improvvisamente catapultato dalla vita normale ad un incubo che dura ormai da due lunghissimi anni? Cercheremo di dirlo senza entrare nei dettagli delle informazioni specifiche perché l’unica cosa certa di questa storia è che effettivamente “qualcosa di inquietante” c’è realmente, qualcosa che potrebbe persino mettere in pericolo la vita di Gaetano Sparti e che tocca temi di politica interazionale molto complessi e particolarmente delicati, specie in questo particolare periodo e in quella specifica area, cioè Dubai.

Come detto, Gaetano Sparti è un ingegnere chimico ex dipendente della Nalco Italia, consociata alla Nalco Gulf con sede a Dubai. Ambedue le aziende fanno capo alla Nalco Company, una multinazionale americana attiva su diversi fronti e controllante di diverse altre società. Nel marzo 2008 Nalco Gulf accusa Gaetano Sparti di appropriazione indebita e, cosa molto più importante, di aver costituito una società con sede a Dubai avente le stesse caratteristiche e gli stessi scopi della Nalco Gulf. Per questo il 14 marzo 2008 il sig. Gaetano Sparti viene fermato all’aeroporto di Dubai e gli viene sequestrato il passaporto impedendogli il rientro in Italia. Nonostante le “lunghissime” indagini preliminari non abbiano trovato prove a conferma delle accuse della Nalco Gulf, Gaetano Sparti è stato rinviato a giudizio. Anche in giudizio durante le tantissime udienze di questi lunghi mesi (molte rinviate per futili motivi) non viene evidenziata alcuna prova di quanto affermato dalla Nalco Gulf ma, nonostante l’ormai evidente innocenza, nessuno (tranne naturalmente il sig. Sparti) ha intenzione di arrivare alla chiusura del processo, anzi, si fa di tutto per allungare gli ormai biblici tempi, tempi che oltretutto sono assolutamente inusuali per un Paese dove viene applicata la Sharia e con tempi medi di giudizio intorno ai tre mesi. E’ evidente la volontà di non arrivare al giudizio per non dover “liberare” Gaetano Sparti e continuare all’infinito a trattenerlo negli Emirati. Per fare questo la Nalco non bada a spese. Assume l’avvocato dell’Emiro di Dubai, Habib Mohamed Sharif Al Mula, insieme al tutto il suo staff (Abdul Aziz Al Hanaie, Tariq Al Shamsi, amira Al Bastaki, Eman Asad, Majed Asad e Amel Al Bastaki). Negli Stati Uniti e in Europa muove una vera e propria corazzata legale guidata dalla Clifford, una potentissima (e carissima) multinazionale di studi legali associati.

Ora, è credibile che per perseguire legalmente un solo uomo che, se fosse riconosciuto colpevole delle accuse mossegli, rischierebbe una pena detentiva di qualche mese, la Nalco spenda milioni di dollari solo in avvocati? Secondo noi NO.

E allora cosa c’è sotto? Ecco tornare alla ribalda la particolare situazione dell’area (ma non solo) e gli affari miliardari che ruotano attorno al particolare status di cui godono gli Emirati Arabi Uniti. Ci riferiamo in particolare al cosiddetto “sistema Rak Free Zone”, cioè a quella struttura molto particolare esistente negli Emirati Arabi Uniti che permette a chiunque di aprire una ditta commerciale in poche ore e di chiuderla in pochi minuti senza tante formalità. Quale miglior sistema per effettuare triangolazioni con quei Paesi sottoposti ad embargo aggirando le limitazioni imposte dalla Comunità Internazionale? Il discorso non è complesso, anzi, è semplicissimo. Se una ditta con sede (per esempio) negli Stati Uniti vuole vendere qualcosa a un Paese sottoposto ad embargo (Iran, Sudan, Cuba ecc. ecc.) apre in poche ore a Dubai una azienda fittizia con il sistema del Rak Free Zone. Dopo di che non deve far altro che “vendere” (anche solo virtualmente) la merce che vuole alla ditta con sede a Dubai da dove poi può essere spedita in tutto il mondo, compresi quei paesi sottoposti ad embargo. Una volta fatta la vendita la ditta a Dubai viene chiusa e nessuno riuscirà mai a risalire alla fonte.

