Sudan: forte rischio guerra tra Nord e Sud senza un accordo sulle risorse. Serve un compromesso

A sei mesi dal referendum che dovrà sancire la secessione del Sud Sudan da Khartoum la situazione tra il Governo centrale sudanese e il Governo provvisorio di Juba è tesissima. Dopo cinque anni di relativa pace (accordo di pace di Nairobi del 2005) le parti non hanno ancora raggiunto un accordo su due dei punti più importanti: la divisione delle risorse e i confini territoriali.

A dire il vero le due cose sono strettamente legate in quanto le liti sui confini provengono dal fatto che le terre contese tra Khartoum e Juba sono ricchissime di petrolio e di altre risorse. La zona contesa è quella che racchiude le Montagne Nuba e l’area di Abyei, ambedue ricchissime di giacimenti di petrolio. Nell’accordo di pace firmato nel 2005 e in successivi protocolli aggiuntivi le due zone sarebbero dovute andare al Sud Sudan a condizione però che una parte degli introiti derivanti dal petrolio venissero versati a Khartoum. Negli ultimi anni però Khartoum ha rivendicato come sue le due importantissime aree sostenuta in questo anche da una sentenza della Corte Internazionale d’Arbitrato che ha attribuito, non senza polemiche, al Sudan il possesso delle due aree oggetto del contendere. A scatenare le polemiche la decisione della Corte Internazionale di accettare la richiesta di Khartoum di dividere in maniera etnico-religiosa il Paese. I Monti Nuba e l’area di Abyei sono abitati principalmente da popolazioni di etnia Nuba, nere ma musulmane. Per questo, secondo la sentenza della Corte Internazionale d’Arbitrato, quelle terre andrebbero al Sudan nonostante l’accordo di Nairobi prevedeva il contrario. I Nuba, durante la guerra civile, pur essendo musulmani hanno sempre combattuto al fianco dei cristiani del Sud, per questo il defunto John Garang si batté affinché quelle terre passassero sotto il controllo del Sudan Meridionale. Ufficialmente il Sud Sudan ha accettato la decisione della Corte Internazionale d’Arbitrato ma attualmente mantiene il controllo militare della zona di Abyei e di una parte dei Monti Nuba. Il motivo ufficiale è quello di voler difendere gli amici Nuba dagli attacchi sempre più frequenti dei pastori arabi che, spinti da Khartoum, stanno cercando di fare quello che hanno fatto i janjaweed in Darfur, stanno cioè cercando di espellere i Nuba dalle loro terre per assumerne il controllo. Ufficiosamente non vogliono lasciare quelle terre al Nord, sia per le risorse che per non lasciare le popolazioni Nuba in balia di Khartoum.

Per cercare di risolvere definitivamente e, soprattutto, pacificamente la questione oggi partiranno una serie di colloqui tra importanti membri del National Congress Party (NCP), cioè il partito al potere in Sudan, e il Sudan People’s Liberation Movement (SPLM), cioè il partito al potere nel Sudan Meridionale. I problemi sul tavolo sembrano però insormontabili. Il partito del Presidente Bashir pretende l’applicazione della sentenza della Corte Internazionale d’Arbitrato mentre il SPLM pretende l’applicazione degli accodi di Nairobi e rivendica il Diritto di proteggere le popolazioni Nuba e le altre etnie minori presenti nelle due aree contese. Alle spalle dei due contendenti non mancano le pressioni internazionali per il raggiungimento di un accordo ma nel contempo non manca neppure chi soffia sul fuoco del conflitto. Gli interessi in ballo sono colossali e non solo legati al petrolio. L’area infatti è importantissima anche sotto l’aspetto geo-strategico (come tutte le aree che dividono due mondi completamente diversi) e sotto la cenere covano conflitti segreti tra diverse potenze esterne e contrapposte interessate ad avere il controllo delle aree strategiche africane. In questo contesto si inseriscono diversi fattori destabilizzanti. Uno e la guerra nel vicino Darfur. Il JEM usa infatti queste aree come una sorta di trampolino di lancio per i suoi attacchi o come zona relativamente sicura dove potersi ritirarsi. Poi ci sono i continui attacchi dei pastori arabi che negli ultimi mesi hanno provocato centinaia di vittime e qualche decina di migliaia di sfollati. Infine ci sono le scorribande dei pastori nomadi di etnia Dinka che dal sud si spingono nelle fertili aree dei Monti Nuba distruggendo i raccolti delle popolazioni stanziali e provocando molto spesso sanguinosi scontri a fuoco. Questi “fattori destabilizzanti” spingono gli eserciti del Nord e del Sud a intervenire periodicamente nell’area per motivi volta per volta differenti (la protezione dell’una o dell’altra etnia, il contrasto al JEM ecc. ecc.) portando spesso i due eserciti a sfiorarsi pericolosamente.

