Report: l’Iran rafforza la sua presenza nel Mediterraneo grazie a Obama

L’Iran costruirà una nuova base aerea militare nella città siriana di Lakatia. A rivelarlo è il quotidiano britannico “The Telegraph” che cita fonti di intelligence occidentali. Secondo il giornale inglese l’accordo tra Iran e Siria sarebbe stato raggiunto lo scorso mese di giugno durante una visita di alti funzionari iraniani a Damasco.

Questa è solo l’ultima delle notizie inquietanti che riguardano la Siria che, con questo accordo, aggira di fatto qualsiasi sanzione o embargo sulle armi. Gli iraniani infatti potranno portare direttamente i carichi di armi in Siria senza passare dai controlli internazionali. L’accordo prevede l’istituzione di un centro di comando unificato composto da ufficiali siriani e da membri dei Guardiani della Rivoluzione che dovrà coordinare l’arrivo di materiale bellico in Siria. A firmare l’accordo, che vale un impegno per l’Iran di 23 milioni di dollari, sono stati il vice presidente siriano, Muhammad Nasif Kheirbek, e il comandante delle forze Quds delle Guardie della Rivoluzione iraniana, Ghasem Suleimani.

Quello che però stupisce maggiormente è il fatto che nonostante gli USA siano perfettamente a conoscenza di questi fatti il Presidente Omaba continui ad essere molto tiepido con il dittatore siriano, Bashas al-Assad. Anche ieri, dopo l’ennesima strage avvenuta in Siria, si è limitato a “deplorare” l’uso della violenza sui civili inermi ma si è guardato bene di chiedere la rimozione di Assad come invece aveva fatto (anche troppo in fretta) con il tunisino Ben Ali, con l’egiziano Mubarak e con il libico Gheddafi.

L’Iran con la scusa di aiutare l’amico e alleato siriano si sta posizionando massicciamente nel Mediterraneo e ben presto oltre alla base navale di cui abbiamo parlato lo scorso 3 marzo costruirà anche una base aerea sempre a Lakatia, il tutto sotto gli occhi degli americani e della NATO, trasformando così in realtà quello che è l’incubo di tutte le democrazie occidentali e degli Stati arabi, avere soldati, navi, aerei e, soprattutto, missili iraniani a due passi dall’Europa, da Israele e dai confini dei regni sunniti. Complimenti Mr. Obama, dopo aver affossato gli USA ora sta affossando anche la pace nel Mediterraneo. Non c’è che dire, proprio un gran Presidente. E intanto Hamas, Hezbollah e tutti i gruppi terroristi del Medio Oriente ringraziano sentitamente. Adesso le armi gliele porteranno direttamente a casa loro.

Noemi Cabitza

Recently Published Stories

fake news facebook

Fobia da Fake News

Fobia da Fake News, come non chiamare così il cervellotico comportamento di alcuni social network,

erdogan isis

La megalomania di Erdogan: la Turchia aprirà ambasciata a Gerusalemme Est

Il sultano turco, Recep Tayyip Erdogan, non molla l’osso della questione palestinese e rilancia con

nazareth natale

Nazareth, l’emblema della resa della chiesa cattolica all’Islam

C’è di che rimanere esterrefatti di fronte al silenzio della chiesa cattolica alla notizia secondo

La decisione di Trump vista una settimana dopo

Come ho detto più volte sono assolutamente convinto che il Presidente Trump abbia sbagliato i

Non possono farmi diventare simpatico anche Donald Trump

Ho detestato con tutto me stesso Obama, l’ho fatto per otto lunghissimi anni e quando

Non intifada ma jihad, la guerra santa che tutti volevano meno gli ebrei

Quello a cui stiamo assistendo in queste ore in Israele non è una intifada, che