Blog Opinioni

Sono d’accordo con Abu Mazen: basta accordi di Oslo

Il caro Abu Mazen (per gli amici, Bubu Mazen) ha fatto un grandissimo discorso all’Onu, soprattutto proficuo visto i risultati di ieri sera. In un colpo solo ha praticamente messo fine agli accordi di Oslo, che comunque i palestinesi non avevano mai ratificato né rispettato, e ha rimosso quella maschera di ipocrisia che ha sempre portato incitando al terrorismo i palestinesi, cosa che ha sempre fatto in realtà ma con quella subdola furbizia che gli è tanto congeniale.

Ma questa volta, almeno sugli accordi di Oslo, sono perfettamente d’accordo con Abu Mazen. Ha ragione a dire che quegli accordi vanno stracciati, Israele non li deve più rispettare. Troppo comodo per i palestinesi che Israele fornisca loro energia, acqua, telefonia, assistenza medica, che riscuota per loro le tasse e poi le giri alla ANP, che dia il lavoro a migliaia e migliaia di palestinesi mentre loro, i palestinesi, continuano nella loro spirale di odio. Meglio, per Israele, interrompere tutto.

Che Abu Mazen si faccia il suo Stato con quello che ha oggi. Io sono per la nascita di uno Stato palestinese, lo sono con ferma convinzione. Che i palestinesi si facciano subito il loro Stato, che pensino da soli alla loro economia, a produrre energia elettrica, a costruire ospedali e acquedotti, a pagare gli stipendi dei loro dipendenti statali, che pensino da soli alla loro sicurezza. Che la ANP pensi da sola a difendersi da Hamas e dal Daesh. Mi sembra giustissimo e corretto che i palestinesi la smettano di fare il doppio gioco, anzi, il doppio giochetto. In fondo, non è forse quello che chiedono sia i palestinesi che tutto il contorno di pacifisti che gli gira intorno? E allora fatevelo questo Stato. Prendevi quello che avete, tirate su un bel muro di confine e fatevi il vostro Stato. Fate i passaporti ai vostri cittadini, fatevi una moneta, create una economia, un sistema sanitario, un bel sistema di welfare e il gioco è fatto. Semplice no? Cosa ci vuole?

Solo che temo che il sig. Abu Mazen voglia tutto meno che creare uno Stato palestinese. Se ne sono accorti anche gli arabi che non gli danno più un dollaro. Solo la UE continua a mandare soldi a fondo perduto (e che fondo….). Se veramente voleva creare uno Stato palestinese lo avrebbe fatto da anni, anzi, da decenni.

Sono anni che Abu Mazen continua con questo bluff del rompere gli accordi di Oslo. Bene, è arrivato il momento di andare a vedere il bluff. Che sia Israele a rompere gli accordi di Oslo. Cioè, si faccia quello che lo stesso Abu Mazen ha dichiarato di fronte alla Assemblea Generale dell’Onu. Poi vediamo quello che succede.

2 Comments

Click here to post a comment
  • Sono d’accordo, “il viscido” ( Abu Mazen) fa a lupo a lupo ma non ha alcuna voglia o interesse a
    rinunciare alle cospicue mazzette di milioni di $ che lui e i suoi degni accoliti si mettono in tasca
    ad ogni fine guerra. Come non ha alcuna intenzione di costruire lo stato(di palestina) che non
    vuole e che gli impedirebbe di continuare a sguazzare nella corruzione, nelle ruberie e nella
    piu’ assoluta illegalita’ supportata dall’ebete della casa bianca e dai governi antisemiti di tutta
    e dico TUTTA EUROPA . No il viscido sta bluffando,ma Israele dovrebbe assecondarlo e gelare
    completamente tutti i rapporti chiudendo come intelligentemente ha fatto l’Egitto tutti varchi
    dove passano merci e cibo.Ma lo fara??

  • No Bubu no! Prima di tutto è il nome di un simpatico orsetto, poi troppo simile a Bibi.
    Per le cose serie, perfettamente d’accordo. Dello stato non mi interessa ma vorrei vedere che Israele la smettesse con l’assistenza sanitaria ai palestinesi, l’erogazione di acqua energia e altri servizi. Fine accordi di Oslo (tanto non sono mai iniziati)