Una cosa va detta: solo la baronessa Catherine Ashton può pensare di poter riprendere i colloqui con gli Ayatollah sul loro programma nucleare. Anzi, probabilmente non ci pensa neppure lei solo che il suo antisemitismo è talmente acceso che godrebbe infinitamente se i macellai iraniani si dotassero di armi in grado di cancellare Israele.

In questi giorni si sta leggendo di tutto su internet. In un commento scritto su un patetico articolo di Joseph Zarlingo un lettore dice testualmente: «scusate altri paesi già detengono le armi nucleari ,perché l’Iran che è da sempre minacciata dall’america e dagli Israeliani  di distruzione  da quando si è distaccata dall’America per creare una nazione indipendente? NON PUO AVERLA PER DIFESA PERSONALE?» Ecco siamo di fronte al delirio più totale, in primo luogo perché USA e Israele non hanno mai minacciato l’Iran che al contrario minaccia di cancellare Israele un giorno si e l’altro pure. In secondo luogo perché l’Iran non è mai stata attaccata da nessuno (tranne che da Saddam Hussein) nonostante sia palesemente uno dei maggiori sponsor del terrorismo internazionale. Cosa c’entra “l’autodifesa”? E’ possibile invece che venga usata come “arma di offesa” altro che difesa.

E poi cosa vogliamo dire del fatto che l’Iran è comandata da un gruppo di assassini seriali che nel nome di Allah godono a massacrare il proprio popolo? Vogliamo dargli anche una bella bomba atomica? Quanto ci penserebbero a lanciare una bomba atomica su Israele o sull’altro nemico storico che poi sarebbe l’Arabia Saudita? Meno di un secondo.

E’ vero, altri Paesi hanno le armi atomiche ma nessuno di loro (nemmeno il Pakistan o la Corea del Nord) è paragonabile agli Ayatollah per crudeltà e fanatismo. Tanto vale dare una bomba atomica anche ad Al Qaeda.

E allora finiamola con queste cavolate che l’Iran a diritto di dotarsi di armi nucleari, che l’Iran è minacciato da USA e Israele, che l’Iran è un paese pacifico ecc. ecc. E’ l’Iran a minacciare Israele e non il contrario, sono gli Ayatollah a massacrare il proprio popolo e a dimostrare ogni giorno la loro crudeltà assassina, è l’Iran che finanzia i maggiori gruppi terroristici del pianeta, da Hamas a Hezbollah passando, probabilmente, per Al Qaeda. C’è un movimento in Italia e in Europa, supportato da un certo tipo di stampa sinistra, che tende a “giustificare” l’Iran inventandosi improbabili minacce o adducendo a giustificazioni che non hanno senso. E’ ora di finirla e di parlare chiaro una volta per tutte. L’Iran va fermata con ogni mezzo possibile, anche con una guerra se fosse necessario, perché meglio una guerra oggi che un olocausto domani.

Sharon Levi

46 Comments

  1. Cara Sharon, finalmente ti sei resa conto che i “giornalisti” che scrivono sul Fatto Quotidiano, come Zarlingo, Paola Caridi, Calapà (che mille ne scrive e mai una giusta ne “fà”) ecc… eccitano talmente i rossi lettori, da ricevere poi dei commenti farneticanti come quello da te riportato.
    Voi vi state accorgendo da poco tempo della presenza di questi personaggi, che scimmiottando l’informazione giornalistica, come da ordini ricevuti dall’ex direttore comunista dell’Unità, Padellaro, pubblicano sul FQ le loro informazioni di terza e quarta mano (Amira Hass è una di queste informatrici) sugli avvenimenti della Striscia di Gaza e dintorni.
    Zarlingo, alcuni mesi fa, pubblicava un articolo così intitolato: “Continua il lancio di missili su Gaza”, non spiegando che questi erano lanciati con precisione per ritorsione al lancio di missili che gli assassini di Hamas sparavano da Gaza, ma tant’è!
    “Bellissime” poi, le due righe sulla situazione del povero ragazzo Gilad Shalit, nemmeno fosse un sacco di patate dimenticato in qualche magazzino. E qui sta tutta la malignità dello Zarlingo che voleva far credere che anche lui ha un cuore, come ce l’hanno gli assassini che lo tenevano prigioniero.
    Nessuna speranza da parte di questi odiatori e falsificatori di notizie (vedi quella della donna morta a Bil’in soffocata dai gas lacrimogeni israeliani) di ravvedimento spontaneo verso Israele, perché la loro unica preoccupazione è quella di ricevere più commenti deliranti possibili, ed in base al commento più fazioso, imbecille, e succulento, verranno pagati!

  2. Cara Sharon, finalmente ti sei resa conto che i “giornalisti” che scrivono sul Fatto Quotidiano, come Zarlingo, Paola Caridi, Calapà (che mille ne scrive e mai una giusta ne “fà”) ecc… eccitano talmente i rossi lettori, da ricevere poi dei commenti farneticanti come quello da te riportato.
    Voi vi state accorgendo da poco tempo della presenza di questi personaggi, che scimmiottando l’informazione giornalistica, come da ordini ricevuti dall’ex direttore comunista dell’Unità, Padellaro, pubblicano sul FQ le loro informazioni di terza e quarta mano (Amira Hass è una di queste informatrici) sugli avvenimenti della Striscia di Gaza e dintorni.
    Zarlingo, alcuni mesi fa, pubblicava un articolo così intitolato: “Continua il lancio di missili su Gaza”, non spiegando che questi erano lanciati con precisione per ritorsione al lancio di missili che gli assassini di Hamas sparavano da Gaza, ma tant’è!
    “Bellissime” poi, le due righe sulla situazione del povero ragazzo Gilad Shalit, nemmeno fosse un sacco di patate dimenticato in qualche magazzino. E qui sta tutta la malignità dello Zarlingo che voleva far credere che anche lui ha un cuore, come ce l’hanno gli assassini che lo tenevano prigioniero.
    Nessuna speranza da parte di questi odiatori e falsificatori di notizie (vedi quella della donna morta a Bil’in soffocata dai gas lacrimogeni israeliani) di ravvedimento spontaneo verso Israele, perché la loro unica preoccupazione è quella di ricevere più commenti deliranti possibili, ed in base al commento più fazioso, imbecille, e succulento, verranno pagati!

