La ANP non riconoscerà mai Israele: ma allora su cosa si sta trattando?

Ieri il Primo Ministro israeliano ha proposto all’Autorità Nazionale Palestinese il prolungamento della moratoria sulle costruzioni ebraiche in Cisgiordania in cambio del riconoscimento di Israele. La risposta è arrivata a stretto giro di posta: non se ne parla.

E’ stato Nabil Abu Rudainah, portavoce del presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) a svelare al mondo quello che tutti sapevano già da un po’ ma che in molti continuano tranquillamente a ignorare e cioè che i palestinesi non riconosceranno mai Israele. “L’Autorità Nazionale Palestinese non riconoscerà mai Israele come Stato ebraico” ha detto Nabil Abu Rudainah seguito a ruota dalle dichiarazioni del Movimento Al Fatah, il quale ha riaffermato il concetto che i palestinesi non riconosceranno ma Israele.

A questo punto allora mi domando una cosa: su cosa si sta trattando in Medio Oriente? No perché io sapevo che l’unica pregiudiziale posta da sempre da Israele fosse il riconoscimento reciproco. Come fanno due persone a trattare se non si riconoscono? Io sapevo anche che fosse Hamas a opporsi a qualsiasi riconoscimento di Israele e che Fatah avesse ormai accettato l’idea del riconoscimento, almeno a parole. Ora è chiaro che viene meno qualsiasi motivo di trattativa tra Israele e palestinesi.

Quello che però proprio non mi spiego è il totale silenzio della comunità internazionale di fronte alle disastrose parole della Autorità Nazionale Palestinese. Come può la comunità internazionale pretendere da Israele che tratti con chi non vuole riconoscere lo Stato ebraico? E come può chiedere che le trattative continuino? Su quali basi?

Io non sono molto amante della destra israeliana e di certo non sono una ammiratrice di Benjamin Netanyahu, però se a questo punto il Governo israeliano decidesse di proseguire per la propria strada senza più considerare l’esistenza della Autorità Nazionale Palestinese voglio vedere chi potrebbe biasimarlo. Niente riconoscimento? Niente concessioni.  Diversamente sarebbe l’ennesima trattativa a senso unico.

Sharon Levi

Recently Published Stories

fake news facebook

Fobia da Fake News

Fobia da Fake News, come non chiamare così il cervellotico comportamento di alcuni social network,

erdogan isis

La megalomania di Erdogan: la Turchia aprirà ambasciata a Gerusalemme Est

Il sultano turco, Recep Tayyip Erdogan, non molla l’osso della questione palestinese e rilancia con

nazareth natale

Nazareth, l’emblema della resa della chiesa cattolica all’Islam

C’è di che rimanere esterrefatti di fronte al silenzio della chiesa cattolica alla notizia secondo

La decisione di Trump vista una settimana dopo

Come ho detto più volte sono assolutamente convinto che il Presidente Trump abbia sbagliato i

Non possono farmi diventare simpatico anche Donald Trump

Ho detestato con tutto me stesso Obama, l’ho fatto per otto lunghissimi anni e quando

Non intifada ma jihad, la guerra santa che tutti volevano meno gli ebrei

Quello a cui stiamo assistendo in queste ore in Israele non è una intifada, che