Nuovo Secondo Protocollo: i perché di una scelta difficile

Avrete notato che negli ultimi giorni il sito di Secondo Protocollo è rimasto offline per diverso tempo. Il problema risiedeva nel database che che varie ragioni che non starò a spiegare Troppo tecnico) si era irrimediabilmente danneggiato.

I tecnici dell’hosting (Joomla-Host) hanno provato di tutto per salvare il database. Siamo stati giorni a riscrivere tabelle, a ottimizzarle, a eliminare quelle che ritenevamo superflue. Niente da fare, come rimettevamo online il sito faceva cadere il server portandosi dietro tutti i siti in esso contenuti.

Dopo due giorni di tentativi abbiamo preso una decisione dolorosa ma (quasi) necessaria: buttare all’aria quasi tre anni di lavoro, 2.500 articoli, quasi 500 iscritti al sito e 1.800 iscritti alla newsletter. Senza contare tutti i link che immancabilmente i motori di ricerca non troveranno più. In realtà si potevano tentare due strade, una che portava al complesso (molto complesso) salvataggio del sito e dei suoi contenuti attraverso una lunga operazione che però non dava alcuna sicurezza e che, anzi, con molta probabilità ci avrebbe fatto ritrovare nel giro di qualche giorno nella stessa posizione. L’altra era quella di prendere un server dedicato, ma anche quella, oltre che molto costosa, era solo un palliativo, nel senso che non avremmo dato fastidio a nessuno ma il sito sarebbe rimasto estremamente lento. Allora abbiamo preso la decisione di buttare tutto all’aria e di ripartire con un altro CMS diverso da Joomla che in questi anni ci ha dato veramente tanti problemi. Per questo abbiamo installato WordPress.

Chiaramente ancora i problemi sono tanti. Dobbiamo regolare molte cose e ci vorranno giorni, ma almeno il sito è di nuovo online anche se non è il massimo della bellezza. I prossimi giorni rimetteremo online anche il sito in inglese ma non il forum e Project.21. Per gli utenti che erano registrati al vecchio sito e per quelli che erano iscritti alla newsletter troveremo una soluzione. Nel frattempo per essere aggiornati ci sono le pagine su Facebook, su Twitter e su FriendFeed. La Parola di ricerca è “secondo protocollo” per Facebook e “2protocollo” per Twitter e FriendFeed. Intanto grazie per l’attenzione ai tanti che ci hanno scritto in questi giorni e ai tecnici che davvero hanno provato di tutto (compreso avere una enorme pazienza con me).

Elisa Arduini

Recently Published Stories

Medio Oriente: gli errori di Obama, la follia di Trump

Quello che sta avvenendo in Medio Oriente nelle ultime settimane è qualcosa di molto serio, complesso e pericoloso, qualcosa che non avrebbe bisogno dell’afasia di Trump che sta consegnando la regione nelle mani di Putin

Tal Flicker

Vietare le manifestazioni sportive nei paesi arabi

Quanto successo all’atleta israeliano negli Emirati Arabi Uniti è qualcosa di gravissimo, come gravissimo è il silenzio delle “democrazie” occidentali di fronte a questo affronto allo sport oltre che a una intera nazione

Trump, l’uomo che ci sta “twittando” verso l’ignoto

Bisogna uscire dalla logica che “siccome Obama è stato un pessimo presidente quello che fa Trump va tutto bene” perché non è affatto così. Trump rischia di essere peggio di Obama

corruzione in italia

Ma siamo sicuri che il problema è l’immigrazione e non mafia, corruzione e ingiustizia sociale?

Per stare dietro al pur serio problema rappresentato dalla immigrazione clandestina di massa rischiamo di perdere di vista i veri problemi del Paese, cioè mafia, corruzione e ingiustizia sociale

mogherini

Il Diritto secondo la Mogherini

Mogherini docet: «il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha molti poteri, ma non quello

kurdistan trump

Trump tradisce vergognosamente il Kurdistan. Tutto chiacchiere e distintivo

Se il tradimento di Trump nei confronti dei curdi lo avesse fatto Obama a quest’ora sarebbe stato seppellito dalle critiche. Invece con Trump tutti vergognosamente zitti

Nuovo Secondo Protocollo: i perché di u…

by Franco Londei tempo di lettura: 1 min
2