  3. Goffredo

    ho finito di leggere, trattenendo il vomito, l’ignobile (dal punto di vista della verità e dell’onesta intellettuale) articolo di Sharon Levi (quasi omonima, guarda caso, del macellaio sionista) sull’atomica iraniana. Questa ha il coraggio di sostenere che l’Iran non è minacciato da Usa e Israele! Siamo alla follia totale. Cosa ci fa,chiedo io, una megaflotta usa nel golfo persico, cosa ci fanno i sommergibili israeliani (regalati da quegli imbecilli dei tedeschi) armati di missili nucleari? Cosa ci fanno i droni americani sui cieli iraniani? Chi uccide gli scienziati iraniani ( a proposito di terrorismo, signora Sharon!) sul suolo patrio? Chi ha armato e scatenato Saddam Hussein contro la Repubblica Islamica? Se ne è dimenticata o non ne è informata, signora Sharon? Si informi anche, visto che c’è, su chi ha messo in piedi Al Quaeda e chi ancor oggi la utilizzi per i suoi sporchi giuochi di potere.Sostenere che l’Iran superi in fanatismo e dispostismo ……la Corea del Nord o la da lei difesa (pazzesco!) Arabia Saudita, il paese del medioevo e dell’oscurantismo (ma servo di usraele!) richiede una bella faccia di bronzo anzi, una disonestà intellettuale totale, al servizio della causa sionista, costi quel che costi. Al ragliante Dido (quell’idiota che, sprovvisto di adeguati strumenti di analisi, crede che io sia comunista!), come al solito neanche rispondo. Penso solo che quando finalmente, con vostra immensa gioia, Israele darà sfogo alla sua paranoia mortale attaccando l’Iran, scatenando terrificanti reazioni a catena che sconvolgeranno non solo il vicino Oriente, ma il mondo intero, solo allora le vostre pulsioni omicide saranno placate. Ad maiora!

  4. Goffredo

    ho finito di leggere, trattenendo il vomito, l’ignobile (dal punto di vista della verità e dell’onesta intellettuale) articolo di Sharon Levi (quasi omonima, guarda caso, del macellaio sionista) sull’atomica iraniana. Questa ha il coraggio di sostenere che l’Iran non è minacciato da Usa e Israele! Siamo alla follia totale. Cosa ci fa,chiedo io, una megaflotta usa nel golfo persico, cosa ci fanno i sommergibili israeliani (regalati da quegli imbecilli dei tedeschi) armati di missili nucleari? Cosa ci fanno i droni americani sui cieli iraniani? Chi uccide gli scienziati iraniani ( a proposito di terrorismo, signora Sharon!) sul suolo patrio? Chi ha armato e scatenato Saddam Hussein contro la Repubblica Islamica? Se ne è dimenticata o non ne è informata, signora Sharon? Si informi anche, visto che c’è, su chi ha messo in piedi Al Quaeda e chi ancor oggi la utilizzi per i suoi sporchi giuochi di potere.Sostenere che l’Iran superi in fanatismo e dispostismo ……la Corea del Nord o la da lei difesa (pazzesco!) Arabia Saudita, il paese del medioevo e dell’oscurantismo (ma servo di usraele!) richiede una bella faccia di bronzo anzi, una disonestà intellettuale totale, al servizio della causa sionista, costi quel che costi. Al ragliante Dido (quell’idiota che, sprovvisto di adeguati strumenti di analisi, crede che io sia comunista!), come al solito neanche rispondo. Penso solo che quando finalmente, con vostra immensa gioia, Israele darà sfogo alla sua paranoia mortale attaccando l’Iran, scatenando terrificanti reazioni a catena che sconvolgeranno non solo il vicino Oriente, ma il mondo intero, solo allora le vostre pulsioni omicide saranno placate. Ad maiora!

  5. Goffredo, guarda che vomitare a volte fa bene. forse potresti espellere un po’ di quel fiele nazi-islamico che ti pervade il corpo. Le flotte nel golfo persico ci stanno proprio per difendersi dalle minacce iraniane (l’ultima quella di bloccare lo stretto di Hormuz) e contro le tante minacce di Ahmadinejad. Chi semina vento spesso raccoglie tempesta.

    Vomita Goffredo,vomita, butta fuori tutto

  6. Goffredo, guarda che vomitare a volte fa bene. forse potresti espellere un po’ di quel fiele nazi-islamico che ti pervade il corpo. Le flotte nel golfo persico ci stanno proprio per difendersi dalle minacce iraniane (l’ultima quella di bloccare lo stretto di Hormuz) e contro le tante minacce di Ahmadinejad. Chi semina vento spesso raccoglie tempesta.

    Vomita Goffredo,vomita, butta fuori tutto

  7. Goffredo, chiudendo il tuo sproloquio con, Ad maiora, mi fai venire in mente certi fascisti…. Non è per caso che non essendo comunista (ne sei proprio sicuro?), ti senti un po’ fascista? E se per caso non ti sentissi nè comunista nè fascista, ma un poco catto-comunista con preferenza verso quel biricchino orecchino vendoliano, cosa ne diresti a questo punto, di fare outing?
    Su dai, fai il bravo e confessa la tua repulsione verso tutto quello che è maschio, e continua a difendere quel regime nel quale troveresti la vera pace, quella definitiva però!

  8. Goffredo, chiudendo il tuo sproloquio con, Ad maiora, mi fai venire in mente certi fascisti…. Non è per caso che non essendo comunista (ne sei proprio sicuro?), ti senti un po’ fascista? E se per caso non ti sentissi nè comunista nè fascista, ma un poco catto-comunista con preferenza verso quel biricchino orecchino vendoliano, cosa ne diresti a questo punto, di fare outing?
    Su dai, fai il bravo e confessa la tua repulsione verso tutto quello che è maschio, e continua a difendere quel regime nel quale troveresti la vera pace, quella definitiva però!

  9. Goffredo, ultima mia considerazione sui tuoi dissennati commenti, e poi non ne voglio più sapere di te.
    Se tu fossi un po’ più riflessivo e lasciassi perdere le letture del FQ o di Liberazione, il giornale di Rifondazione Comunista (ma è ancora in edicola?) faresti una piccola considerazione: il potenziale economico che hanno la maggior parte degli Stati musulmani in Nord Sfrica, rispetto ad Israele, è incredibile! Israele, pur vivendo in condizioni geografiche e climatiche simili a quest’ultimi, è un paese molto più prospero. Benchè Israele non abbia un solo pozzo di petrolio, gli israeliani hanno costruito per sè e per i propri figli una nazione felice, democratica, e libera.
    Devi contestare anche questo?
    Se solo le cocietà arabe riuscissero a liberarsi dall’Islam, allora anche loro diventerebbero delle nazioni libere e democratiche. Ma il vero problema è purtroppo l’Islam, e non bisogna aver paura di dirlo, ed essendo radicato profondamente nella società musulmana, condurrà questi popoli a negare ogni possibile libertà ai loro stessi figli.
    Tu stai incoraggiando queste società musulmane che reprimono i loro stessi figli, e quindi, se non sei peggio di loro, sei come loro.

  10. Goffredo, ultima mia considerazione sui tuoi dissennati commenti, e poi non ne voglio più sapere di te.
    Se tu fossi un po’ più riflessivo e lasciassi perdere le letture del FQ o di Liberazione, il giornale di Rifondazione Comunista (ma è ancora in edicola?) faresti una piccola considerazione: il potenziale economico che hanno la maggior parte degli Stati musulmani in Nord Sfrica, rispetto ad Israele, è incredibile! Israele, pur vivendo in condizioni geografiche e climatiche simili a quest’ultimi, è un paese molto più prospero. Benchè Israele non abbia un solo pozzo di petrolio, gli israeliani hanno costruito per sè e per i propri figli una nazione felice, democratica, e libera.
    Devi contestare anche questo?
    Se solo le cocietà arabe riuscissero a liberarsi dall’Islam, allora anche loro diventerebbero delle nazioni libere e democratiche. Ma il vero problema è purtroppo l’Islam, e non bisogna aver paura di dirlo, ed essendo radicato profondamente nella società musulmana, condurrà questi popoli a negare ogni possibile libertà ai loro stessi figli.
    Tu stai incoraggiando queste società musulmane che reprimono i loro stessi figli, e quindi, se non sei peggio di loro, sei come loro.