In questo quadro piuttosto complesso si muovono gli organismi internazionali, dalle Nazioni Unite, incapaci di prendere una posizione chiara tra i due contendenti, all’Unione Africana passando per l’Unione Europea e per le grandi potenze (USA e Cina sopra tutti ma anche Iran, Israele e le potenze regionali, Kenya, Etiopia, Uganda ed Eritrea) che a vario titolo e per ragioni non sempre convergenti vorrebbero “infiltrarsi” negli accordi. E’ chiaro quindi come la situazione sia estremamente labile e come il rischio che saltino tutti gli accordi sia estremamente reale.

Una soluzione potrebbe essere quella proposta da una coalizione di organizzazioni umanitarie e per la difesa dei Diritti Umani (tra le quali Secondo Protocollo) che nei giorni scorsi ha presentato alle parti una base di accordo che prevede la semi-autonomia per le aree contese (in sostanza tutta la regione del South Kordofan) con la divisione tra Nord e Sud Sudan dei profitti provenienti dalla vendita delle risorse e il controllo militare dell’area affidato ad un contingente dell’Unione Africana, il tutto per un periodo di cinque anni dopo di che, come per il Sudan Meridionale, sarà la popolazione a decidere se andare con il Nord o passare a far parte del Sudan Meridionale. Naturalmente l’accordo prevede un sostanziale controllo legislativo di Khartoum con l’eccezione dell’applicazione della Sharia così come richiesto dalla maggioranza della popolazione Nuba. La proposta ha trovato stranamente d’accordo diversi importanti personaggi dell’opposizione sudanese tra i quali (veramente strano) Hassan al-Turabi. Anche diversi influenti esponenti del National Congress Party sembrano ben disposti a discutere una soluzione del genere, pur con diverse modifiche. Favorevoli il Sudan People’s Liberation Movement e le opposizioni meridionali. Un accordo del genere permetterebbe di disinnescare una bomba pronta ad esplodere e darebbe la possibilità al Sud Sudan di svolgere regolarmente il referendum per l’autodeterminazione rimandando il problema della divisione delle risorse e della delimitazione dei confini. Come detto, da oggi ne discuteranno le delegazioni di NCP e SPLM riunite a Khartoum, ma un compromesso del genere sembra l’unica via d’uscita per evitare una sanguinosa guerra tra Nord e Sud Sudan e per tagliare fuori tutti quei “soggetti esterni” diversamente interessati alla vicenda.

Secondo Protocollo


Recently Published Stories

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

accoglienza

Accoglienza: come un atto di civiltà si trasforma in un autogoal per la stessa civiltà

Accogliere senza essere in grado di farlo non solo non è un atto di civiltà ma diventa un vero boomerang nel momento in cui le buone intenzioni non sono sufficienti a mantenere la pace sociale

Sudan: forte rischio guerra tra Nord e S…

by Franco Londei tempo di lettura: 4 min
0