La follia di Obama: criminale accordo segreto con Khamenei sul nucleare iraniano

Quelli di Debka File (che raramente sbagliano) lo vanno dicendo da diverso tempo e adesso sembra che anche fonti di intelligence israeliane lo confermino. La visita che ieri il capo della Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA), Yukiya Amano, ha fatto a Teheran era per delineare i dettagli di un accordo segreto in otto punti tra Washington e Teheran sul programma nucleare iraniano, lo stesso accordo di cui parla Debka File in un suo articolo.

Ma, se possibile, le informazioni di intelligence di fonte israeliana delineano un quadro ancora più fosco di quello delineato dagli esperti di Debka File, evidenziano un comportamento criminale del Presidente USA che mira a consentire all’Iran di portare avanti il suo programma nucleare senza tanti controlli in cambio di un “miglioramento dei rapporti con Washington” .

L’accordo in otto punti che sarebbe stato raggiunto tra Barack Hussein Obama e il Grande Ayatollah Alì Khamenei con la mediazione della Turchia non prevede però solo “facilitazioni” per entrambi, ma prevede soprattutto una esplicita richiesta avanzata da Khamenei e dal premier turco Erdogan: la fine del rapporto privilegiato tra USA e Israele. E dato che c’erano  i due “statisti islamici” hanno ottenuto da Barack Hussein Obama anche rassicurazioni sui rapporti tra USA e Paesi arabi del Golfo, nel senso che sarebbe finito l’appoggio incondizionato di Washington a Riad e alle altre monarchie sunnite.

Se ciò fosse vero, e sottolineo il SE, saremmo di fronte a un vero e proprio atto criminale del Presidente USA perpetrato all’insaputa dei cittadini americani e del Congresso. Non mi piace certo fare allarmismo o informazione spazzatura come spesso siamo abituati a vedere su certi siti filo-islamici, per questo ho ancora messo il condizionale, ma le fonti di questa notizia sono troppo attendibili per prenderla con leggerezza.

D’altra parte Barack Hussein Obama ormai da diverso tempo (praticamente dalla sua elezione) non fa mistero delle sue simpatie per l’islam e contemporaneamente della sua antipatia verso Israele,una antipatia che lo aveva portato a sostenere la tesi palestinese del ritorno ai confini del 67, tesi poi congelata dalle proteste degli americani. Anche nella recente diatriba tra Israele e Turchia Barack Hussein Obama si è schierato chiaramente al fianco di Erdogan pur essendo il rais turco totalmente ed evidentemente in torto. In sostanza il Presidente americano ha visto sempre Israele come una sorta di fastidio e se non ha potuto fare come voleva è solo grazie all’opposizione degli americani e del timore che la comunità ebraica lo punisse alle urne.

Ora però sta cercando di aggirare l’ostacolo con una mossa criminale che rischia di permettere agli iraniani di avere la bomba atomica ma che consentirebbe a Barack Hussein Obama di far pagare agli israeliani tutti i fastidi che gli hanno dato non permettendogli di consegnare il mondo libero all’islam. Questo non dobbiamo e non possiamo permetterglielo. Facciamo sapere al popolo americano quello che il loro Presidente filo-islamico sta facendo e che tutte le “manovre militari” che sta facendo sono solo fumo negli occhi degli stolti.

Miriam Bolaffi

Recently Published Stories

Quando i “giornalisti” vogliono fare Oriana Fallaci

Oriana Fallaci era una professionista, non diffondeva odio generalizzato a differenza di quello che stanno facendo alcuni giornalisti che si definiscono “suoi eredi”

Medio Oriente: gli errori di Obama, la follia di Trump

Quello che sta avvenendo in Medio Oriente nelle ultime settimane è qualcosa di molto serio, complesso e pericoloso, qualcosa che non avrebbe bisogno dell’afasia di Trump che sta consegnando la regione nelle mani di Putin

Tal Flicker

Vietare le manifestazioni sportive nei paesi arabi

Quanto successo all’atleta israeliano negli Emirati Arabi Uniti è qualcosa di gravissimo, come gravissimo è il silenzio delle “democrazie” occidentali di fronte a questo affronto allo sport oltre che a una intera nazione

Trump, l’uomo che ci sta “twittando” verso l’ignoto

Bisogna uscire dalla logica che “siccome Obama è stato un pessimo presidente quello che fa Trump va tutto bene” perché non è affatto così. Trump rischia di essere peggio di Obama

corruzione in italia

Ma siamo sicuri che il problema è l’immigrazione e non mafia, corruzione e ingiustizia sociale?

Per stare dietro al pur serio problema rappresentato dalla immigrazione clandestina di massa rischiamo di perdere di vista i veri problemi del Paese, cioè mafia, corruzione e ingiustizia sociale

mogherini

Il Diritto secondo la Mogherini

Mogherini docet: «il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha molti poteri, ma non quello

La follia di Obama: criminale accordo se…

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
14