Perché Obama non vuole Netanyahu al Congresso. Le sciocchezze della stampa americana

In merito al discorso che Netanyahu dovrebbe tenere di fronte al Congresso americano per parlare della minaccia iraniana, Robert Kagan sul Washington Post elenca cinque motivi per cui il Premier Israeliano non dovrebbe parlare alla sessione congiunta del Congresso americano, un fatto questo eccezionale e che ha fortemente indisposto il Presidente Obama.

Io non sono per niente d’accordo con Kagan e spiego perché partendo proprio dalla sua ultima considerazione, quella che cita Winston Churchill. Robert Kagan spiega che Churchill non andò mai a parlare al Congresso americano nonostante la Gran Bretagna stesse affrontando una minaccia esistenziale esattamente come Netanyahu e Israele. Il paragone è a dir poco inappropriato. Winston Churchill doveva si affrontare il pericolo di una invasione tedesca ma non quello dello sterminio della popolazione inglese. Netanyahu, al contrario, non deve affrontare il rischio di una invasione ma quello dello sterminio della popolazione di Israele. I tedeschi volevano conquistare la Gran Bretagna, l’Iran vuole la distruzione di Israele e lo sterminio del suo popolo. Se permettete sono due cose completamente diverse.

Rober Kagan afferma anche che c’è il rischio che ascoltando Netanyahu il Congresso americano dia l’impressione di essere “troppo deferente verso Israele”. Anche questa è una sciocchezza enorme. Ascoltare il grido di aiuto di uno dei maggiori alleati, il maggiore e più importante in Medio Oriente, non è affatto deferenza, al contrario, è una azione di estremo buon senso, quello stesso buon senso che Obama ha dimostrato in più occasioni di non avere.

La terza sciocchezza detta da Kagan è quella secondo la quale il discorso di Netanyahu al Congresso non sarebbe un bene per il dibattito interno agli Stati Uniti sulla questione del nucleare iraniano. Peccato che all’interno degli Stati Uniti il dibattito sulla questione iraniana sia praticamente inesistente. La gente non sa cosa sta facendo l’Iran né sa quali siano le intenzioni degli Ayatollah. Il motivo è semplice, la stampa vicina a Obama ha praticamente oscurato tutta la vicenda e non bastano pochi giornaletti di destra a evidenziarla. Andare invece a parlare della questione davanti al Congresso riunito in sessione plenaria è tutt’altra cosa. Questo Netanyahu lo sa benissimo e giustamente vuole portare la questione iraniana all’attenzione del pubblico americano.

La quarta sciocchezza è quella che il discorso di Netanyahu potrebbe danneggiare l’immagine di Israele negli Stati Uniti. Ora, Robert Kagan dovrebbe spiegare come un grido di aiuto da parte di Israele possa danneggiare la sua immagine tra gli americani. Temo invece che sarà il contrario, cioè che possa danneggiare l’immagine di Obama e non quella di Israele. Un Presidente debole, vigliacco e che non mantiene la parola data (aveva detto che non avrebbe mai permesso all’Iran di costruire armi atomiche) non sarà certo ben visto da quegli americani che apriranno gli occhi.

Sorvolo sul fatto che secondo Robert Kagan il discorso di Netanyahu sia inopportuno, è tutt’altro che inopportuno, anzi, arrivati a questo punto con l’Iran a un passo dalla bomba atomica oltre a essere opportuno è indispensabile.

Mi sembra tanto che la macchina di propaganda del Presidente Obama stia dando il meglio di se stessa se anche un politologo come Robert Kagan, per di più dalle pagine del Washington Post (mica dal New York Times), si mette a sparare cialtronerie e a elencare i motivi per cui Netanyahu non dovrebbe spiegare agli americani cosa stia facendo il loro Presidente.

Recently Published Stories

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

accoglienza

Accoglienza: come un atto di civiltà si trasforma in un autogoal per la stessa civiltà

Accogliere senza essere in grado di farlo non solo non è un atto di civiltà ma diventa un vero boomerang nel momento in cui le buone intenzioni non sono sufficienti a mantenere la pace sociale

Perché Obama non vuole Netanyahu al Con…

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
1