Soldato israeliano condannato: Israele ostaggio di se stesso

La notizia della condanna per omicidio colposo del soldato israeliano che tempo fa aveva sparato a un terrorista arabo dopo che lo stesso aveva compiuto un attentato lascia un senso di impotenza e rischia di compromettere seriamente i parametri di difesa dei soldati israeliani.

Ho l’impressione che il soldato israeliano condannato sia vittima della voglia di Israele di dimostrare quanto sia democratico lo Stato Ebraico. OK, ha sparato a un terrorista a terra, forse (e sottolineo forse) poteva fare diversamente, ma bisognerebbe essere nei panni di un soldato che ha appena visto quel terrorista palestinese accoltellare un israeliano, un terrorista che a terra si sta muovendo come se avesse un giubbotto esplosivo. Dobbiamo pensare a quanta adrenalina viene pompata in corpo in quei momenti. Gli ha sparato per non rischiare la sua vita e quella dei suoi commilitoni. Cosa c’è di strano? Stiamo parlando di un terrorista arabo non di uno stinco di santo o di una persona innocente.

Lo so, c’è la Convenzione di Ginevra, c’è la legge internazionale che dice che così non si fa, ma veramente pensate che in quei momenti in cui si è appena visto un terrorista arabo compiere un attentato uno pensi alla Convenzione di Ginevra?

Diciamolo, la condanna del soldato israeliano è una condanna politica, tutta politica. Dovevano condannarlo perché altrimenti il mondo sarebbe insorto se lo avessero giustamente assolto. Dovevano condannarlo per dimostrare che Israele è una democrazia, che Israele è diverso da quelli che festeggiano in strada quando qualcuno ammazza un israeliano. Ma cosa credono di ottenere? Pensano forse che chi odia Israele lo odierà di meno? Pensano di convincere che ha dei pregiudizi? Ma figuriamoci…

Israele è un Paese democratico e non aveva nessun bisogno di dimostrarlo, doveva invece dimostrare di saper tutelare i suoi militari che ogni giorno rischiano la vita per difendere la popolazione e non lo ha fatto. E’ un peccato, una occasione persa per ribadire il concetto che ad attaccare Israele ci si rimette sempre.

Recently Published Stories

kurdistan referendum

Kurdistan: forse non è proprio il momento migliore

Non basta essere determinati, forti e senza paura per affrontare una situazione come quella che si prospetta subito dopo il referendum, serve essere supportati pesantemente, serve avere sostegno militare e diplomatico, cosa che il Kurdistan oggi non ha

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

Soldato israeliano condannato: Israele o…

by Franco Londei tempo di lettura: 1 min
2