Joseph Kony: il grande inganno durato oltre 20 anni

Anno del signore 2012, il mondo si accorge che nel cuore dell’Africa nera c’è un tipo che da oltre vent’anni massacra senza pietà chiunque gli capiti a tiro e che questo signore è l’uomo più ricercato dal Tribunale Penale Internazionale. Il suo nome è Joseph Kony, leader indiscusso del Lord’s Resistence Army (LRA), un gruppo ribelle nato in Uganda.

Bene, si dirà, meglio tardi che mai. E invece no. A me sembra l’epilogo davvero grottesco di un clamoroso inganno che va avanti ormai da oltre venti anni, un inganno che ha permesso a qualche dittatore semi-democratico di mantenere il potere con la paura del LRA tenendo allo stesso tempo un intero popolo in ostaggio proprio di quella paura. Non solo, Joseph Kony e il suo scassato ma sanguinario esercito di bambini soldato, sono stati usati in almeno tre conflitti diversi, conflitti nei quali all’apparenza il LRA poteva sembrare un corpo estraneo (mi viene in mente l’appoggio dato da Kony a Omar Al-Bashir nella guerra con il Sud Sudan) ma che in effetti aveva una sua logica nei giochi di potere africani.

Cosa voglio dire con questa mia lunga prefazione? Voglio dire che se Kony è riuscito a sopravvivere per oltre venti anni e a continuare a fare tutto quello che voleva il tutto con un esercito formato da qualche migliaio (a esagerare) di bambini soldato sottratti alle loro famiglie nel nord Uganda e, solo successivamente, nel Sud Sudan e nel Nord est della Repubblica Democratica del Congo, un motivo c’è e non è certo l’impossibilità di annientarlo militarmente. Semplicemente faceva comodo. Ha fatto comodo al presidente/dittatore ugandese Yoweri Museveni che con Kony ha tenuto sotto scacco l’intera popolazione Acholi del Nord Uganda, gli unici che potevano dargli seri problemi. Ha fatto comodo a Omar al-Bashir, dittatore sudanese che in cambio di denaro e armi ha usato Kony e i suoi bambini soldato nella guerra con il Sud Sudan e persino dopo la fine della guerra per gettare nel terrore intere aree da mettere nel “peso delle trattative”. Ha fatto comodo ai trafficanti di oro, diamanti e coltan del Congo che con il terrore del LRA hanno interdetto una vastissima area del nord est del Congo a qualsiasi controllo che non fosse il loro.

Andai in Uganda per la prima volta nel 2002, l’anno che coincise con una delle più grandi offensive della storia dello LRA, una offensiva che portò i soldati di Kony fino alle porte di Lira, città dell’Uganda centrale abitata per lo più da popolazioni Lango. Era la prima volta che Kony usciva dall’area di influenza Acholi e la cosa spaventò così tanto le popolazioni dei villaggi che nel giro di pochi giorni Lira fu invasa da centinaia di migliaia di profughi, cosa che era successa precedentemente a Gulu, a Kidgum e un po’ in tutto il nord. Ma Lira fu uno shock inaspettato per tutti, specie per le violenze inaudite che i “bambini di Kony” fecero nei villaggi intorno alla città e più su fino a Pader che divenne presto il posto più pericoloso dell’Uganda. Ricordo ancora il primo giorno che arrivai a Lira, ospite di COOPI, quando venni portato da Elena (capo progetto) all’ospedale della città per vedere le mutilazioni fatte dai “soldati di Kony” a quella povera gente e vidi per la prima volta in vita mia una donna con le labbra amputate da un macete (cosa che purtroppo vidi tante altre volte). Poi vidi gli immensi campi profughi privi di ogni cosa dove la gente moriva come mosche tra malaria e malattie varie. Più a nord, a Gulu, c’era il campo profughi più grande dell’Uganda e forse dell’Africa. In totale stima che circa due  milioni di ugandesi del nord, in maggioranza Acholi, abbiano vissuto in questi campi per molti anni diventando così assolutamente innocui per Museveni.

Nel mio secondo viaggio, sempre ospitato da COOPI, dovevo trovare il sistema per portare aiuti nel Sud Sudan aprendo un canale dall’Uganda. Da Lira quindi mi spostavo spesso a Gulu da dove venivo portato dai militari dell’UPDF (l’esercito ugandese) fino a Nimule per vedere in che condizioni fosse la strada, se fosse sicura e se avrebbe sopportato una colonna di camion carichi di merce. A Gulu per dormire mi ero scelto un piccolo hotel molto alla mano, l’Africa Inn Hotel, gestito da Okelo Mohammed, un Acholi musulmano che affittava le sue povere camere ai venditori e ai conducenti di Boda Boda, dei taxi-motorino che ti portavano ovunque. A me che dava una stanza solo per me mi faceva pagare la somma di 5.000 scellini ugandesi a notte, cinque euro circa. E’ stato all’Africa Inn Hotel che ho capito il grande inganno di Joseph Kony, parlando con i tanti giovani che la sera affollavano quel piccolo locale centrale. E li che ho capito che Joseph Kony faceva comodo a Museveni perché costringeva milioni di Acholi a vivere nei campi profughi e quindi a togliere loro ogni possibile voglia di rivalsa nei confronti del Governo centrale. A livello locale aveva messo tutti i suoi uomini in posti chiave così come al comando delle divisioni dell’UPDF, un esercito potentissimo, uno dei migliori in Africa, che però non riusciva a bloccare un gruppo ribelle formato in maggioranza da bambini. Anche a Gulu, dove ho conosciuto padre Elio Croce, fondatore del St. Mary’s Lacor Hospital, ho visto le atrocità e le mutilazioni dei ribelli, le drammatiche situazioni in cui erano costretti a vivere gli Acholi, tutto perché erano ostili a Museveni. Per molti e molti anni Joseph Kony è stato più un alleato occulto di Museveni che un nemico.

Le cose sono cambiate solo pochi anni fa, quando gli americani alleati del Governo ugandese hanno iniziato a fare domande e quando il pericolo maggiore per Museveni non erano più gli Acholi, ormai remissivi, ma il fondamentalismo islamico in forte espansione in Uganda. E’ stato a quel punto che le offensive del UPDF sono diventate “vere” e Kony in pochi mesi è stato costretto a fuggire nel Garamba Park, in Congo, dopo aver perso in poche settimane tre dei quattro battaglioni che aveva. E qui l’inganno durato oltre venti anni ha avuto fine, un inganno che tutti vedevano ma che nessuno denunciava.

Ora Joseph Kony ha finalmente il ruolo che si merita, quello di ricercato più importante del mondo per crimini contro l’umanità, ma mi è davvero impossibile dimenticare che per un ventennio gli è stato permesso di mettere sottosopra un intero Paese (tre se contiamo il Sud Sudan e il Congo) solo perché la sua crudeltà dava a Museveni la possibilità di mantenere una linea durissima e di tenere così soggiogato il popolo Acholi.

Franco Londei

Recently Published Stories

kurdistan referendum

Kurdistan: forse non è proprio il momento migliore

Non basta essere determinati, forti e senza paura per affrontare una situazione come quella che si prospetta subito dopo il referendum, serve essere supportati pesantemente, serve avere sostegno militare e diplomatico, cosa che il Kurdistan oggi non ha

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

Joseph Kony: il grande inganno durato ol…

by Franco Londei tempo di lettura: 4 min
0