  11. Goffredo

    Rispondo, anch’io per l’ultima volta, ai miei due nobili interlocutori, visto che adesso si è messo di mezzo anche un certo Aaron (nomen omen). Caro stupidotto di Dido, come ho già cercato di spiegarti, ahimè invano data la assoluta modestia della tua capacità di compendonio, pensare che io sia comunista o di quell’area politico culturale (cattocomunista) è di un’ilarità totale. Io mi vanto di essere fedele all’eredità culturale greca, romana e germanica dell’Europa, quella che ha fatto del nostro continente la culla della civiltà. I diritti dei gay,tanto cari all’idologia neoliberista oggi dominante, quindi, li lascio a te ed ai tuoi amici, visto che Israele è considerato uno dei Paesi più “gay-friendly”! Quanto all’Iran che io difendo contro la becera aggressione che quotidianamente gli riservano i circoli sionistici ed i loro lacchè, apprezzo di quel Paese la grande e nobile storia di nazione ariana, la raffinata cultura, l’intelligenza e la capacità creativa della sua gioventù. Non sono, ovviamente, un ammiratore del suo sistema politico ma non sopporto che si stia ripetendo, giorno dopo giorno, la storiella del lupo e dell’agnello, dove il lupo non è certamente la Repubblica Islamica. Quanto al benessere di Israele, credo che sarebbe oltremodo interessante far conoscere all’opinione pubblica italiana, europea ed americana a quanto ammontino gli “aiuti” che ogni anno gli arrivano dai generosi contribuenti americani (3 miliardi di dollari + armi di ultimo tipo) tedeschi (risarcimenti olocaustici anche ai nipoti dei nipoti + sommergibili di ultima generazione classe Dolphin con i quali minacciare l’Iran) e dagli ebrei della diaspora. Tutti sono capaci di fare miracoli con questa pioggia di soldi! Tutte queste informazioni, faccio notare, si possono attingere grazie alla rete (finchè non la farete chiudere) attraverso le testimonianze di tanti onesti e leali ebrei che non sarebbe male che anche voi ogni tanto poteste consultare.

  12. Goffredo

    Rispondo, anch’io per l’ultima volta, ai miei due nobili interlocutori, visto che adesso si è messo di mezzo anche un certo Aaron (nomen omen). Caro stupidotto di Dido, come ho già cercato di spiegarti, ahimè invano data la assoluta modestia della tua capacità di compendonio, pensare che io sia comunista o di quell’area politico culturale (cattocomunista) è di un’ilarità totale. Io mi vanto di essere fedele all’eredità culturale greca, romana e germanica dell’Europa, quella che ha fatto del nostro continente la culla della civiltà. I diritti dei gay,tanto cari all’idologia neoliberista oggi dominante, quindi, li lascio a te ed ai tuoi amici, visto che Israele è considerato uno dei Paesi più “gay-friendly”! Quanto all’Iran che io difendo contro la becera aggressione che quotidianamente gli riservano i circoli sionistici ed i loro lacchè, apprezzo di quel Paese la grande e nobile storia di nazione ariana, la raffinata cultura, l’intelligenza e la capacità creativa della sua gioventù. Non sono, ovviamente, un ammiratore del suo sistema politico ma non sopporto che si stia ripetendo, giorno dopo giorno, la storiella del lupo e dell’agnello, dove il lupo non è certamente la Repubblica Islamica. Quanto al benessere di Israele, credo che sarebbe oltremodo interessante far conoscere all’opinione pubblica italiana, europea ed americana a quanto ammontino gli “aiuti” che ogni anno gli arrivano dai generosi contribuenti americani (3 miliardi di dollari + armi di ultimo tipo) tedeschi (risarcimenti olocaustici anche ai nipoti dei nipoti + sommergibili di ultima generazione classe Dolphin con i quali minacciare l’Iran) e dagli ebrei della diaspora. Tutti sono capaci di fare miracoli con questa pioggia di soldi! Tutte queste informazioni, faccio notare, si possono attingere grazie alla rete (finchè non la farete chiudere) attraverso le testimonianze di tanti onesti e leali ebrei che non sarebbe male che anche voi ogni tanto poteste consultare.

  13. Franco Londei

    Goffredo, partiamo dal basso, dagli aiuti militari a Israele. Allora, c’è un MONDO LIBERO che intende difendere l’unica democrazia in Medio Oriente ed è chiaro che faccia di tutto per ottenere questo obbiettivo. Guardi, non c’è bisogno di andare su internet per avere conferma di quanto lei dice, glielo dico io che quei dati sono veri, anzi, sono certamente riduttivi. Israele ha bisogno di armi per difendersi dalle follie genocide dei suoi nemici. E’ tutto nella norma, mi creda.

    Piuttosto vorrei che lei si rendesse conto che se l’Iran fosse una “normalissima” democrazia che volesse ottenere un sistema nucleare civile nessuno avrebbe niente a che ridire. Purtroppo non è così. Certo, l’Iran ha una storia millenaria certamente di primo piano e, le dirò, i persiani sono incredibilmente simili agli ebrei (hanno lo stesso nemico, gli arabi), ma purtroppo il regime di Teheran è in mano a personaggi crudeli e assassini e certo non per colpa del popolo iraniano. Questo fatto rende il regime iraniano estremamente pericoloso (ribadisco, non il popolo iraniano). Purtroppo questa fondamentale distinzione non la vedo mai fare da nessuno, tutti accecati dall’odio verso Israele. Ma davvero vogliamo sostenere che il regime iraniano debba avere delle bombe atomiche? Davvero pensiamo che questo sia giusto per le generazioni future? Se pensiamo questo allora c’è ben poco di cui discuter. Se al contrario siamo convinti che questo non debba avvenire allora vediamo di ragionarci sopra e di vedere come fare per impedirlo, con qualsiasi mezzo.

  14. Franco Londei

    Goffredo, partiamo dal basso, dagli aiuti militari a Israele. Allora, c’è un MONDO LIBERO che intende difendere l’unica democrazia in Medio Oriente ed è chiaro che faccia di tutto per ottenere questo obbiettivo. Guardi, non c’è bisogno di andare su internet per avere conferma di quanto lei dice, glielo dico io che quei dati sono veri, anzi, sono certamente riduttivi. Israele ha bisogno di armi per difendersi dalle follie genocide dei suoi nemici. E’ tutto nella norma, mi creda.

