Niente muri ma nemmeno ponti

N

Dopo l’attentato di Londra un caro amico, sulla cui onestà morale non nutro alcun dubbio, probabilmente sopraffatto dalla rabbia e dall’impotenza ha proposto di separare i musulmani dal resto del mondo con una sorta di “barriera difensiva” tipo quella che in Israele divide lo Stato Ebraico dalla cosiddetta “Palestina”.

Ora, a parte che la barriera difensiva israeliana non divide i musulmani dagli ebrei. In Israele vivono milioni di musulmani e convivono tranquillamente con gli israeliani. Il problema non sono gli arabi onesti e che lavorano ma i terroristi e coloro che vorrebbero vedere la distruzione di Israele. Quel muro protegge anche gli arabi israeliani.

Da noi il problema è lo stesso con la differenza che noi non abbiamo un confine materiale sul quale erigere un muro per difenderci da chi vorrebbe la nostra distruzione.

C’è poi un’altra differenza fondamentale, gli israeliani conoscono il loro nemico e non si sognano minimamente né di giustificarlo né di accoglierlo in casa loro a braccia aperte. L’identificazione del nemico è la prima regola dell’autodifesa. Noi invece il nemico non lo identifichiamo, anzi peggio, facciamo di tutto per evitare di farlo quasi che fosse una cosa di cui vergognarsi. Da noi parlare dell’islam come un nemico significa vedersi appioppata immediatamente l’etichetta di fascista e razzista, di islamofobo. Da noi il nemico non è chi ci uccide ma è chi non ci sta a farsi uccidere. Capite che con questo assurdo paradosso non abbiamo speranza?

Ma la cosa che più mi manda in bestia è il fatto che la soluzione ci sarebbe, senza elevare muri ma senza nemmeno costruire ponti. Il nostro muro sono le regole della democrazia, quelle che ci siamo dati e che rispettiamo. Perché non pretendiamo il rispetto delle regole anche dai musulmani? Prendiamo per esempio la Sharia su cui si basa la religione islamica. E’ totalmente fuori da qualsiasi regola e legge europea, collide apertamente con i maggiori statuti che ci siamo dati a partire da quelli più importanti come la Convenzione Europea per i Diritti dell’Uomo. Se il rispetto delle regole venisse imposto a tutti la Sharia sarebbe fuorilegge e non sarebbe possibile in Europa diffonderla o fare proselitismo per suo mezzo. Partiamo da questa semplicissima regola che non viola nessun Diritto Umano, anzi, li difende e li valorizza. Se i musulmani vogliono seguire la Sharia non possono farlo in Europa. Questo è il muro più potente e robusto che possiamo e dobbiamo erigere, un vero firewall della democrazia.

Che i musulmani preghino pure Allah, ma lo facciano seguendo le leggi o altrimenti vadano in quei paesi dove la Sharia è legale (dove addirittura è legge) e vediamo in quanti se ne andranno.

Il secondo muro che ci dobbiamo decidere a erigere è quello del controllo sui finanziamenti ai centri islamici. Non è possibile che Qatar, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e tanti altri possano finanziare in Europa quei centri islamici dove si insegna che la Sharia è l’unica legge che un musulmano è tenuto a rispettare. Così non se ne esce.

Insomma, se è vero che un mondo civile non erige muri è altrettanto vero che non costruisce nemmeno ponti che possano aiutare il suo nemico. Il muro del rispetto delle regole è l’unico muro che serve ed è il più difficile da scardinare, un discorso questo che vale anche per l’immigrazione selvaggia che stiamo subendo proprio perché ci siamo dimenticati delle regole, come se non fossero mai state scritte.

About the author

Franco Londei

Radicale, sionista, amo Israele almeno quanto amo l'Italia. Affetto da Sclerosi Multipla cerco nel mio piccolo di difendere i Diritti dei malati di SM. Non amo l'Islam e non credo a un “Islam Moderato” perché qualcosa che si basa sulla Sharia non può essere moderato. Fissato con il Diritto Internazionale detesto ogni sua interpretazione. Appassionato di cooperazione allo sviluppo mi piace pensare che sia l'unico mezzo valido per aiutare i popoli in via di sviluppo ed evitare che fuggano dai loro Paesi. Sempre attento a quello che succede in Medio Oriente e in Africa.

1 comment

  • Inutile perché troppo tardi; i germi di questa situazione/malattia sono stati inoculati parecchi decenni fa.