Strage continua in Siria: USA in silenzio ed Europa complice dei terroristi

Continua la strage in Siria dove anche ieri si sono registrati decine di morti ad Hama e in altre città del Paese. E’ stata persino impedita la preghiera del venerdì per il timore che, come avviene ormai da 18 settimane, subito dopo la preghiera la folla si riversi in strada per chiedere le dimissioni di Bashar al Assad.

Nel frattempo, a parte sterili proteste, continua il silenzio degli USA e dell’Unione Europea. Il Presidente Obama, velocissimo a chiedere le dimissioni di Mubarak, continua invece a non pronunciarsi su Assad. Diversi blogger siriani hanno chiesto al Presidente americano di chiedere esplicitamente le dimissioni del dittatore siriano ma da Washington non arrivano segnali nemmeno dalla Clinton. La Russia invece ha fatto sapere che non permetterà alcuna azione militare contro la Siria ventilando il timore che una operazione militare sul territorio siriano servirebbe solo a creare una testa di ponte per un futuro attacco all’Iran.

Dal canto suo l’Unione Europea continua con il suo vergognoso comportamento complice del macellaio di Damasco. Catherine Ashton, ministro degli esteri europeo, dopo aver bloccato il ritiro degli ambasciatori UE da Damasco (unica lodevole eccezione quella dell’Italia), dimostra ancora una volta il suo amore per i gruppi terroristi e i loro principali sostenitori (Assad ed Ahmadinejad) evitando accuratamente di indispettirli e mettendo paletti su paletti a nuove sanzioni contro la Siria. Addirittura ieri, mentre Assad ordinava ai suoi carri armati di sparare nuovamente sui civili inermi, non trovava di meglio da fare (per finire in prima pagina e prendersi gli elogi dei terroristi) che attaccare Israele per la decisione di costruire nuovi alloggi a Gerusalemme Est. Sulla Siria e sui nuovi massacri nemmeno una parola. E’ incredibile come questa subdola baronessa inglese filo-terrorista continui a rappresentare la politica estera dell’Unione Europea.

Unici a dimostrasi solidali con il popolo siriano sono incredibilmente i libanesi non sciiti che nei gironi scorsi hanno sfidato il potere di Hezbollah e hanno attaccato manifesti di solidarietà con i fratelli siriani nei quali era rappresentato un Bashar al Assad in versione Hitler (il manifesto, nelle sue due versioni  lo potete vedere in alto sopra all’articolo). Nel giro di poche ore i miliziani di Hezbollah hanno fatto sparire tutti i manifesti ma ormai era troppo tardi e attraverso il web si erano diffusi in tutto il mondo arabo tanto che sono apparsi persino sui muri del Cairo e di altre città arabe. Il manifesto è opera di un attivista siriano chiamato “il Drago” che abita a Beirut ma che ha operato anche in Egitto dove nei giorni della rivolta contro Mubarak è stato artefice di diverse caricature apparsi sui muri del Cairo.

Secondo Protocollo Israel

Recently Published Stories

kurdistan referendum

Kurdistan: forse non è proprio il momento migliore

Non basta essere determinati, forti e senza paura per affrontare una situazione come quella che si prospetta subito dopo il referendum, serve essere supportati pesantemente, serve avere sostegno militare e diplomatico, cosa che il Kurdistan oggi non ha

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

Strage continua in Siria: USA in silenzi…

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
0