    Piuttosto vorrei che lei si rendesse conto che se l’Iran fosse una “normalissima” democrazia che volesse ottenere un sistema nucleare civile nessuno avrebbe niente a che ridire. Purtroppo non è così. Certo, l’Iran ha una storia millenaria certamente di primo piano e, le dirò, i persiani sono incredibilmente simili agli ebrei (hanno lo stesso nemico, gli arabi), ma purtroppo il regime di Teheran è in mano a personaggi crudeli e assassini e certo non per colpa del popolo iraniano. Questo fatto rende il regime iraniano estremamente pericoloso (ribadisco, non il popolo iraniano). Purtroppo questa fondamentale distinzione non la vedo mai fare da nessuno, tutti accecati dall’odio verso Israele. Ma davvero vogliamo sostenere che il regime iraniano debba avere delle bombe atomiche? Davvero pensiamo che questo sia giusto per le generazioni future? Se pensiamo questo allora c’è ben poco di cui discuter. Se al contrario siamo convinti che questo non debba avvenire allora vediamo di ragionarci sopra e di vedere come fare per impedirlo, con qualsiasi mezzo.

  15. Se a quel signore che si firma Goffredo fosse attribuibile davvero l’onesta intellettuale, che rivendica per sé, allora si potrebbe seguire il suo metodo interrogativo e porgli qualche domanda concernente le sue successive accusatorie ed indignate affermazioni. Eccone alcune.
    Innanzitutto, che cos’é per lui la “causa sionista” di cui fa cenno nel primo commento?
    Secondo, da dove egli ha tratto l’idea che l’Arabia Saudita sia “servo di Israele”, e non faccia per esempio sempre quelli che ritiene siano i suoi interessi?
    Terzo, come fa a pensare seriamente che il livello reddituale, culturale e tecnologico della società israeliana sia dovuto ai tre miliardi di dollari degli aiuti americani, ai sottomarini tedeschi ecc. e non invece al livello civile della sua popolazione ebraica e soprattutto laica in maggioranza?
    Ma sa questo signore che Israele ha un numero di imprese quotate al NASDAQ secondo solo agli Stati Uniti e maggiore della somma del numero di imprese cinesi,russe ed europee messe insieme, che facciano parte del listino di quel mercato?
    E sa anche che quel Paese ( Israele) nato nel deserto esporta il 70% (vado a memoria )della sua produzione agricola, nonostante gli siano preclusi tutti i mercati dei paesi dell’area mediorientale?
    Di cosa va cianciando questo signore quando rivendica la sua fedeltà”all’eredità culturale greca romana e germanica”?
    Si tratta di una espressione che può contenere di tutto, dal liberalismo, al comunismo al nazismo.
    Perché, per caso, Hitler non apparteneva alla cultura europea? E, volando più alto, é informato l’esimio Goffredo che Heidegger si mostrò più critico verso la metafisica greca che verso il nazional socialismo?
    Costui dice di non essere comunista. E con questo?
    Certamente non ha a cuore, per esempio, i diritti umani dei gay, visto di come parla del neoliberismo e di come apprezza la “raffinata cultura iraniana”.
    Ma non ha certo a cuore neppure il concetto di democrazia. Israele é una democrazia, l’Iran no.
    Tuttavia attribuisce a ciò che lui definisce sionismo il potere planetario di censurare perfino il WEB: a proposito della rete scrive” finché non la farete chiudere”.
    In che mondo vive costui? Vive evidentemente in compagnia delle sue paranoie ( e ne ho tralasciate alcune: al Qaeda creata dagli Usa, Saddam Hussein un semplice burattino senza volontà e scopi politici ecc.).
    E’ naturale che un simile individuo descriva l’Iran come un Paese pacifico minacciato da Israele e dagli USA.
    La sua sindrome ha un nome preciso:
    si chiama antisemitismo.
    Neanche troppo mascherato.

  16. Se a quel signore che si firma Goffredo fosse attribuibile davvero l’onesta intellettuale, che rivendica per sé, allora si potrebbe seguire il suo metodo interrogativo e porgli qualche domanda concernente le sue successive accusatorie ed indignate affermazioni. Eccone alcune.
    Innanzitutto, che cos’é per lui la “causa sionista” di cui fa cenno nel primo commento?
    Secondo, da dove egli ha tratto l’idea che l’Arabia Saudita sia “servo di Israele”, e non faccia per esempio sempre quelli che ritiene siano i suoi interessi?
    Terzo, come fa a pensare seriamente che il livello reddituale, culturale e tecnologico della società israeliana sia dovuto ai tre miliardi di dollari degli aiuti americani, ai sottomarini tedeschi ecc. e non invece al livello civile della sua popolazione ebraica e soprattutto laica in maggioranza?
    Ma sa questo signore che Israele ha un numero di imprese quotate al NASDAQ secondo solo agli Stati Uniti e maggiore della somma del numero di imprese cinesi,russe ed europee messe insieme, che facciano parte del listino di quel mercato?
    E sa anche che quel Paese ( Israele) nato nel deserto esporta il 70% (vado a memoria )della sua produzione agricola, nonostante gli siano preclusi tutti i mercati dei paesi dell’area mediorientale?
    Di cosa va cianciando questo signore quando rivendica la sua fedeltà”all’eredità culturale greca romana e germanica”?
    Si tratta di una espressione che può contenere di tutto, dal liberalismo, al comunismo al nazismo.
    Perché, per caso, Hitler non apparteneva alla cultura europea? E, volando più alto, é informato l’esimio Goffredo che Heidegger si mostrò più critico verso la metafisica greca che verso il nazional socialismo?
    Costui dice di non essere comunista. E con questo?
    Certamente non ha a cuore, per esempio, i diritti umani dei gay, visto di come parla del neoliberismo e di come apprezza la “raffinata cultura iraniana”.
    Ma non ha certo a cuore neppure il concetto di democrazia. Israele é una democrazia, l’Iran no.
    Tuttavia attribuisce a ciò che lui definisce sionismo il potere planetario di censurare perfino il WEB: a proposito della rete scrive” finché non la farete chiudere”.
    In che mondo vive costui? Vive evidentemente in compagnia delle sue paranoie ( e ne ho tralasciate alcune: al Qaeda creata dagli Usa, Saddam Hussein un semplice burattino senza volontà e scopi politici ecc.).
    E’ naturale che un simile individuo descriva l’Iran come un Paese pacifico minacciato da Israele e dagli USA.
    La sua sindrome ha un nome preciso:
    si chiama antisemitismo.
    Neanche troppo mascherato.

