Stop dei finanziamenti a Gaza se amministrati da Hamas: l’Europa accoglie la nostra richiesta e ne discuterà

A seguito di un rapporto redatto e diffuso da Secondo Protocollo sulla situazione nella Striscia di Gaza e ad una risposta tutt’altro che limpida diffusa dal Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite (UN Development Programme), lo scorso 24 maggio 2010 avevamo dato il via a una iniziativa in seno al Parlamento Europeo per chiedere l’immediato blocco degli aiuti finanziari a Gaza fino a quando a gestire tali aiuti fossero stati i terroristi di Hamas.

In base alle nostre ricerche e a quanto affermato dallo stesso UNDP i soldi destinati alla Striscia di Gaza per la ricostruzione dopo l’operazione “Piombo Fuso”, pari a 140 milioni di dollari, non erano stati usati per lo scopo al quale erano destinati ma erano sostanzialmente spariti nel nulla, tanto da costringere l’UNDP a chiedere alla Comunità Internazionale altri 527 milioni di dollari da destinare alla “ipotetica” ricostruzione di Gaza. Di seguito è emerso che l’UNDP e le altre agenzie, comprese alcune ONG, avevano delegato Hamas alla gestione dei fondi per la ricostruzione finendo per perdere di vista la vera destinazione di quei fondi e alimentando il sospetto che detti fondi finissero per finanziare il riarmo di Hamas. A quel punto si è deciso di chiedere l’immediato blocco dei finanziamenti alla Striscia di Gaza attraverso un petizione al Parlamento Europeo(la 0724/2010) pur sapendo che la procedura non sarebbe stata veloce. A una prima risposta arrivataci dal parlamento Europeo nel mese di agosto ne è seguita un’altra ieri nella quale, per bocca della Presidente della commissione per le petizioni, Erminia Mazzoni, ci veniva notificato che la nostra petizione aveva i presupposti per essere accolta e discussa nell’apposita commissione.

Ora si apre una fase nuova nella quale si dovrà dimostrare che i fondi destinati alla Striscia di Gaza e approvati dal parlamento Europeo con le risoluzioni del 15 gennaio 2009, 18 febbraio 2009 e 17 giugno 2010, vengono in effetti gestiti da Hamas e usati per scopi diversi da quelli per cui erano stati destinati dal Parlamento Europeo. A questo va aggiunto che i fondi stanziati dall’Unione Europea erano condizionati alla liberazione del caporale israeliano Gilad Shalit (testo approvato dal Parlamento Europeo il 17 giugno 2010), da anni detenuto illegalmente da Hamas, condizione che nei fatti non è mai stata rispettata.

Nelle prossime settimane quindi verrà discussa (a porte aperte) la nostra richiesta di bloccare qualsiasi finanziamento europeo alla Striscia di Gaza fino a quando sarà Hamas a gestire tali finanziamenti. E’ infatti evidente che le somme elargite dall’Unione Europea e destinate alla ricostruzione di Gaza non vengono usate per lo scopo per cui sono state stanziate. E’ bene precisare che la nostra richiesta non è mirata al blocco degli aiuti a Gaza fine a se stesso ma ad impedire che tali aiuti vengano gestiti da Hamas per altri scopi a discapito della popolazione della Striscia di Gaza.

Secondo Protocollo

Recently Published Stories

kurdistan referendum

Kurdistan: forse non è proprio il momento migliore

Non basta essere determinati, forti e senza paura per affrontare una situazione come quella che si prospetta subito dopo il referendum, serve essere supportati pesantemente, serve avere sostegno militare e diplomatico, cosa che il Kurdistan oggi non ha

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

Stop dei finanziamenti a Gaza se amminis…

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
1