A renderlo noto è stata la radio di Stato iraniana ripresa oggi dalla Reuters: ieri, domenica 13 maggio, una nave carica di materiale destinato alla Striscia di Gaza ha salpato le ancore diretta verso Gaza allo scopo di forzare il blocco. A bordo vi sono un certo numero di “attivisti” della Iran’s Society for the Defense of the Palestinian Nation, una associazione iraniana che ha gli stessi scopi della famigerata IHH turca.

Una seconda nave partirà venerdì prossimo e ogni settimana, secondo quanto riferisce alla radio iraniana un membro della Iran’s Society for the Defense of the Palestinian Nation, ne partirà una. Alla richiesta di formare un equipaggio di volontari per forzare il blocco di Gaza hanno risposto oltre 100.000 iraniani, in gran parte membri del corpo dei basji.

Al momento in cui scriviamo è solo la Reuters a riportare questa notizia e non si trovano conferme da altre fonti. Tuttavia riteniamo che la notizia possa essere fondata. Secondo Protocollo sta seguendo con molta apprensione quanto avviene in Iran. Oltretutto da tempo stiamo monitorando le attività della Iran’s Society for the Defense of the Palestinian Nation, una associazione che si definisce “agganciata” alla Mezza Luna Verde iraniana ma che in effetti, come la turca IHH, nasconde ben altre finalità e ben altri obbiettivi da quelli “umanitari”.

Nei giorni scorsi Hamas ha fatto sapere di non gradire la provocazione iraniana. Nonostante questo il regime iraniano ha deciso di proseguire in questa vera e propria sfida a Israele che potrebbe portare ad un vero e proprio conflitto armato. Altre news appena possibile.

Secondo Protocollo

1 Comment

  1. brutta storia, davvero brutta storia. Se si avvicinano alla Striscia di Gaza succede un macello. Questi cercano il martirio