  17. Scusate se mi intrometto
    Io sono romano e cristiano , quindi fuori dai giochi e ho vissuto per lavoro in Israele
    Caro Goffredo dovresti andarci e capire chi sono prima di dare giudizi affrettati , e’ sicuramente un posto ed una nazione da salvaguardare assolutamente perché se non ci fossero loro li avremmo quei signori che tagliano le teste e sgozzano ostaggi in tv fino a Catanzaro
    Ora anche Israele ha le sue colpe sicuramente ma tu se qualcuno insidiasse te e la tua famiglia applicheresti il porgi l’altra guancia o difenderesti tutto e tutti fino alla stremo?
    Sicuramente anche in Iran ci sono molte persone civili e degne di nota come in tutti i paesi ma forse noi occidentali non capiamo che certi estremisti islamici considerano noi cristiani ed europei come sionisti
    Quindi prima di dire sionista sappi bene che per loro sei sionista anche tu … Magari il tuo turno arriverà dopo ma stai sicuro che arriverà
    Cerchiamo di capire che il vero nemico e’ dentro di noi non cerchiamolo al di fuori
    Che il Signore sia con te

  18. Scusate se mi intrometto
    Io sono romano e cristiano , quindi fuori dai giochi e ho vissuto per lavoro in Israele
    Caro Goffredo dovresti andarci e capire chi sono prima di dare giudizi affrettati , e’ sicuramente un posto ed una nazione da salvaguardare assolutamente perché se non ci fossero loro li avremmo quei signori che tagliano le teste e sgozzano ostaggi in tv fino a Catanzaro
    Ora anche Israele ha le sue colpe sicuramente ma tu se qualcuno insidiasse te e la tua famiglia applicheresti il porgi l’altra guancia o difenderesti tutto e tutti fino alla stremo?
    Sicuramente anche in Iran ci sono molte persone civili e degne di nota come in tutti i paesi ma forse noi occidentali non capiamo che certi estremisti islamici considerano noi cristiani ed europei come sionisti
    Quindi prima di dire sionista sappi bene che per loro sei sionista anche tu … Magari il tuo turno arriverà dopo ma stai sicuro che arriverà
    Cerchiamo di capire che il vero nemico e’ dentro di noi non cerchiamolo al di fuori
    Che il Signore sia con te

  19. sculacciatopi

    Che Israele sia paese più “gay-friendly” è sicuro!
    E’ il paese che la mette in c.. a tutte le risoluzioni dell’ONU che lo riguardano.
    E’ il paese che la mette in c.. a quei figli di buona donna dei crucchi e la loro stupida “angst” e scrocca U-boot.
    E’ il paese che la mette in c.. all’europa impedendo rapporti normali con i paesi del mediterraneo.
    E’ il paese che la mette in c.. all’europa con la crisi iraniana e il conseguente aumento dei carburanti.
    E’ il paese che la mette in c.. agli US che invece di farsi gli affari loro e prosperare fanno guerre costosissime conto terzi.
    E’ il paese che la mette in c.. al resto del mondo mantenendolo in tensione e minacciando una catastrofe nucleare globale.
    E’ il paese che la mette in c.. ai palestinesi fottendo loro terra, acqua e altro.
    E’ il paese che la mette in c.. alle pacifiche e laboriose comunità ebraiche straniere conivolte loro malgrado nei progetti sionisti folli.

    Più “gay-friendly” di così si muore! (corna e stracorna) tuttavia và fatta un’osservazione di metodo, non si può essere sempre “gay-friendly” con il sedere degli altri, prima o poi gli altri si arrabbiano e pretendono anche loro di infilarti le terga, se l’eventuale reazione beccasse selettivamente le terga dei sionisti pazienza…se la sarebbero alla fine dei conti cercata ma le cose non vanno così e rischieranno di pagarla anche tutti gli ebrei NON SIONISTI.

  20. sculacciatopi

    Che Israele sia paese più “gay-friendly” è sicuro!
    E’ il paese che la mette in c.. a tutte le risoluzioni dell’ONU che lo riguardano.
    E’ il paese che la mette in c.. a quei figli di buona donna dei crucchi e la loro stupida “angst” e scrocca U-boot.
    E’ il paese che la mette in c.. all’europa impedendo rapporti normali con i paesi del mediterraneo.
    E’ il paese che la mette in c.. all’europa con la crisi iraniana e il conseguente aumento dei carburanti.
    E’ il paese che la mette in c.. agli US che invece di farsi gli affari loro e prosperare fanno guerre costosissime conto terzi.
    E’ il paese che la mette in c.. al resto del mondo mantenendolo in tensione e minacciando una catastrofe nucleare globale.
    E’ il paese che la mette in c.. ai palestinesi fottendo loro terra, acqua e altro.
    E’ il paese che la mette in c.. alle pacifiche e laboriose comunità ebraiche straniere conivolte loro malgrado nei progetti sionisti folli.

    Più “gay-friendly” di così si muore! (corna e stracorna) tuttavia và fatta un’osservazione di metodo, non si può essere sempre “gay-friendly” con il sedere degli altri, prima o poi gli altri si arrabbiano e pretendono anche loro di infilarti le terga, se l’eventuale reazione beccasse selettivamente le terga dei sionisti pazienza…se la sarebbero alla fine dei conti cercata ma le cose non vanno così e rischieranno di pagarla anche tutti gli ebrei NON SIONISTI.

  21. E allora anche i palestinesi sono gay-friendly
    La mettono nel c………lo da sessantenni a tutto il mondo campando alle spalle degli altri
    La mettono nel c……..lo agli arabi fottendogli un sacco di soldi
    La mettono nel c……..lo all’Europa facendosi finanziare i conti esteri e i lussi di Gaza
    La mettono nel c……..lo agli iraniani facendogli credere che in caso di attacco reagiranno ma se ne guarderanno bene dal farlo perché mica sono scemi di buttare al vento tutto quello che ciulano agli altri, i parassiti
    La mettono nel c……..lo a Barack Hussein Obama, il primo presidente USA islamico e islamista perché a loro gliene frega meno di niente dei trattati di pace
    La mettono nel c……..lo anche agli ebrei NON SIONISTI che li difendono con tanto ardore ma a loro lo fanno nel vero senso della parola, cioè li deflorano fisicamente perché così gli piace

  22. E allora anche i palestinesi sono gay-friendly
    La mettono nel c………lo da sessantenni a tutto il mondo campando alle spalle degli altri
    La mettono nel c……..lo agli arabi fottendogli un sacco di soldi
    La mettono nel c……..lo all’Europa facendosi finanziare i conti esteri e i lussi di Gaza
    La mettono nel c……..lo agli iraniani facendogli credere che in caso di attacco reagiranno ma se ne guarderanno bene dal farlo perché mica sono scemi di buttare al vento tutto quello che ciulano agli altri, i parassiti
    La mettono nel c……..lo a Barack Hussein Obama, il primo presidente USA islamico e islamista perché a loro gliene frega meno di niente dei trattati di pace
    La mettono nel c……..lo anche agli ebrei NON SIONISTI che li difendono con tanto ardore ma a loro lo fanno nel vero senso della parola, cioè li deflorano fisicamente perché così gli piace

  23. L’importante é che i gay-friendly la mettano in c….
    a coloro che amano sculacciare i topi.
    Rimane tuttavia un dubbio: per costoro si tratta solo di sculacciare?

  24. L’importante é che i gay-friendly la mettano in c….
    a coloro che amano sculacciare i topi.
    Rimane tuttavia un dubbio: per costoro si tratta solo di sculacciare?

