Unità conto il cyber-stalking: oltre 100 denunce in due giorni

Il broblema del cyber-stalking, cioè le ripetute molestie via web, è molto più serio di quanto si pensi. Secondo Protocollo domenica scorsa ha attivato in maniera definitiva l’unità di protezione contro il cyber-stalking e il gruppo di controllo contro la violazione dei Diritti Umani sui social network. Ebbene, in appena due giorni sono state oltre 100 le denunce confermate nel settore cyber-stalking e oltre 30 quelle di violazione dei Diritti Umani nei social network.

E’ chiaro che il problema è molto più serio di quanto si pensi. Per fare chiarezza su cosa sia lo stalking via web (cyber-stalking) ricordiamo che sono considerati stalking tutti quegli atteggiamenti persecutori che inducono la vittima a cambiare le sue abitudini. Nel caso specifico di cyber-stalking prendiamo come esempio i possessori di blog. Sono considerati stalking quegli atti che inducono la vittima a cambiare le sue abitudini di pubblicazione come, per esempio, introdurre la moderazione nei commenti quando non c’era o semplicemente cambiare le proprie attività. Sono sconsiderati atti persecutori l’invio ossessivo di mail non desiderate, messaggi in chat non desiderati, messaggi diffamatori ripetuti e reiterati, presentarsi con una falsa identità allo scopo di intervenire e disturbare le normali attività effettuate via web dalla vittima, perseguitare una persona attraverso i mezzi della rete internet (blog, social network, forum, chat, email, ecc. ecc.) a tal punto da costringerla a rinunciare, anche solo in parte, ai benefici della rete.

Come improntare una prima linea di difesa contro il cyber-stalking? Innanzi tutto il persecutore va avvisato che non è persona gradita e quindi non sono graditi i suoi commenti sul blog della vittima, che non sono gradite le sue mail, i suoi interventi su chat, su forum o su altri blog che nominano la vittima. Una volta fatto questo, nel caso il persecutore continui imperterrito, è necessario individuare il suo indirizzo IP (internet protocol) che di solito, per quanto riguarda i possessori di blog, viene individuato nella gestione dei commenti o nel software che monitora il traffico del blog (il contatore visite). Nelle email viene invece individuato attraverso l’analisi dell’Header, cioè quella parte del messaggio nascosta che però è individuabile con poche e semplici procedure, generalmente usando la sequenza “file > proprietà > messaggio originale” oppure “corpo del messaggio” oppure ancora “visualizza > sorgente del messaggio”. In chat è visibile generalmente con appositi plugin, mentre nei forum è visibile agli amministratori. Va detto che molti indirizzi IP sono “dinamici”, cioè cambiano ad ogni nuova connessione quindi è possibile che lo stesso molestatore appaia con diversi IP. Tuttavia la polizia postale è in grado di coniugare a chi corrispondeva un determinato IP ad una determinata ora di un determinato giorno e quindi di rintracciare il molestatore. La polizia postale è in grado di risalire anche a indirizzi IP nascosti da server proxi. L’indirizzo IP è necessario per procedere con la denuncia alla polizia postale.

Attualmente la polizia postale, nel suo sito on line, non mette a disposizione un form per la denuncia di stalking, quindi va inoltrata a mano (in un commissariato) o attraverso la nostra associazione che provvederà a farla pervenire alla polizia postale una volta raccolte tutte le informazioni.

Se si ritiene di essere vittima di cyber-stalking è indispensabile non rinunciare a sporgere denuncia. In molti casi lo stalking via web è l’anticamera del vero e proprio stalking con approccio fisico e in ogni caso, vista la diffusione di internet, può diventare particolarmente tedioso nel momento in cui costringe le vittime a cambiare le loro abitudini, anche quelle di navigazione o frequentazione online. In pratica il cyber-stalking azzera la differenza che generalmente c’è tra la vita virtuale (quella in rete) e la vita reale, portando la vittima a veri e propri stati di ansia che ne possono compromettere la salute fisica e psicologica, anche in modo grave.

Leggi anche

Recently Published Stories

nazifascismo islamico

Vogliamo combattere il nazifascismo? Cominciamo dalla Fratellanza Musulmana

Vogliamo veramente parlare di nazifascismo contemporaneo e di come combatterlo anche attraverso la nuova legge Fiano? Bene, facciamolo, ma facciamolo seriamente partendo dal combattere la Fratellanza Musulmana

iran corea del nord

Iran e Corea del Nord: stesse minacce, reazioni diverse. Perché?

Come mai il mondo ignora completamente le gravissime minacce iraniane a Israele mentre per la Corea del Nord non si contano più le reazioni e le riunioni del Consiglio di Sicurezza dell’Onu?

Apologia del fascismo e il pericoloso DDL Fiano

Non mi piace il DDL Fiano, lo dico da antifascista convinto. Si presta a troppe interpretazioni e assomiglia tanto a un escamotage per silenziare il dissenso, fa cioè una cosa fascista che è proprio quello che dice di voler punire

11 settembre jihad globale

16 anni di Jihad globale e stiamo perdendo la guerra

A 16 anni dall’attacco alle torri gemelle ancora ci rifiutiamo di vedere la realtà e cioè che siamo in guerra con l’Islam, una guerra che noi ci rifiutiamo di combattere diventando facili prede della Jihad globale

nazifascismo italia

Nazifascismo in crescita in Italia. Le responsabilità della sinistra

Non sarebbe male per la sinistra fare un sano “mea culpa” sulla situazione che si è venuta a creare in Italia a causa di una politica stupida e arrogante

accoglienza

Accoglienza: come un atto di civiltà si trasforma in un autogoal per la stessa civiltà

Accogliere senza essere in grado di farlo non solo non è un atto di civiltà ma diventa un vero boomerang nel momento in cui le buone intenzioni non sono sufficienti a mantenere la pace sociale

Unità conto il cyber-stalking: oltre 10…

by Franco Londei tempo di lettura: 3 min
0