Medio Oriente: Obama scontenta tutti e la pace si allontana

Che Barack Hussein Obama fosse un totale incompetente in materia di politica medio-orientale era una cosa nota a tutti, ma che potesse arrivare a tanta idiozia onestamente nessuno se lo sarebbe mai aspettato. Con il suo annunciato discorso “all’Islam” di ieri, proseguo di quello fatto al Cairo all’indomani del suo insediamento alla Casa Bianca, ha fatto il “miracolo” di scontentare tutti salvo forse qualche finanziatore arabo suo simpatizzante.

Cosa ha detto in sostanza il Presidente americano? Sinteticamente ha detto che palestinesi e israeliani devono tornare al tavolo delle trattative, cosa ovvia che non necessitava di un “discorso mondiale”, ma soprattutto ha affermato che Israele deve tornare ai confini del 1967, cioè a quelli antecedenti alla guerra dei sei giorni.

A parte che il discorso di Barack Hussein Obama ha trovato subito la totale bocciatura dei terroristi di Hamas i quali non ci pensano nemmeno a sedersi a un tavolo delle trattative e, soprattutto, vogliono tutto (compreso il territorio israeliano) e non la Palestina com’era nel 1967. E poi forse il Presidente americano si è dimenticato (o fa finta di dimenticare) che la situazione in Medio Oriente non è la stessa del 1967 e che, se possibile, oggi il quadro è addirittura peggiore di quello antecedente la guerra dei sei giorni, cioè un quadro che vede Israele completamente accerchiata com’era nel 1967 con l’aggravante che ai suoi confini c’è una entità come quella iraniana, ben più pericolosa di qualsiasi altro nemico di Israele.

Le ovvietà dette da Barack Hussein Obama nel suo discorso sono di una pateticità unica, talmente patetiche che non solo non risolvono niente ma rischiano addirittura di peggiorare la situazione. “I palestinesi hanno il Diritto di avere un loro Stato” e poi “Israele ha diritto di esistere” e ancora “no al terrorismo” ecc. ecc. concetti che ovviamente sono condivisibili da tutti salvo che da Hamas e dagli iraniani che sul punto del Diritto all’esistenza di Israele proprio non concordano e che fanno del terrorismo un’arma per raggiungere il loro obbiettivo dichiarato, cioè la distruzione di Israele.

Ora, chiedere a Israele di tornare ai confini del 1967 significa chiederle di rinunciare al suo Diritto alla difesa e, soprattutto, significa stendere un velo sugli attacchi che lo Stato israeliano ha dovuto subire nella sua brevissima storia, attacchi ai quali ha risposto cacciando indietro i nemici e conquistando quel terreno che oggi garantisce la sicurezza dello Stato ebraico.

Barack Hussein Obama non ha accennato a come intenderebbe garantire l’ovvio diritto all’esistenza di Israele quando i suoi nemici più pericolosi (Iran, Siria ed Hezbollah) seguendo la richiesta del Presidente americano si avvicinerebbero ulteriormente al cuore dello Stato Ebraico. Non ha detto come intenderebbe fermare la corsa alle armi nucleari dell’Iran o come intenderebbe disarmare Hezbollah. Non ha detto come si dovrebbe difendere Israele dai missili siriani  una volta restituite le alture del Golan. Non ha detto come fermare gli attacchi terroristici di Hamas una volta che verrebbe a cadere la linea di difesa invalicabile che garantisce il muro difensivo e che ha praticamente azzerato gli attacchi terroristici in Israele. Tutto quello che ha detto è un insieme di cavolate che magari gli sono servite per attirarsi le simpatie dei Paesi arabi e dei gruppi pacifinti ma che in sostanza gettano benzina sul fuoco e tendono a negare il Diritto alla difesa dello Stato di Israele.

Poi, come sempre, ognuno darà la sua personale interpretazione del “discorso all’Islam” di Barack Hussein Obama, personalmente penso che sia stato il punto più basso mai raggiunto da questa amministrazione nella gestione della vicenda medio-orientale, un calcio in bocca alla sicurezza di Israele e un favore immenso ai suoi nemici. La dimostrazione lampante dell’ostilità verso Israele del Presidente americano e del suo panarabismo.

Franco Londei

Recently Published Stories

kurdistan referendum

Kurdistan: forse non è proprio il momento migliore

Non basta essere determinati, forti e senza paura per affrontare una situazione come quella che si prospetta subito dopo il referendum, serve essere supportati pesantemente, serve avere sostegno militare e diplomatico, cosa che il Kurdistan oggi non ha

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

Medio Oriente: Obama scontenta tutti e l…

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
2