  25. Faccio notare i signori filo-palestinesi che questo è l’unico sito apertamente schierato a favore di Israele che non censura i loro sproloqui faziosi mentre i siti filo-palestinesi ,che della verità se ne sbattono, censurano tutti i commenti contrari alla loro linea. Quando si dice DIRE LA VERITA’

    A voi interessa solo mentire a noi interessa solo la verità

  26. Faccio notare i signori filo-palestinesi che questo è l’unico sito apertamente schierato a favore di Israele che non censura i loro sproloqui faziosi mentre i siti filo-palestinesi ,che della verità se ne sbattono, censurano tutti i commenti contrari alla loro linea. Quando si dice DIRE LA VERITA’

    A voi interessa solo mentire a noi interessa solo la verità

  27. Sculacciatopi, comunista da strapazzo e poco educato!
    Noi abbiamo bisogno ogni tanto dei tuoi rigurgiti insulsi, perché nei momenti di sconforto, quando leggiamo certe castronerie, capiamo quanto malvage ed ignoranti siano le persone che odiano Israele, e così ci facciamo più convinti che dobbiamo combattervi con tutte le nostre forze.
    Io do del comunista a tutte quelle persone che ragionano come te, siano esse fasciste, negazioniste, comuniste, cattocomuniste, nazionaliste, ecc…
    Se ti senti offeso, mi fa piacere, se invece te ne fai un baffo, mi fa piacere lo stesso, ma se ti senti ancora propenso a rigurgitare le tue strampalate verità, ti prego, lascia perdere per oggi, e vai a sfogarti da un’altra parte.
    Se fra qualche settimana ritornerai a spiegarci la tua filosofia di quel retro, buio e nero, che a te piace tanto, ci farai felici!

  28. Sculacciatopi, comunista da strapazzo e poco educato!
    Noi abbiamo bisogno ogni tanto dei tuoi rigurgiti insulsi, perché nei momenti di sconforto, quando leggiamo certe castronerie, capiamo quanto malvage ed ignoranti siano le persone che odiano Israele, e così ci facciamo più convinti che dobbiamo combattervi con tutte le nostre forze.
    Io do del comunista a tutte quelle persone che ragionano come te, siano esse fasciste, negazioniste, comuniste, cattocomuniste, nazionaliste, ecc…
    Se ti senti offeso, mi fa piacere, se invece te ne fai un baffo, mi fa piacere lo stesso, ma se ti senti ancora propenso a rigurgitare le tue strampalate verità, ti prego, lascia perdere per oggi, e vai a sfogarti da un’altra parte.
    Se fra qualche settimana ritornerai a spiegarci la tua filosofia di quel retro, buio e nero, che a te piace tanto, ci farai felici!

  29. sculacciatopi

    Sculacciatopi non è ascrivibile a nessuna delle categorie citate a sproposito dalla scandalizzata Dido e SOPRATTUTTO non odia Israele oltre a non odiare in particolare nessuno perché odiare è una cosa che fà star male ed è sostanzialmente stupida, meglio amare.
    Su una cosa tuttavia la scandalizzata Dido ha assolutamente ragione, sculacciatopi è effettivamente strampalato e rivendica il diritto alla strampalatezza! D’altra parte la retorica bellicista di chi scrive su questo sito sarebbe ancora più strampalata se non fosse … tragicamente strampalata.
    Poi c’è una stranezza ancora più strampalata in apparenza ma logica, questo emerito sito si picca di difendere i “DIRITTI UMANI IN MODO NON CONVENZIONALE” ed effettivamente bisogna ammettere che una guerra è proprio l’ambiente adatto per difendere i diritti umani…uh uh..in modo NON CONVENZIONALE ah ah ah ah ah

    P.S.
    il tukul è un luogo tetro dove si entra sol di dietro
    il tukul è una capanna dove il sionista fà la nanna

  30. sculacciatopi

    Sculacciatopi non è ascrivibile a nessuna delle categorie citate a sproposito dalla scandalizzata Dido e SOPRATTUTTO non odia Israele oltre a non odiare in particolare nessuno perché odiare è una cosa che fà star male ed è sostanzialmente stupida, meglio amare.
    Su una cosa tuttavia la scandalizzata Dido ha assolutamente ragione, sculacciatopi è effettivamente strampalato e rivendica il diritto alla strampalatezza! D’altra parte la retorica bellicista di chi scrive su questo sito sarebbe ancora più strampalata se non fosse … tragicamente strampalata.
    Poi c’è una stranezza ancora più strampalata in apparenza ma logica, questo emerito sito si picca di difendere i “DIRITTI UMANI IN MODO NON CONVENZIONALE” ed effettivamente bisogna ammettere che una guerra è proprio l’ambiente adatto per difendere i diritti umani…uh uh..in modo NON CONVENZIONALE ah ah ah ah ah

    P.S.
    il tukul è un luogo tetro dove si entra sol di dietro
    il tukul è una capanna dove il sionista fà la nanna

  31. Franco Londei

    Goffredo, lei non legge le mie risposte. Non c’è bisogno di portarle “testimonianze scritte” (che tra l’altro cambiano da sito a sito. Noi diciamo una cosa e Infopal ne dice un’altra per fare un esempio), basta che si riveda le testimonianze video dell’ultimo plenum delle Nazioni Unite o qualche video o resoconto su IRIB (radio televisione iraniana). Ci vuole poco. Per favore, non insulti l’intelligenza delle persone con la storiella della traduzione dal Farsi, sia buono.

    Quello che dice lei sul 50% della popolazione israeliana contrari all’attacco la dice lunghissima sulla sua non conoscenza di Israele e degli israeliani. Le posso dire che sono tutti “fortemente preoccupati” e questo credo che sia più che lecito, ma la maggioranza degli israeliani si rende conto che il programma nucleare iraniano è una minaccia esistenziale per Israele. Ci vada in Israele, ci vada veramente e si renderà conto di quello che le sto dicendo. Chiaro che c’è anche una parte contraria a partire dall’ex capo del Mossad, Meir Dagan, il quale esprime perplessità e dubbi, per finire alle ONG di sinistra (Pace Now, B’Tselem e altre). E’ normale in una democrazia compiuta qual è Israele.

    Un’altra cosa completamente sbagliata che lei dice è quella riguardante il fatto che “intelligence Usa, gli Stati maggiore e il Segretario alla Difesa concordano nel ritenere che il programma nucleare iraniano non abbia, al momento, finalità militari”. Non è vero, tutti concordano che il programma nucleare iraniano abbia finalità militari (mica sono ingenui) solo che loro dicono che l’Iran non raggiungerà il punto di non ritorno prima della fine dell’anno (qualcuno parla addirittura di metà 2013), mentre il Mossad afferma che quel famigerato punto di non ritorno si raagiungerà entro pochi mesi. Mi perdoni se io, e con me questa organizzazione, tende a credere più al Mossad che alla CIA.

