Populisti o buonisti con il culo degli altri

Per affrontare gli svariati problemi sociali che affliggono questa povera Italia ci vorrebbe un po’ di sano buonsenso, un tantino di logica, un briciolo di onestà e infine una conoscenza almeno sommaria delle problematiche.

Credere di essere esperti leggendo qualche articoletto di Imolaoggi o di Libero da una parte, o articoli del Manifesto o del Blog di Grillo dall’altra, non aiuta certo a risolvere i problemi, anzi, con la falsa o distorta informazione si contribuisce solo a peggiorare la situazione rendendo vani anche i tentativi di portare all’attenzione del pubblico in maniera seria e corretta dette problematiche sociali.

Tempo fa tirai fuori il problema della pensione di invalidità paragonando quello che prendono gli invalidi civili con totale inabilità al lavoro con quello che viene speso per gli immigrati. Il mio non era un attacco agli immigrati che non c’entrano nulla con le schifezze della politica italiana, era solo un modo per paragonare una situazione drammatica come quella che vivono centinaia di migliaia di invalidi civili in Italia con un problema che al momento è sulla bocca di tutti. Purtroppo quell’articolo è stato immediatamente usato per tutt’altre ragioni rispetto a quelle per cui lo avevo scritto, cioè è stato usato per attaccare la cosiddetta “politica della accoglienza”, che per inciso non approvo per niente, invece che per discutere del problema – serio – delle pensioni di invalidità civile.

Ho fatto questo esempio perché francamente la cosa mi ha seccato parecchio, mi ha fatto infuriare che un problema così serio e reale sia stato usato da populisti senza scrupoli per perorare la loro causa contro gli immigrati invece che per affrontare per una volta seriamente un problema reale di vita quotidiana. Il problema legato alla misera elemosina delle pensioni di invalidità civile esisteva anche prima dello scoppio dell’emergenza immigrazione e nessuno si è mai curato di tirarlo fuori salvo poi farsi paladino dei Diritti delle persone con invalidità quando il problema degli immigrati è scoppiato. E non crederete mica che lo facciano per tutelare i Diritti degli invalidi? Quei Diritti erano calpestati anche prima, lo sono da anni. Certo fa incavolare che un immigrato costi tre volte di più di un invalido italiano, ma la colpa non è degli immigrati, è della politica (di qualsiasi politica) che da decenni non si cura del problema.

Di contro però non posso fare a meno di parlare dei cosiddetti “buonisti”, quelli cioè che se critichi a ragion veduta la politica dell’accoglienza che sottrae risorse alla politica dell’assistenza, ti danno addosso, ti insultano, ti etichettano immediatamente come razzista. I buonisti non sono migliori dei populisti, anzi, sono la stessa cosa con un colore diverso e come i loro compagni populisti se ne fregano altamente dei problemi che affrontano gli italiani e in particolare le fasce più deboli. Li usano a loro piacimento esattamente come fanno i populisti ma poi alla fine tutto rimane invariato.

E’ facile fare i populisti o i buonisti con il culo degli altri, è facile ergersi a paladino dei Diritti dei più deboli sono quando l’interesse politico lo richiede salvo poi dimenticarsene completamente.

Ho voluto scrivere queste poche considerazioni perché francamente mi sono stufato di vedere in rete il sistematico uso strumentale di queste problematiche ma nessuno, e dico nessuno, che affronti seriamente il problema senza collegarlo per forza al problema del momento che possa portagli voti. Adesso il problema sono gli immigrati, tra un po’ sarà qualcos’altro, anni fa era ancora qualcosa di diverso. Ma nel frattempo, passato il momento che si poteva sfruttare a livello politico, tutto è rimasto come prima. E’ sempre stato così.

Recently Published Stories

Medio Oriente: gli errori di Obama, la follia di Trump

Quello che sta avvenendo in Medio Oriente nelle ultime settimane è qualcosa di molto serio, complesso e pericoloso, qualcosa che non avrebbe bisogno dell’afasia di Trump che sta consegnando la regione nelle mani di Putin

Tal Flicker

Vietare le manifestazioni sportive nei paesi arabi

Quanto successo all’atleta israeliano negli Emirati Arabi Uniti è qualcosa di gravissimo, come gravissimo è il silenzio delle “democrazie” occidentali di fronte a questo affronto allo sport oltre che a una intera nazione

Trump, l’uomo che ci sta “twittando” verso l’ignoto

Bisogna uscire dalla logica che “siccome Obama è stato un pessimo presidente quello che fa Trump va tutto bene” perché non è affatto così. Trump rischia di essere peggio di Obama

corruzione in italia

Ma siamo sicuri che il problema è l’immigrazione e non mafia, corruzione e ingiustizia sociale?

Per stare dietro al pur serio problema rappresentato dalla immigrazione clandestina di massa rischiamo di perdere di vista i veri problemi del Paese, cioè mafia, corruzione e ingiustizia sociale

mogherini

Il Diritto secondo la Mogherini

Mogherini docet: «il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha molti poteri, ma non quello

kurdistan trump

Trump tradisce vergognosamente il Kurdistan. Tutto chiacchiere e distintivo

Se il tradimento di Trump nei confronti dei curdi lo avesse fatto Obama a quest’ora sarebbe stato seppellito dalle critiche. Invece con Trump tutti vergognosamente zitti

Populisti o buonisti con il culo degli a…

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
0