La soluzione per il Governo? Emma Bonino

Written by | Blog, Politica

emma_bonino

In questi giorni non si fa altro che parlare di quale soluzione troverà il Presidente Napolitano per il nuovo Governo. Escluso che possa essere a guida Bersani (non avrà mai la maggioranza in Senato) fioccano le ipotesi. Una però non è mai stata ventilata: Emma Bonino.

Già Commissario europeo ed eurodeputata, è molto stimata in Europa e non si può certo affermare che sia una persona politicizzata. E’ stata anche Ministro per il Commercio Internazionale e per le Politiche Europee nel secondo Governo Prodi  (questo forse è il suo unico neo) e membro del comitato esecutivo dell’International Crisis Group.

In tanti la vorrebbero al Quirinale ma non sarà facile vincere le resistenze di coloro che invece al Quirinale vogliono mandare un proprio uomo. La Bonino avrebbe quindi maggiori possibilità come Capo del Governo. E sarebbe sicuramente più utile.

Lo so, la mia è una idea folle tipica di un vecchio radicale, ma credo che sia veramente una delle poche possibilità che in questo momento ha il Presidente della Repubblica per mettere in piedi una maggioranza alla Camera e al Senato. Grillo naturalmente non sarà d’accordo ma tanto lui non è mai d’accordo con niente e punta chiaramente allo sfascio del Paese (chissà cosa ci sarà veramente dietro).

Emma Bonino, che nella sua vita ha fatto grandi battaglie di libertà e per i Diritti, garantirebbe un Governo super partes, credibilità in Europa e nel mondo, l’implementazione delle riforme necessarie (a partire da quella elettorale) e una transizione tranquilla verso la terza Repubblica. Il tutto aspettando Renzi.

Last modified: Dic 3, 2017

2 Responses to :
La soluzione per il Governo? Emma Bonino

  1. Abdoulaye Bah ha detto:

    Dopo aver letto il Suo precedente post mi sembra strano che Lei sia Radicale. Il Partito Radicale è quello più aperto verso il mondo.

    Detto questo, sono perfettamente d’accordo con Lei sul fatto che la cara Emma sia la personalità migliore per essere capo del nostro stato. Ma essendo ridotti in cosi pochi (che il raduno per la fine della campagna elettorale l’abbiamo tenuta in una sala del Campidoglio9 che nessuno penserà a lei.

    L’ho conosciuto personalmente in altre parti del mondo e anche qui, dato che partecipo alle attività del PR.

  2. Londei ha detto:

    l’essere aperti verso il mondo, il difendere i Diritti non significa accettare tutto e tutti. E’ una idea buonista che non ha niente a che fare con l’essere radicale. Smettiamola di abusare di certi luoghi comuni.

Comments are closed.