Sud Sudan: false accuse dalla solita Navi Pillay al Governo provvisorio del Sud Sudan

Ci mancava solo Navi Pillay, l’alto commissario per i Diritti Umani dell’Onu, per fare alzare la tensione (già altissima) in Sud Sudan a soli due giorni dallo storico referendum che probabilmente sancirà la secessione del Sudan Meridionale dal resto del Sudan.

Ma cosa ha fatto la filo-araba Navi Pillay per attirarsi le ire del Governo provvisorio del Sudan Meridionale e contribuire all’innalzamento della tensione? In una dichiarazione rilasciata alla Reuters ha affermato , senza fornirne alcuna prova, di essere venuto a conoscenza che nel Sudan Meridionale negli ultimi giorni cii sarebbe stata una forte limitazione della libertà di stampa seguita a una serie di arresti arbitrari di persone contrarie al referendum, tra le quali – ha fatto intendere – ci sarebbero persone vicine all’ex generale George Athor, accusato nelle scorse settimane di aver attaccato a più riprese i soldati sud-sudanesi allo scopo di boicottare il referendum.

Immediata e indignata la risposta del Governo provvisorio del Sudan Meridionale che ha negato tassativamente che ci sia stata una stretta alla libertà di stampa e che l’esercito o la polizia abbia provveduto ad arrestare arbitrariamente elementi dell’opposizione o vicini al Generale George Athor . Tanto più che proprio ieri il Governo provvisorio di Juba ha raggiunto un accordo di cessate il fuoco permanete con il Generale George Athor che permetterà lo svolgimento pacifico del referendum.

Non è la prima volta che l’alto commissario per i Diritti Umani dell’Onu lancia accuse a vanvera contro il Governo Provvisorio del Sudan Meridionale. Sarà forse per le sue aperte posizioni filo-arabe che lo hanno contraddistinto in questi ultimi anni e che lo hanno reso inviso a diversi Stati, fatto sta che sarebbe meglio che Navi Pillay si astenesse da qualsiasi considerazione o dichiarazione che non sia corroborata da elementi certi e inoppugnabili. Sappiamo che la Pillay è abituata a rilasciare dichiarazioni basate su fatti presunti quando non falsi (vedi in Medio Oriente), ma il momento particolare che vive la regione non ha certo bisogno del deleterio protagonismo di questa donna di cui non si conoscono bene nemmeno le finalità del ruolo che ricopre.

Secondo Protocollo

Recently Published Stories

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

accoglienza

Accoglienza: come un atto di civiltà si trasforma in un autogoal per la stessa civiltà

Accogliere senza essere in grado di farlo non solo non è un atto di civiltà ma diventa un vero boomerang nel momento in cui le buone intenzioni non sono sufficienti a mantenere la pace sociale

Sud Sudan: false accuse dalla solita Nav…

by Franco Londei tempo di lettura: 1 min
0