L’Africa torna finalmente agli africani: sostanziale passo avanti verso la zona di libero scambio

I maggiori Stati africani ci stanno lavorando da anni e ora sembrano molto più vicini alla meta. Si parla di “zona africana di libero scambio”, una sorta di mercato unico africano in stile Unione Europea che vada dal Cairo a Città del Capo.

L’accordo di base è stato raggiunto ieri a Johannesburg e ha visto l’adesione di 26 Paesi che attualmente sono divisi in tre “comunità economiche regionali”,  la Common Market for East and Southern Africa (Comesa), la East African Community (EAC) e la Southern African Development Community (SADC) che nei prossimi tre anni dovrebbero diventare una unica comunità economica.

Lo scopo principale non è solo quello di creare un grande mercato unico africano che comprenderebbe circa 700 milioni di persone, ma anche quello di creare una vera e propria lobby africana che gestisca gli aiuti, lo sviluppo, la costruzione delle infrastrutture e tutto ciò che concerne lo sfruttamento delle immense risorse africane. La prima fase, che comprende la libera circolazione delle merci, dovrebbe partire entro tre anni, ma il progetto prevede anche una unione monetaria e politica da implementare entro un decennio. Si  calcola che il prodotto interno lordo di questa unione commerciale africana sarà pari a 875 miliardi di dollari e comprenderà inizialmente 26 Paesi.

Nel comunicato stampa diffuso al termine del vertice, i leader africani dei 26 Paesi hanno reso noto di aver firmato un accordo di massima e di aver stilato la tabella di marcia che porterà alla implementazione di questo grande mercato unico africano. Oltre a questo i leader africani hanno stabilito i principi fondativi, i processi che porteranno alla creazione del quadro istituzionale e infine una vera e propria roadmap per l’industrializzazione e lo sviluppo africano. Le basi fondamentali, secondo quanto hanno deciso i leader africani, dovranno essere un nuovo approccio al processo di sviluppo che non dovrà più essere locale ma “continentale” dove quindi non ci sarà più un solo Pese che marcerà da solo mentre gli altri stanno al palo. E poi l’indispensabile sviluppo delle infrastrutture in modo da dare una grande spinta alla industrializzazione e ridurre i costi di impresa. Infine (forse la cosa più importante) la collaborazione tra Stati per riprendere totalmente il controllo delle immense risorse africane.

E’ chiaro che questo accordo mette indiscutibilmente il bastone tra le ruote a tutte quelle multinazionali che fino ad oggi hanno sfruttato le risorse africane senza distribuire un solo centesimo alla popolazione locale e dovrebbe mettere fine ai tanti conflitti per il controllo delle risorse, spesso finanziati proprio dalle multinazionali.

Siamo solo all’inizio di quella che il Presidente sudafricano, Jacob Zuma, ha definito come “la nuova era africana” e le difficoltà sono ancora tante, ma la prima pietra della nuova casa africana è stata posata e non saranno certamente le immaginabili forti pressioni esterne a interrompere questo lungo tragitto che porterà finalmente gli africani a riappropriarsi dell’Africa.

Secondo Protocollo

Recently Published Stories

fake news facebook

Fobia da Fake News

Fobia da Fake News, come non chiamare così il cervellotico comportamento di alcuni social network,

erdogan isis

La megalomania di Erdogan: la Turchia aprirà ambasciata a Gerusalemme Est

Il sultano turco, Recep Tayyip Erdogan, non molla l’osso della questione palestinese e rilancia con

nazareth natale

Nazareth, l’emblema della resa della chiesa cattolica all’Islam

C’è di che rimanere esterrefatti di fronte al silenzio della chiesa cattolica alla notizia secondo

La decisione di Trump vista una settimana dopo

Come ho detto più volte sono assolutamente convinto che il Presidente Trump abbia sbagliato i

Non possono farmi diventare simpatico anche Donald Trump

Ho detestato con tutto me stesso Obama, l’ho fatto per otto lunghissimi anni e quando

Non intifada ma jihad, la guerra santa che tutti volevano meno gli ebrei

Quello a cui stiamo assistendo in queste ore in Israele non è una intifada, che