Mali: introdotta la Sharia. Stupri, uccisioni sommarie e violenze da parte di Tuareg e islamici

La situazione nel nord del Mali sta velocemente degenerando nella totale indifferenza della comunità internazionale. I Tuareg di Ansar Eddin e gli islamici del gruppo di Al Qaeda nel Maghreb islamico hanno imposto la legge islamica nelle maggiori città del nord, compresa Timbuctu.

Decine di migliaia di persone sono in fuga e che non riesce a fuggire si è barricato in casa. Il personale medico degli ospedali e fuggito e le medicine non ci sono. I Tuareg e gli islamici hanno saccheggiato di tutto, dagli ospedali alle sedi delle Ong e persino i depositi dell’Onu. Vengono segnalati casi di uccisioni sommarie e centinaia di casi di violenza carnale ai danni delle donne, anche giovanissime e bambine.

Tutti i convogli umanitari destinati al nord del Mali sono stati bloccati prima di partire, quindi a Timbuctu, nelle maggiori città e nei villaggi del nord del Mali manca di tutto. Saccheggiate anche le banche, i dispensari e le sedi delle Ong con scorte di medicinali.

La situazione, secondo Issa Mahamar Touré, presidente della associazione dei giovani di Gao, è molto ma molto drammatica. I Tuareg e gli islamici entrano nelle case, stuprano donne e bambine, saccheggiano tutto e poi uccidono a sangue freddo. Sono centinaia i cadaveri.

La comunità internazionale non può più far finta di non vedere quello che sta accadendo in Mali. Serve un intervento immediato volto sia a soccorrere la popolazione prigioniera dei Tuareg e degli islamici e, soprattutto, indirizzato a ristabilire la legalità nel nord del Mali. Non si può lasciare una città come Timbuctu, patrimonio dell’Umanità, nelle mani di questi selvaggi assassini e stupratori di bambine. Questa è una delle maggiori priorità che l comunità internazionale si deve dare invece di emettere comunicati stampa dove si afferma di “essere preoccupati” per la situazione in Mali. Ormai la situazione è molto oltre il livello di preoccupazione.

Secondo Protocollo

Recently Published Stories

kurdistan referendum

Kurdistan: forse non è proprio il momento migliore

Non basta essere determinati, forti e senza paura per affrontare una situazione come quella che si prospetta subito dopo il referendum, serve essere supportati pesantemente, serve avere sostegno militare e diplomatico, cosa che il Kurdistan oggi non ha

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

Mali: introdotta la Sharia. Stupri, ucci…

by Franco Londei tempo di lettura: 1 min
0