Secondo noi (ma per ovvie ragioni non possiamo scendere nei particolari) il sig. Sparti è stato inconsapevolmente spettatore passivo di una o più triangolazioni di questo tipo con paesi sottoposti ad embargo. Prima si è cercato di attribuirgli la creazione di una di queste “aziende” e poi, non riuscendoci, si è cercato di coprire una operazione finanziaria “sospetta” con una appropriazione indebita chiaramente mai provata.

Lungi da noi fare semplici congetture, ci sono decine e decine di documenti che provano come questo sistema all’apparenza semplicissimo, sia continuamente usato per eludere l’embargo imposto a diversi Paesi. E’ chiaro che se un sistema del genere dovesse improvvisamente crollare o se venisse scoperta una delle aziende (o degli Stati) alla fonte delle triangolazioni, le perdite in termini di denaro sonante sarebbero nell’ordine di milioni e milioni di dollari. Se poi una delle aziende avesse sede in uno dei Paesi impegnati nella lotta al terrorismo le conseguenze per quella azienda e per i suoi amministratori sarebbero a dir poco drammatiche.

Ecco, Gaetano Sparti, un uomo di sessant’anni che ha sempre lavorato onestamente, stimato e rispettato da tutti i suoi colleghi, persona assolutamente irreprensibile che ha sempre vissuto una vita normale, si è trovato inconsapevolmente in mezzo a tutto questo vorticoso intrigo internazionale senza avere la minima possibilità di sottrarsi alle nefaste conseguenze generate dalla avidità di certe persone. Da due lunghissimi anni Gaetano Sparti è costretto a vivere a sue spese a Dubai senza avere la possibilità di fare niente, nemmeno le cose più semplici, perché senza documenti. Libero ma imprigionato in una costosissima prigione che in 24 mesi di sequestro si è mangiata i risparmi di una vita di duro lavoro.

In precedenza abbiamo parlato di una caso incredibile che non ha precedenti nella storia del Diritto Internazionale, ebbene confermiamo che il caso di Gaetano Sparti, sia per come è stato affrontato dalle Istituzioni italiane che per le conseguenze che potrebbe avere, non ha precedenti. Noi riteniamo che sia arrivato il momento di porre fine a questo sequestro di persona e ci aspettiamo la massima collaborazione da parte delle Istituzioni preposte affinché Gaetano Sparti possa al più presto tornare a casa. Non ci aspettiamo cose particolari ma solo quello che è dovuto a un cittadino italiano così come sancito dalla Costituzione. Non vogliamo creare problemi di nessun tipo a nessuno, ma la situazione psico-fisica del sig. Sparti è arrivata ad un punto drammatico e noi, a differenza di altri, poniamo l’essere umano e i suoi Diritti al di sopra di ogni cosa. Non permetteremo che la vita di gaetano Sparti venga messa seriamente a rischio per giochetti internazionali o per “ragioni diplomatiche”. E non saranno le minacce “legali” a intimorirci. Siamo in grado di difenderci in qualsiasi tribunale del mondo, che sia a New York o a Milano. Gaetano Sparti deve essere liberato con qualsiasi mezzo e chi è colpevole di questo vero e proprio sequestro ne deve rispondere di fronte alla giustizia internazionale o, in alternativa, ravvedersi. Non ci sono vie di mezzo.

Secondo Protocollo

Recently Published Stories

kurdistan referendum

Kurdistan: forse non è proprio il momento migliore

Non basta essere determinati, forti e senza paura per affrontare una situazione come quella che si prospetta subito dopo il referendum, serve essere supportati pesantemente, serve avere sostegno militare e diplomatico, cosa che il Kurdistan oggi non ha

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

Italiani in difficoltà all’estero…

by Franco Londei tempo di lettura: 5 min
2