Tel Aviv: programma educativo contro l’omofobia. Israele è un passo avanti

Gerusalemme 31 agosto 2010 – La differenza tra una democrazia conclamata come quella israeliana e una dittatura sanguinaria come quella iraniana si vede anche da queste cose. Mentre a Teheran gli omosessuali li impiccano (e poi Ahmadiejad va a dire orgoglioso che”in Iran gli omosessuali non esistono”) in Israele introducono nelle scuole un programma educativo contro l’omofobia.

L’idea è venuta alla città di Tel Aviv dove un assessore, Yaniv Weizman , consigliere del sindaco Ron Huldai per gli affari della comunità gay, sconcertato per alcuni attacchi ai danni della comunità omosessuale da parte di pochi ultra-ortodossi, ha deciso di introdurre nelle scuole della città un programma educativo contro l’omofobia che spieghi ai ragazzi in cosa consiste la differenza di identità sessuale.

Il programma partirà il prossimo mese di gennaio 2011 e vuole tener conto del boom di iscrizioni nelle scuole di bambini provenienti da famiglie dove i genitori sono dello stesso sesso. Secondo il vice sindaco di Tel Aviv, Assaf Zamir, il programma si rende necessario alla luce della vasta comunità gay e lesbica presente in città e soprattutto perché sempre più coppie omosessuali decidono di sposarsi e di adottare o avere figli. “E’ importante spiegare agli studenti di ogni ordine che è assolutamente sbagliato discriminare qualcuno per la sua identità sessuale” ha detto Zamir in una intervista rilasciata ai media israeliani.

Non mancano, naturalmente, gli oppositori al progetto. Durante la presentazione ufficiale del programma una piccola pattuglia di ultra-ortodossi ha contestato duramente il Sindaco e il responsabile per l’istruzione della città di Tel Aviv, tuttavia i contestatori sono una piccola e sparuta percentuale rispetto alla massa di genitori assolutamente favorevoli al programma.

Quella che arriva da Tel Aviv è una grande lezione di civiltà e di rispetto assoluto dei fondamentali Diritti Umani, una cosa impensabile in qualsiasi paese islamico e, purtroppo, in moltissimi Paesi europei. Il programma educativo contro l’omofobia è guardato con molto interesse anche da altre municipalità israeliane e speriamo che dia il via a un progetto su base nazionale. Soprattutto speriamo che anche in occidente si guardi con interesse a questo progetto scolastico. L’omofobia può essere vinta e la lezione di civiltà che ci arriva da Israele, uno dei Paesi a livello mondiale più tollerante con le differenze di genere, dovrebbe essere presa ad esempio anche dal cosiddetto mondo civilizzato. L’uguaglianza sociale e l’accettazione degli altri è uno degli più importanti Diritti Umani ma anche uno dei più violati. Si prenda esempio dalla municipalità di Tel Aviv.

Rebecca Neumann

Recently Published Stories

kurdistan referendum

Kurdistan: forse non è proprio il momento migliore

Non basta essere determinati, forti e senza paura per affrontare una situazione come quella che si prospetta subito dopo il referendum, serve essere supportati pesantemente, serve avere sostegno militare e diplomatico, cosa che il Kurdistan oggi non ha

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

Tel Aviv: programma educativo contro l&#…

by Franco Londei tempo di lettura: 2 min
0