Blog Opinioni

Pacifisti con il culo degli altri

pacifisti-manlio-di-stefano

Tutti zitti per quasi tre anni mentre il macellaio Assad massacrava oltre 100.000 persone e ne costringeva qualche milione a fuggire. Quante volte ci siamo chiesti dove fossero i pacifisti, quante volte avremmo voluto vedere le bandiere arcobaleno sventolare per il popolo siriano. Ma loro niente, imperterriti nel loro silenzio. Poi arriva Obama e minaccia un intervento armato e loro, i pacifisti, si scatenano.

L’altro giorno alcuni dei loro rappresentanti più autorevoli sono arrivati persino  a lanciare un appello video virale per dire “no alla guerra”, come se in Siria negli ultimi tre anni ci fosse stata solo qualche scaramuccia e quei 100.000 morti fossero  stati resettati. Si riparte da zero.

Per parafrasare un proverbio calabrese mi viene da dire che è facile fare i pacifisti con il culo degli altri, fare i pacifisti a tempo determinato, un pacifismo precario che scatta solo a comando e solo quando sono interessati gli Stati Uniti e Israele, ma che non fa un fiato se a massacrare centinaia di migliaia di persone sono dei crudeli dittatori. Poco importa che si chiamino Saddam Hussein, Ahmadinejad, Assad e compagnia bella. L’importante per questi pacifisti precari è che gli Stati Uniti e Israele si facciano gli affari loro.

Il pacifismo, questo tipo di pacifismo, è la più grande ipocrisia del 21esimo secolo perché dietro a una nobile idea nasconde ideologie che con la pace e con il rispetto dei Diritti Umani non hanno niente a che vedere. E mi torna in mente un termine coniato qualche tempo fa: pacivendoli. Mai  termine fu così azzeccato per questa gente davvero ipocrita e di una bassezza morale che a volta si fa pure fatica a credere che possano esistere.

Detto questo, continuo a essere fortemente contrario a un intervento in Siria per le ragioni che ho spiegato qualche giorno fa, ma vedere tanta ipocrisia è davvero difficile da sopportare.

4 Comments

Click here to post a comment
  • Non sono Pacifisti, né Pacivendoli…Stanno semplicemente dall’altra parte…Contro gli Americani, gli Israeliani, l’Occidente in genere. Collaborazionisti sarebbe il termine giusto.-

  • Sono venuti a rompere le palle a Vicenza, tagliando la rete di recinzione della nuova base americana. Intanto un giudice ne aveva condannato alcuni al minimo della pena per una occupazione illegale della prefettura, motivando la sentenza con i nobili ideali “condivisi da larga parte della popolazione vicentina” (non è assolutamente vero, la maggior parte dei vicentini prenderebbe volentieri a calci in culo i NO Dal Molin).

  • In un certo senso ha ragione Gastone, siamo contro l’egemonia americana e contro il liberalismo economico, che riteniamo esserne lo strumento.
    Ma il termine collaborazionisti dal mio punto di vista è fuorviante, in quanto lascia intendere che esista un nemico che ci abbia attaccati, e che noi lo aiutiamo, la realtà è che c’è un impero, quello angloamericano, che sta crollando, e visto che questo impero impone una sorta di vassallaggio anche a noi, ritengo che non solo l’antiamericanismo oggi sia un atto morale nei confronti dei popoli che gli americani aggrediscono, depredano e sottomettono, con la scusa della difesa da inesistenti minacce alla pace, ma sia anche un modo di fare i veri interessi dell’europa, che in un mondo multipolare sarebbe libera dal giogo americano e in grado di contrattare da pari a pari il suo appoggio a cina o usa, divenendo in sostanza di nuovo il centro del mondo.

  • Purtroppo di questa gente l’Italia è piena..nessuno in quasi 3 anni di guerra si è mai preoccupato della Siria e adesso spuntano come lumache.