La notizia è appena arrivata: un militare italiano è morto in Afghanistan e un altro è rimasto ferito in modo grave, il tutto mentre l’Italia attraversa il suo peggior momento di vergogna internazionale con le vicende puttanesche del Premier ancora in primo piano.

Francamente non so quale appellativo usare per questa situazione che mi sembra francamente più vicina a un incubo che a una italica farsa. Tutto il Paese e la stampa sono dietro alle vicende di Ruby e all’ennesima porcata di questo premier che ormai imbarazza tutti, compresa la Chiesa cattolica, mentre nel mondo attorno all’Italia succedono fatti di una gravità inaudita che meriterebbero ben altra attenzione. La Tunisia e il Maghreb si stanno incendiando, in Libano (dove abbiamo 2.500 militari) la situazione sta precipitando, i grandi della Terra cercano soluzioni bilaterali per uscire dalla crisi economica, l’Africa è pervasa da tensioni incredibili (Sud Sudan, Costa d’Avorio, RD Congo ecc. ecc.) e noi a stare dietro alle orge di Berlusconi.

E adesso questa ennesima morte di un soldato italiano in Afghanistan, spedito a fare una guerra mascherata da missione di pace in una terra dove non abbiamo alcun interesse se non quello servile verso un impegno preso 10 anni fa a seguito di una guerra al terrorismo che si sta chiaramente perdendo. Ora mi chiedo: con che spirito i nostri militari in Afghanistan (ma anche in Libano) affrontano il nemico sapendo che alle loro spalle non c’è praticamente alcun Governo? Che non c’è alcuna strategia di uscita o di risoluzione del problema? Abbandonati a loro stessi a fare una guerra non loro che era partita con i soldati che distribuivano caramelle ai bambini e che si è ben presto trasformata in un conflitto dove le prede siamo diventati noi.

Questa Italia si deve vergognare perché non merita questi militari. Questa politica italiana si deve vergognare perché non merita il sangue di questi ragazzi costretti a combattere per un paese deriso da tutto il mondo. Si vergognino i politici italiani, non meritano né il rispetto dei cittadini e neppure il sangue di questi soldati innocenti. Loro e solo loro si meritano il nostro rispetto.

2 Comments

  1. Vittorio

    Caro Franco non posso che condividere il tuo sdegno verso questa classe politica e verso questo comportamento che non fa onore alle nostre truppe all’estero.
    Onore ai caduti prima di tutto ma forte sdegno per questa politica

  2. Clarissa

    è desolante. I nostri ragazzi muoiono per un paese che forse non li merita. Anzi, muoiono per politici che non li meritano e per un paese che fa presto a scordarsi di loro