    Lei poi afferma che diamo fiato alle “continue paranoie del governo israeliano”. Vede caro Goffredo, per capire se veramente quelle del governo israeliano siano o meno paranoie si vada a vedere quello che è successo nelle ultime ore in Israele (per favore non vada a leggere siti di sinistra anche se devo dire che INCREDIBILMENTE il Manifesto ha dato un resoconto abbastanza puntuale). Vedrà che quello che la maggior parte di persone come lei giudicano un “assalto a Gaza” è la logica reazione al continuo lancio di missili da Gaza (oltre 40 solo ieri) e che il difendersi in Israele non è una paranoia ma una esigenza.

  32. Franco Londei

    Goffredo, lei non legge le mie risposte. Non c’è bisogno di portarle “testimonianze scritte” (che tra l’altro cambiano da sito a sito. Noi diciamo una cosa e Infopal ne dice un’altra per fare un esempio), basta che si riveda le testimonianze video dell’ultimo plenum delle Nazioni Unite o qualche video o resoconto su IRIB (radio televisione iraniana). Ci vuole poco. Per favore, non insulti l’intelligenza delle persone con la storiella della traduzione dal Farsi, sia buono.

    Quello che dice lei sul 50% della popolazione israeliana contrari all’attacco la dice lunghissima sulla sua non conoscenza di Israele e degli israeliani. Le posso dire che sono tutti “fortemente preoccupati” e questo credo che sia più che lecito, ma la maggioranza degli israeliani si rende conto che il programma nucleare iraniano è una minaccia esistenziale per Israele. Ci vada in Israele, ci vada veramente e si renderà conto di quello che le sto dicendo. Chiaro che c’è anche una parte contraria a partire dall’ex capo del Mossad, Meir Dagan, il quale esprime perplessità e dubbi, per finire alle ONG di sinistra (Pace Now, B’Tselem e altre). E’ normale in una democrazia compiuta qual è Israele.

    Un’altra cosa completamente sbagliata che lei dice è quella riguardante il fatto che “intelligence Usa, gli Stati maggiore e il Segretario alla Difesa concordano nel ritenere che il programma nucleare iraniano non abbia, al momento, finalità militari”. Non è vero, tutti concordano che il programma nucleare iraniano abbia finalità militari (mica sono ingenui) solo che loro dicono che l’Iran non raggiungerà il punto di non ritorno prima della fine dell’anno (qualcuno parla addirittura di metà 2013), mentre il Mossad afferma che quel famigerato punto di non ritorno si raagiungerà entro pochi mesi. Mi perdoni se io, e con me questa organizzazione, tende a credere più al Mossad che alla CIA.

    Lei poi afferma che diamo fiato alle “continue paranoie del governo israeliano”. Vede caro Goffredo, per capire se veramente quelle del governo israeliano siano o meno paranoie si vada a vedere quello che è successo nelle ultime ore in Israele (per favore non vada a leggere siti di sinistra anche se devo dire che INCREDIBILMENTE il Manifesto ha dato un resoconto abbastanza puntuale). Vedrà che quello che la maggior parte di persone come lei giudicano un “assalto a Gaza” è la logica reazione al continuo lancio di missili da Gaza (oltre 40 solo ieri) e che il difendersi in Israele non è una paranoia ma una esigenza.

  33. Goffredo

    Scullacciatopi sei forte, dici in maniera concisa anche se un pò irriverente verità indiscusse. Sfido chiunque a negare che tu non dica la verità! A Franco Londei vorrei chiedere un’altra volta, con il consueto rispetto pur nel totale dissenso : mi porti, se può, la testimonianza (scritta!) delle minaccie di distruzione globale fatte da Ahmadinejead nei confronti di Israele. Se lo fa gliene sarò grato. Altra osservazione : tutte le agenzie di intelligence degli Usa, gli Stati maggiore e il Segretario alla Difesa concordano nel ritenere che il programma nucleare iraniano non abbia, al momento, finalità militari. Perchè allora dare continuamente fiato alle paronoie dell’attuale governo israeliano, come state facendo voi, ignorando, ad esempio che almeno la metà dei cittadini israeliani nutre forti perplessità nei confronti di un eventuale strike? Non vi dicono nulla le sagge parole di una personalità rispettabile ed onesta come David Grossman e dei tanti come lui? Nessun dubbio da parte vostra? E’ questo vs. oltranzismo che non sopporto, questa vs. passiva accettazione anche di un nuovo olocausto nucleare, solo perchè Israele, il popolo-dio, non veda ombre al suo orizzonte che possano minacciare la sua egemonia sull’intera area mediorientale.

  34. Goffredo

    Scullacciatopi sei forte, dici in maniera concisa anche se un pò irriverente verità indiscusse. Sfido chiunque a negare che tu non dica la verità! A Franco Londei vorrei chiedere un’altra volta, con il consueto rispetto pur nel totale dissenso : mi porti, se può, la testimonianza (scritta!) delle minaccie di distruzione globale fatte da Ahmadinejead nei confronti di Israele. Se lo fa gliene sarò grato. Altra osservazione : tutte le agenzie di intelligence degli Usa, gli Stati maggiore e il Segretario alla Difesa concordano nel ritenere che il programma nucleare iraniano non abbia, al momento, finalità militari. Perchè allora dare continuamente fiato alle paronoie dell’attuale governo israeliano, come state facendo voi, ignorando, ad esempio che almeno la metà dei cittadini israeliani nutre forti perplessità nei confronti di un eventuale strike? Non vi dicono nulla le sagge parole di una personalità rispettabile ed onesta come David Grossman e dei tanti come lui? Nessun dubbio da parte vostra? E’ questo vs. oltranzismo che non sopporto, questa vs. passiva accettazione anche di un nuovo olocausto nucleare, solo perchè Israele, il popolo-dio, non veda ombre al suo orizzonte che possano minacciare la sua egemonia sull’intera area mediorientale.

  35. Sandino

    L’Iran avrà la bomba.
    E sarà un bene per tutto il medio-oriente.
    Si creeranno in piccolo le stesse situazioni vissute in 50 anni di guerra fredda: tensioni, paure, scaramucce ma finalmente tutti potranno dialogare alla pari con Israele.
    Sempre che gli Israeliani non attacchino prima.
    Cosa che non mi sento, purtroppo, di escludere.
    (ah dimenticavo… Isreale NON è una democrazia!!!)

  36. Sandino

    L’Iran avrà la bomba.
    E sarà un bene per tutto il medio-oriente.
    Si creeranno in piccolo le stesse situazioni vissute in 50 anni di guerra fredda: tensioni, paure, scaramucce ma finalmente tutti potranno dialogare alla pari con Israele.
    Sempre che gli Israeliani non attacchino prima.
    Cosa che non mi sento, purtroppo, di escludere.
    (ah dimenticavo… Isreale NON è una democrazia!!!)

