Libano: ricompare Nasrallah e torna a minacciare

Hassan Nasrallah, leader del gruppo terrorista libanese di Hezbollah, è improvvisamente ricomparso ieri in pubblico. L’apparizione è durata solo pochi minuti, poi il capo terrorista è tornato velocemente a nascondersi nella sua tana per paura di essere colpito da qualche nemico.

Nasrallah si è materializzato a Beirut durante la commemorazione della festa sciita della Ashura. L’apparizione è durata solo pochi minuti, il tempo di lanciare minacce contro Israele e Stati Uniti e di confermare il sostegno di Hezbollah al dittatore siriano, Bashar al-Assad, definito “un glorioso resistente” dal capo terrorista.

Nasrallah ha detto che “nessun complotto straniero è in grado di abbattere la resistenza del glorioso regime siriano”. Poi è passato a minacciare Israele e Stati Uniti mentre al folla gridava “morte a Israele”. Il capo terrorista in particolare ha detto che Hezbollah non è mai stato così potente e che continua tutt’ora a riarmarsi pesantemente , in barba alle direttive Onu che invece prevedono il suo disarmo. Poi ha ricordato che “ogni membro di Hezbollah sogna di seguire le orme di Abbas Moussawi  (il segretario generale di Hezbollah per il cui assassinio viene accusato il Mossad) e di diventare uno shahid”. «La vera minaccia per il mondo arabo e per i palestinesi è il regime sionista e i suoi alleati americani» ha detto Nasrallah di fronte a una folla in tripudio, «per questo la nostra missione è quella di distruggere queste due entità». Poi ha detto che l’avvento degli islamisti in Egitto è una minaccia reale e concreta per Israele e questo aiuterà la causa di Hezbollah (distruggere Israele n.d.r.). «Ci addestriamo ogni giorno alla guerra contro il nemico sionista – ha concluso Nasrallah – e le nostre armi sono sempre più potenti. Abbiamo missili che possono andare molto oltre Haifa».

Detto questo, circondato dalla folla in delirio e accompagnato da incredibili misure di sicurezza, è tornato mestamente a nascondersi nel suo rifugio segreto.

Ormai Hezbollah non fa più alcun mistero del fatto che durante tutti questi anni abbia sistematicamente aggirato la risoluzione dell’Onu che ne vietava il riarmo. Lo dice apertamente. Questo per dimostrare ancora una volta che la presenza di UNIFIL nel sud del Libano è del tutto inutile e persino dannosa.  Per questo ribadiamo ancora una volta la nostra richiesta di un immediato ritiro delle forze Onu in Libano affinché non diventino, in caso di conflitto, veri e propri scudi umani a disposizione dei terroristi sciiti di Hezbollah.

Sarah F.

Recently Published Stories

kurdistan referendum

Kurdistan: forse non è proprio il momento migliore

Non basta essere determinati, forti e senza paura per affrontare una situazione come quella che si prospetta subito dopo il referendum, serve essere supportati pesantemente, serve avere sostegno militare e diplomatico, cosa che il Kurdistan oggi non ha

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

Libano: ricompare Nasrallah e torna a mi…

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
0