Sudan: Khartoum attacca la regione di Abyei. Tensione altissima tra Nord e Sud

Con un vero e proprio blitz militare che ha provocato decine di vittime e migliaia di sfollati Khartoum ha preso di fatto il controllo della regione di Abyei violando così gli accordi presi nel 2005 con il Sudan Meridionale (Comprehensive Peace Agreement – CPA) che mise fine alla lunghissima guerra civile tra Nord e Sud Sudan.

La regione di Abyei, da anni al centro di una accesa disputa diplomatica tra Khartoum e Juba, è ricchissima di petrolio e si apprestava a decidere il suo passaggio al Sudan Meridionale. Il blitz dell’esercito sudanese, che oltretutto ha bombardato un coumpound della Nazioni Unite uccidendo due caschi blu, ha interrotto brutalmente qualsiasi trattativa pacifica sullo stato della regine di Abyei.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha condannato duramente l’azione militare di Khartoum e ha convocato d’urgenza il Consiglio di Sicurezza dell’Onu. Una condanna durissima è arrivata in nottata anche dall’amministrazione americana che, attraverso un suo portavoce, ha minacciato severe ritorsioni se l’esercito sudanese non si ritirerà immediatamente dalla regione contesa.

Intanto a Juba, capitale del Sudan Meridionale che ha appena raggiunto l’indipendenza da Khartoum, si susseguono le riunioni dei capi militari e politici. L’esercito è in stato di massima allerta e diverse divisioni si stanno muovendo verso Abyei. Migliaia di sfollati sono in fuga dalla regione contesa e raccontano di scontri durissimi.

I comandi militari sudanesi ribattono che a scatenare l’invasione di Abyei sarebbe stato l’agguato costato la vita a 22 militari sudanesi avvenuto giovedì scorso (ne abbiamo parlato qui), agguato del quale a Khartoum incolpano l’esercito del Sudan Meridionale (SPLA) che però nega con forza qualsiasi coinvolgimento.

Dopo gli ultimi fatti si fa sempre più strada la convinzione che Khartoum abbia preso l’agguato di giovedì scorso, probabilmente ad opera di qualche gruppo ribelle, come pretesto per poter invadere la regione di Abyei.

Fatto sta che la tensione tra Nord e Sud Sudan torna ad essere improvvisamente altissima. Questa mattina sono stati segnalati bombardamenti aerei sudanesi su alcuni villaggi ad Ovest della regione di Abyei, bombardamenti che avrebbero fatto decine di vittime civili e distrutto diversi mezzi militari dell’esercito meridionale. Una situazione di vera e propria guerra che nelle prossime ore potrebbe veramente degenerare in conflitto aperto. I negoziatori delle Nazioni Unite sono all’opera per scongiurare un conflitto che per l’intera regione sarebbe devastante, ma onestamente si nutrono poche speranze in merito.

Secondo Protocollo

Recently Published Stories

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

accoglienza

Accoglienza: come un atto di civiltà si trasforma in un autogoal per la stessa civiltà

Accogliere senza essere in grado di farlo non solo non è un atto di civiltà ma diventa un vero boomerang nel momento in cui le buone intenzioni non sono sufficienti a mantenere la pace sociale

Sudan: Khartoum attacca la regione di Ab…

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
0