  37. Invece Iran Siria hezbollah in Libano so ‘ democrazie???
    A sandrino , stasera esci e fatte a fa’ na bella pizza in attesa che il magico ti prenda
    Israele Forever

  38. Invece Iran Siria hezbollah in Libano so ‘ democrazie???
    A sandrino , stasera esci e fatte a fa’ na bella pizza in attesa che il magico ti prenda
    Israele Forever

  39. CARA SHARON SECONDO TE E GIUSTO CHE ISRAELE ABBIA UCCISO DEI SCIENZIATI IRANIANI IN ATTENTATI PER FERMARE AHMADINEJAD NELLA SUA CORSA AL NUCLEARE? COSA C’ENTRA UN PADRE DI FAMIGLIA CHE PORTA A CASA DA MANGIARE ANCHE SE STA AIUTANDO A COSTRUIRE UNA BOMBA SE E COSI SAI QUANTA GENTE SI DOVREBBE UCCIDERE PER IL LAVORO CHE FANNO !!!!! MA RICORDATE CHE SI PAGHERA TUTTO DAVANTI A DIO PER QUESTE INGIUSTIZIE E ASSASSINII CHE ANCHE ISRAELE PERPETUA VERSO ALTRI E IL LORO DIO STESSO CHE LO PUNIRA’ …E POI E TUTTO SCRITTO NELLA BIBBIA CHE ISRAELE ATTACCHERA ‘ IL SUO NEMICO CHE A SUA VOLTA RIATTACCHERA’ INSIEME AD ALTRE NAZIONI E DOPO TUTTO CIO’ VERRA GESU SULLA TERRA A GIUDICARE TUTTI ECC….PURTROPPO CON DUE PAROLE NON SI PUO DESCRIVERE TUTTI GLI EVENTI LEGGI NELLA BIBBIA IL LIBRO DI DANIELE TUTTO IL CAPITOLO 11 CIAO

  40. CARA SHARON SECONDO TE E GIUSTO CHE ISRAELE ABBIA UCCISO DEI SCIENZIATI IRANIANI IN ATTENTATI PER FERMARE AHMADINEJAD NELLA SUA CORSA AL NUCLEARE? COSA C’ENTRA UN PADRE DI FAMIGLIA CHE PORTA A CASA DA MANGIARE ANCHE SE STA AIUTANDO A COSTRUIRE UNA BOMBA SE E COSI SAI QUANTA GENTE SI DOVREBBE UCCIDERE PER IL LAVORO CHE FANNO !!!!! MA RICORDATE CHE SI PAGHERA TUTTO DAVANTI A DIO PER QUESTE INGIUSTIZIE E ASSASSINII CHE ANCHE ISRAELE PERPETUA VERSO ALTRI E IL LORO DIO STESSO CHE LO PUNIRA’ …E POI E TUTTO SCRITTO NELLA BIBBIA CHE ISRAELE ATTACCHERA ‘ IL SUO NEMICO CHE A SUA VOLTA RIATTACCHERA’ INSIEME AD ALTRE NAZIONI E DOPO TUTTO CIO’ VERRA GESU SULLA TERRA A GIUDICARE TUTTI ECC….PURTROPPO CON DUE PAROLE NON SI PUO DESCRIVERE TUTTI GLI EVENTI LEGGI NELLA BIBBIA IL LIBRO DI DANIELE TUTTO IL CAPITOLO 11 CIAO

  41. HA DIMENTICAVO TUTTO CIO AVVERRA ENTRO IL 2012 COME TANTE PROFEZIE ADDITANO, COMPRESE QUELLE MAYA PREPARATEVI AD INCONTRARE IL GIUDICE SUPREMO L’UMANITA A FINITO DI SOPPRIMERE IL SUO PROSSIMO ORA TORNERA TUTTO NELLE MANI DI DIO ..AUGURI

  42. HA DIMENTICAVO TUTTO CIO AVVERRA ENTRO IL 2012 COME TANTE PROFEZIE ADDITANO, COMPRESE QUELLE MAYA PREPARATEVI AD INCONTRARE IL GIUDICE SUPREMO L’UMANITA A FINITO DI SOPPRIMERE IL SUO PROSSIMO ORA TORNERA TUTTO NELLE MANI DI DIO ..AUGURI

  43. EGIDIO – dovresti cambiare il tuo fornitore, ti sta vendendo della droga avariata

  44. EGIDIO – dovresti cambiare il tuo fornitore, ti sta vendendo della droga avariata

  45. Goffredo

    Vede, sig. Londei, noi continuiamo a polemizzare a distanza senza che i ns. rispettivi punti di vista cambino di una virgola. Ritengo, perciò, che sia opportuno fermare qui il nostro confronto/scontro (svoltosi, comunque, sempre nei termini di rispetto e civiltà). Vorrei, comunque, che con un piccolo sforzo di onestà intellettuale, ammettesse che Israele è da anni potenza nucleare non dichiarata (ricorda il caso Vanunu?) senza che nessuna Aiea si permettesse mai di interferire al suo interno. Lei obietterà che Israele è una democrazia, “l’unica democrazia del Medio Oriente” (che palle, sembra di sentire parlare il sionista Fini). Una democrazia che intende definirsi “stato degli ebrei” dovrebbe suscitare qualche perplessità, o sbaglio? Io spero allora che anche alla Germania sia data la possibilità di definirsi “stato dei tedeschi” senza che nessuno si stracci le vesti gridando al rinascente nazismo. Ma sappiamo benissimo che questo non avverrà mai.
    Ribadisco, infine, nella maniera più categorica, il mio punto di vista sulla questione delle presunte minaccie esistenziali ad Israele da parte dell’Iran e su che cosa pensino in merito, al di là delle parole di circostanza pronunciate davanti all’assemblea dell’Aipac (la vera padrona degli Usa) Obama ed i vertici dei servizi americani (oltre a Dagan e a Gaby Aschenazi in Israele). Sine ira nec studio!

  46. Goffredo

    Vede, sig. Londei, noi continuiamo a polemizzare a distanza senza che i ns. rispettivi punti di vista cambino di una virgola. Ritengo, perciò, che sia opportuno fermare qui il nostro confronto/scontro (svoltosi, comunque, sempre nei termini di rispetto e civiltà). Vorrei, comunque, che con un piccolo sforzo di onestà intellettuale, ammettesse che Israele è da anni potenza nucleare non dichiarata (ricorda il caso Vanunu?) senza che nessuna Aiea si permettesse mai di interferire al suo interno. Lei obietterà che Israele è una democrazia, “l’unica democrazia del Medio Oriente” (che palle, sembra di sentire parlare il sionista Fini). Una democrazia che intende definirsi “stato degli ebrei” dovrebbe suscitare qualche perplessità, o sbaglio? Io spero allora che anche alla Germania sia data la possibilità di definirsi “stato dei tedeschi” senza che nessuno si stracci le vesti gridando al rinascente nazismo. Ma sappiamo benissimo che questo non avverrà mai.
    Ribadisco, infine, nella maniera più categorica, il mio punto di vista sulla questione delle presunte minaccie esistenziali ad Israele da parte dell’Iran e su che cosa pensino in merito, al di là delle parole di circostanza pronunciate davanti all’assemblea dell’Aipac (la vera padrona degli Usa) Obama ed i vertici dei servizi americani (oltre a Dagan e a Gaby Aschenazi in Israele). Sine ira nec studio!