Quei matrimoni imposti che l’occidente non può più tollerare

Il caso di Almas Mahmod, la 17enne pakistana sequestrata a Fano dal padre per costringerla a sposarsi con un connazionale e salvata dal tempestivo intervento delle forze dell’ordine, è solo l’ultimo episodio di “matrimonio imposto” dai genitori alle loro figlie che invece vorrebbero essere libere di scegliere l’uomo che amano e non quello imposto da assurde regole tribali.

Hina Saleem

Secondo un dossier pubblicato questa mattina dal Corriere della Sera sarebbero almeno 2.000 i matrimoni imposti che ogni anno si celebrano in Italia, un numero spaventoso se si pensa che probabilmente è un numero in difetto.

Secondo il dossier (prodotto dal Centro di documentazione sull’infanzia) sarebbero principalmente le comunità pakistane e indiane quelle a essere interessate al fenomeno, ma anche in altre comunità islamiche i casi sono frequenti. In molti casi i matrimoni avvengono quando la ragazza è minorenne o addirittura di età inferiore ai 16 anni. Qualche volta avvengono nelle moschee in Italia ma nella maggioranza dei casi avvengono nella terra d’origine dove la ragazza è costretta a tornare dalla famiglia essendo illegale in Italia il matrimonio con minorenni, salvo deroghe del Tribunale dei Minori a causa di “gravi motivi”. La moschea resta comunque una specie di porto franco dove le autorità italiane difficilmente mettono becco per un concetto sbagliatissimo di “non ingerenza”.

Quando la ragazza si ribella a questo stato di cose o ha una relazione con un uomo italiano o non della stessa comunità, in moltissimi casi si assiste a gravissimi episodi di violenza che, qualche volta, portano persino alla morte della giovane come nel caso di Sanaa Dafani o di Hina Saleem. In altri spingono la ragazza al suicidio come nel caso di Nora Attaibi. Ma nella maggioranza dei casi le ragazze finiscono per cedere diventando spose “invisibili e mute”, donne fantasma lontane anni luce dalla società e dalla tanto declamata integrazione.

Duemila ragazze ogni anno diventano fantasmi per la società civile, persone di cui non si parla mai ma che vivono una situazione di costrizione senza precedenti. Passano da un padre-padrone a un marito-padrone senza avere alcuna possibilità di scampo. Non è più possibile che nel 2010 in Italia venga tollerata questa assurda situazione, non certo in una Italia dove troppo spesso la parola “integrazione” viene usata a sproposito.

Occorre che il Governo e le forze politiche facciano subito qualcosa per arginare questa assurda situazione. Occorrono leggi ad hoc che puniscano severamente queste arcaiche pratiche e che proteggano adeguatamente la vita di queste ragazze. Occorre aumentare i controlli sui matrimoni celebrati all’estero, nei loro paesi d’origine. Occorre fare in modo di prevenirli perché una volta celebrati difficilmente s potrà fare qualcosa. Occorre soprattutto dare un segnale forte garantendo adeguata protezione alle ragazze che si ribellano a questa usurpazione della vita. Infine, lo ribadiamo, occorre una legge specifica che punisca la misoginia, perché di questo si tratta. Ora è arrivato il momento dell’intolleranza a queste pratiche tribali e arcaiche. Solo così si potrà veramente parlare di integrazione.

Articolo scritto da Bianca B.

Recently Published Stories

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

accoglienza

Accoglienza: come un atto di civiltà si trasforma in un autogoal per la stessa civiltà

Accogliere senza essere in grado di farlo non solo non è un atto di civiltà ma diventa un vero boomerang nel momento in cui le buone intenzioni non sono sufficienti a mantenere la pace sociale

Quei matrimoni imposti che l’occid…

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
0